fbpx
Serie Tv

House of the Dragon: 28 curiosità sullo spin-off del Trono di Spade

Mentre il finale di House of the Dragon è ancora fresco nella nostra mente, e in attesa della seconda stagione, non ci resta che passare il tempo scoprendo nuovi e interessanti dettagli e curiosità su House of the Dragon, diretta da Michael Sapochnik e Ryan Condal.

Impossibile negare che prima della sua uscita, la serie tv era al centro di diversi dibattiti e scetticismo: sarà all’altezza di Game of Thrones, gli attori saranno altrettanto bravi, sarà fedele ai libri di George R.R. Martin?

Per fortuna, lo show della HBO non ha soltanto dimostrato di essere un degno erede della serie tv che ha lanciato verso il successo Emilia Clarke, Kit Harrington e Sophie Turner (oltre a tanti altri!) ma di essere a pieno diritto una serie tv autonoma, stabile e tutt’altro che deludente.

Ecco tutte le curiosità sulla serie tv House of the Dragon!

house of the dragon curiosita - daemon targaryen
House of the Dragon – Tutte le curiosità sulla serie tv; Matt Smith nei panni del principe Daemon Targaryen

Budget da capogiro per i dieci episodi della prima stagione

1 – La serie tv con Paddy Constantine, Olivia Cooke e Emma D’Arcy non avrebbe dovuto essere il primo spin-off ambientato a Westeros. La prima produzione che avrebbe dovuto seguire le orme de Il Trono di Spade, infatti, sarebbe dovuta essere una serie ambientata 8000 anni prima degli eventi che hanno visto la scalata al potere di Daenerys Targaryen, con protagonisti Naomi Watts e Jamie Campbell. Il pilot, costato oltre 30 milioni di dollari, è stato tuttavia bocciato dalla HBO e la produzione è stata interrotta.

LEGGI ANCHE: Game of Thrones – Il Trono di Spade: Tutti gli spin-off in programma

2 – Ciascun episodio della prima stagione della serie tv ha avuto un costo esorbitante: circa 20$ milioni a episodio. Una cifra stellare, se paragonata ai 6$ milioni per episodio della serie madre, che aveva raggiunto i 15$ milioni per episodio nella sua (discutibile) stagione finale.

3 – Le riprese della serie tv sono durate, in totale, dieci mesi.

4 – Il primo trailer della serie tv è stato rilasciato nell’aprile del 2021, ovvero data nota come “Iron Anniversary”, dieci anni dall’uscita della prima stagione del Trono di Spade. Le riprese non erano ancora state concluse, all’epoca, ma i fan hanno senz’altro gradito.

5 – La premiere della serie tv ha contato ben 10 milioni di spettatori. Un numero stellare per la storia delle serie tv, nonché il più alto per qualsiasi pilot andato in onda sul canale HBO.

house of the dragon curiosita rhaenyra targaryen alicent hightower
House of the Dragon – Tutte le curiosità sulla serie tv; Olivia Cooke nei panni della Regina Alicent Hightower e Emma D’Arcy nei panni della principessa Rhaenyra Targaryen

Miguel Sapochnik come showrunner e un rinnovo “fulmineo”

6 – Il rinnovo di House of the Dragon è arrivato in maniera praticamente istantanea. Dopo la brillante premiere, infatti, nei cinque giorni successivi, il pilot ha contato 20 milioni di spettatori. La HBO ci ha messo davvero poco a decidere che la serie tv avrebbe avuto una seconda stagione, annuncio che non ha tardato ad arrivare sui social.

7 – David Benioff e D.B.Weiss (sceneggiatori, produttori e showrunner di Game of Thrones) avevano ricevuto l’offerta di partecipare nei panni di produttori esecutivi allo spin-off. I due, forse ancora “traumatizzati” dal flop dell’ultima stagione dello show originale, hanno tuttavia rifiutato, preferendo continuare a lavorare su altri progetti per Netflix.

8 – Gli showrunner di House of the Dragon sono Ryan Condal e Miguel Sapochnik, già noto ai fan della produzione fantasy in quanto regista di alcuni dei migliori episodi de Il Trono di Spade, inclusa la Battaglia dei Bastardi. Sapochnik, tuttavia, non sarà showrunner della stagione 2 e farà un passo indietro come produttore esecutivo. Al suo posto, Alan Taylor prenderà la guida e la regia della serie tv.

