How I Met Your Mother

How I Met Your Mother: recensione dell’episodio 9.21 – Gary Blauman

Mi sono rivista in questo episodio. Sono tornata a due anni fa (quando mi sono sposata) e stavo preparando la lista degli invitati. Il nostro è stato un matrimonio con molti invitati perché siamo due persone che amano circondarsi dei propri amici e sono così anche i nostri genitori. Come a tutti però, ci è capitato di pensare a quanti dei nostri invitati frequenteremo ancora regolarmente nel futuro. Quello che phimym921_2osso dire è che ci sarà sempre qualcuno che si allontanerà da te, succede sempre, ma ci sarà anche qualcuno che avresti voluto conoscere meglio per invitarlo quel giorno.

È proprio questo il punto di tutto l’epsiodio di questa settimana di How I Met Your Mother che ripercorre, con la scusa di Gary Blauman, le scelte di tutti i protagonisti: alcune amicizie e relazioni sono destinate a durare per sempre ma la maggior parte non lo sono affatto. La maggior parte delle persone che incontriamo sono semplicemente di passaggio nella nostra vita anche se questo non significa che non possano avere un peso importante per noi in un dato momento.

himym921_3Prendiamo ad esempio Ted. Prima di incontrare the mother ha passato diversi momenti transitori che lo hanno aiutato e portato ad essere ciò che è ora. In un certo senso HIMYM è per noi tutti spettatori un momento transitorio della nostra vita degli ultimi nove anni, se ci pensate.

Tornando alla storia scopriamo che Ted e the mtoher (che ancora non sappiamo come si sono conosciuti esattamente il giorno elle nozze) escono assieme per la prima volta tre giorni dopo le nozze. Come sempre l’inizio è tragico (d’altra parte non sarebbe Ted se non fosse così!) e il ristorante di cucina scozzese, messicana e fusion a cui dovevano recarsi ha una band live che impedirebbe qualsiasi chiacchiera da primo appuntamento. Poco male… i due decidono di incamminarsi alla ricerca di un altro posto ma incappano nell’ex di lei (che è stato lasciato pochi giorni prima dopo averle fatto la proposta di matrimonio). Scoraggiata dall’incontro the mother preferisce chiudere l’appuntamento non sentendosi ancora psicologicamente pronta ad aprire un nuovo capitolo sentimentale nella sua vita.

himym921_4Sulla strada verso casa di the mother Ted continua a raccontarle la storia di come Gary Bauman si fosse presentato al matrimonio di Barney e Robin senza aver confermato la sua presenza e di come non vi fosse quindi posto per farlo sedere. Nel decidere se Gary dovesse restare o andarsene scopriamo inoltre come tutti i presenti lo hanno precedentemente conosciuto e di come sia impossibile restarne indifferenti: o lo si ama o lo si odia. (Ad essere precisini qui ho notato un errore nella sceneggiatura: Ted sta raccontando a the mother tutti questi avvenimenti ma alla fine dice “And that’s how it goes, kids”.)

Molto divertente la scenetta che permette a Marshall di entrare nel ruolo del giudice e stabilire quindi, in base alle prove presentate e alle richiesta giunte, se Gary Blauman dovesse restare o andarsene. “Blauman stays. For one simple reason. There is a higher law at every wedding, a law that trumps all other arguments: when the brides asks for something, she gets it”. E come dargli torto?

Forse per la prima volta nella serie, ad esclusione dei due figli di Ted, vediamo cosa succederà nel futuro agli altri personaggi: il barista Carl è ancora da McLaren’s ma questa volta con suo figlio, Scooter ha sposato l’unica donna che poteva fargli dimenticare Lily ovvero il suo doppelgänger, Kevin è ora il terapista di Jeanette, Patrice ha un suo show radiofonico, Billy Zabka ha vinto il premio umanitario per la letteratura, James e Tom hanno risolto i loro problemi e sono tornati assieme, Sandy Rivers ora presenta un telegiornale in Russia, il vero nome di BlahBlah era in realtà Carol, Biltz continua ad avere una certa sfortuna, Ranjit ha fatto la sua fortuna in borsa e ora è proprietario di un servizio di limousine, e Zoey continua a protestare per le cause più assurde ma giuste. Un modo splendido, a mio avviso, per riportare in scena più attori possibile per permettere anche a loro di salutare tutti noi spettatori della serie.

È sempre più difficile cercare di essere obiettivi con l’avvicinarsi della inevitabile fine ma credo che questo episodio abbia bilanciato in modo corretto gli aspetti malinconici e melodrammatici con quelli divertenti e si è dimostrato ancora una volta un ottimo.

Una menzione a parte va fatta per Neil Patrick Harris che a dato il suo meglio nel monologo su come lui abbia conosciuto Gary Blauman. È stato perfetto e ha dimostrato ancora una volta di essere un attore brillante.

Comments
To Top