9 – Gli eventi alla base della trama del libro di Martin sono vagamente ispirati ad un evento storico realmente accaduto in Inghilterra. Nel 1120, infatti, il figlio ed erede al trono di Re Enrico I affogò, lasciando il sovrano con una sola figlia femmina: Matilda. Quest’ultima venne nominata erede e tutti i lord del regno giurarono fedeltà alla ragazza. Quando il re morì, nel 1135, suo nipote Stefano di Blois decise di impadronirsi del trono, causando una sanguinosa guerra civile. Vi ricorda nulla?

daenerys targaryen rhaenyra targaryen

Ambientato 172 anni prima dell’arrivo di Daenerys Targaryen

10 – Come viene specificato anche nell’introduzione del pilot, gli eventi della serie tv si svolgono 172 anni prima della nascita di Daenerys Targaryen, protagonista della serie tv Game of Thrones.

11 – Nella prima stagione si parla spesso dei “Sette Regni”. Peccato che Dorne, a questo punto della storia di Westeros (112-132) fosse ancora indipendente e non sarebbe stata ufficialmente annessa fino al 187. Tuttavia ogni sovrano Targaryen ha sempre considerato Dorne parte del proprio regno, nonostante ufficialmente non fosse proprio così.

12 – A differenza della serie tv House of the Dragon, nei libri di Martin Alicent Hightower e Rhaenyra Targaryen non sono mai state amiche d’infanzia. Alicent arriva nella Fortezza Rossa per assistere il re morente, Jaeherys (predecessore di Viserys), ed ha ben nove anni più di Rhaenyra. La scelta di unire le ragazze fin dalla giovane età si è dimostrata vincente, creando una sfumatura ancor più drammatica all’evolversi degli eventi, ma non è qualcosa che Martin aveva scritto.

13 – Uno dei casting meglio riusciti della prima stagione è senz’altro quello delle attrici che interpretano Rhaenyra Targaryen: Milly Alcock e Emma D’Arcy. Per evitare che le due attrici assorbissero l’una l’interpretazione dell’altra, Sapochnik aveva chiesto alle attrici di comunicare e interagire il meno possibile prima dell’inizio delle riprese, così da non “sporcare” l’interpretazione del personaggio

14 – Secondo lo showrunner Ryan Condal, l’unico attore che sia mai stato considerato per il ruolo di Daemon Targaryen è stato Matt Smith. Quando era stato annunciato che Matt Smith avrebbe interpretato Daemon Targaryen, molti fan erano stati delusi. Immaginando qualcuno più muscoloso e tradizionalmente “bello” per vestire i panni del principe ribelle. Per fortuna anche i più scettici hanno dovuto ricredersi vedendo la sua interpretazione.

olivia cooke alicent hightower
House of the Dragon – Tutte le curiosità sulla serie tv; Olivia Cooke nei panni della Regina Alicent Hightower

E se Olivia Cooke avesse interpretato… Rhaenyra?

15 – Matt Smith e Emilia Clarke, rispettivamente Daemon e Daenerys Targaryen, sono grandi amici nella vita reale e hanno lavorato insieme nel film Terminator Genisys. L’attore di Doctor Who ha ricordato che l’attrice aveva già in quell’occasione lamentato che per indossare la parrucca del proprio personaggio impiegasse circa un paio d’ore al giorno. Esperienza che lo stesso Smith ha dovuto imparare a sopportare per indossare la propria di parrucca.

16 – Durante le riprese in Portogallo (che corrispondono a quelle di Volantis, nello show), Matt Smith si è fatto male sul set. Questo ha causato due eventi: in primo luogo l’attore ha dovuto fare fisioterapia una volta concluse le riprese. In seconda istanza, restare “fermo” ha permesso a Matt Smith di legare molto con il cast più giovane, che ha distratto nelle pause tra un ciak e l’altro.

17 – L’attrice Olivia Cooke, che interpreta Alicent Hightower, aveva fatto l’audizione per ben due volte per il ruolo di Rhaenyra. In entrambe le occasioni era stata considerata per la parte di Alicent e, dopo un’attesa di ben sei settimane, l’attrice di Bates Motel ha scoperto che aveva ottenuto la parte.

18 – Prima di essere scelta come Alicent, Olivia Cooke non aveva mai visto la serie originale. Quando ha scoperto che avrebbe fatto parte del cast di House of the Dragon, l’attrice ha bingwatchato tutte e otto le stagioni della serie tv “madre”.

LEGGI ANCHE: Olivia Cooke – 7 cose che non sai dell’attrice di Bates Motel e House of the Dragon

Avete notato i draghi? Nella prima stagione ce n’erano ben 17!

19 – In più di una scena, sia Milly Alcock che Emma D’Arcy e Matt Smith parlano l’Antico Valyriano, la lingua dei Targaryen. L’attore Matt Smith ha rivelato a GQ che si è trattato di imparare un mix tra Latino e Arabo. Nonostante la preoccupazione iniziale, le scene con battute in valiriano si sono rivelate essere alquanto piacevoli.

20 – Il tema della nascita e della maternità è stato ampiamente esplorato della prima stagione. Secondo lo showrunner Miguel Sapochnik, ciascuna nascita/momento di maternità ha evidenziato un momento e una sfumatura diversa del tema, proprio come nelle precedenti stagioni di Game of Thrones era stato fatto con le diverse battaglie.

21 – Un po’ come accaduto per Una Mamma per Amica, anche House of the Dragon ha già il finale “scritto”. Pare che il progetto top secret sia noto e che l’HBO sia totalmente a bordo con il finale della serie tv, almeno “ad oggi”.

22 – Nella prima stagione sono stati “creati” in CGI ben 17 diversi draghi.

23 – George R.R. Martin, oltre a confermare che lo show per lui è un grosso “sì” ha detto di aver apprezzato tantissimo l’interpretazione di Paddy Considine nei panni di Re Viserys I. Secondo l’autore delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, infatti, l’attore è stato in grado di attribuire al personaggio una regalità particolare. Qualcosa che nei libri non è mai riuscito ad avere.

24 – Steve Touissant interpreta Corlys Velaryon, che nei libri ha pelle chiara, capelli d’argento e occhi viola. Molti fan hanno protestato per la scelta di un attore non caucasico per il ruolo di Corlys ma l’attore li ha messi a tacere con alcuni pungenti commenti. Tra cui il fatto che le persone dovessero imparare ad accettare anche “uomini di colori, ricchi e di potere”.

House of the Dragon – Tutte le curiosità sulla serie tv; Eve Best nei panni di Rhaenys Targaryen e Steve Touissant in quelli di Corlys Velaryon

Discriminazioni di casting e un set più “fedele” ai libri

25 – A differenza della serie tv principale, nello spin-off è possibile vedere un nuovo trono di spade. Un trono completamente diverso da quello su cui si è seduto Robert Baratheon prima e Joffrey Baratheon poi. La versione di House of the Dragon è molto più rustica ma fedele all’immagine che è rappresentata nei libri. Una curiosità che la serie non approfondisce riguarda la pericolosità del trono: chiunque si sedesse sul Trono di Spade e restasse ferito, pare che fosse credenza popolare che non fosse degno a sedere sul trono. Curioso che Viserys continui a tagliarsi mentre Daemon non si sia mai fatto nemmeno un graffio.

26 – La fortezza in cui si svolge gran parte dell’azione ad Approdo del Re è una fortezza vera e propria. Gli attori hanno infatti confermato che, volendo, sarebbe stato possibile viverci all’interno, per quanto fosse spaziosa e ben organizzata. I tunnel di corridoi e stanze hanno causato più di una volta un pò di confusione!

27 – Quando ha scoperto di aver ottenuto la parte, Emma d’Arcy era in campagna, in un campo, con l* prori* partner. Aveva fatto audizioni per ottenere la parte di Rhaenyra per tre mesi di fila e l’ultimo feedback le aveva fatto intuire che non avrebbe ottenuto la parte. Invece, alla fine, le cose sono andate diversamente.

28 – I personaggi preferiti di Emma d’Arcy in Game of Thrones sono gli Estranei e Tyrion Lannister. Invece Olivia Cooke ha amato particolarmente Tyrion ma anche Cersei. Entrambe, infine, sono grandi fan del Mastino.

Kat

Cavaliere della Corte di Netflix e Disney+, campionessa di binge-watching da weekend, è la Paladina di Telefilm Central, protettrice di Period Drama e Fantasy. Forgiata dal fuoco della MCU, sogna ancora un remake come si deve di Relic Hunter.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio