fbpx
Recensioni Serie Tv

Homeland: Recensione dell’episodio 4.04 – Iron in the Fire

Disturbante è l’aggettivo che mi viene in mente alla fine di questo episodio. Ed è come ho descritto con una sola parola questo Iron in the Fire, a margine di questa recensione. Tutto per quell’ultima scena, così forte, così sbagliata, così d’impatto. Parto proprio dalla coda, perché racchiude un po’ tutto il senso di questa prima parte di stagione, o meglio, racchiude quello che è l’interrogativo morale che serpeggia sottotraccia: fino a dove è lecito spingersi quando si vogliono ottenere dei risultati? Fino a che punto in guerra, perché di guerra si tratta, ci si può muovere e quali confini si possono o non possono superare? Quasi nessuno ormai per Carrie, a quanto ci danno a vedere.

Non dico che non siamo scafati nel vedere certe cose, sono convinto che altri, come me, oltre a questo show vedano anche The Americans e lì l’andare a letto con qualcuno per ottenere informazioni è la prassi, ma qui stiamo parlando di un ragazzino, non credo abbia nemmeno 20 anni e dall’altra parte c’è una donna, una madre, anche se lo è a malincuore. Io sinceramente ho provato molto fastidio, non so voi.

homeland 4x04cQueste però sono considerazioni personali, l’episodio, d’altro canto, è sicuramente in linea con quello che ci sta mostrando Homeland in questa stagione: alla costruzione che è sempre di pregio, si affiancano quest’anno un ritmo e una compattezza di trama che non sempre erano presenti nelle stagioni precedenti. Memori degli errori e criticità che c’erano stati in passato, qui mi sembra che si stiano proprio evitando momenti morti (presenti un po’ in tutte le stagioni passate, ma soprattutto nella prima) e storie di contorno a dir poco inutili (eh, sì, Diana Brody, parlo proprio di te). Quest’anno, finora, tutta la storia si sta concentrando su un unico filone, la complessa trama spionistica che è partita dall’assalto coi droni e che ora sta spaziando in un sotterraneo conflitto tra USA e Pakistan, Paesi sulla carta alleati, ma con non sempre la stessa agenda. Tutte le cose marginali, come il rapporto Carrie/sorella/figlia, sono state direttamente funzionali a descrivere lo stato psicologico dei protagonisti, cosa di cui necessitavamo soprattutto per via del balzo in avanti di diversi mesi nella narrazione.

Il ritmo, inoltre, è sempre abbastanza sostenuto: certo siamo in Homeland e non in 24, dove esplodono macchine e persone ogni 4 minuti, ma possiamo ben vedere come succedano molte cose durante ogni episodio e ci siano continui piccoli passi avanti e la trama a tratti sembra chiarirsi a tratti s’infittisce, richiedendo un livello d’attenzione allo spettatore alto, ma proporzionale al target che segue questo show, che certo non è chi guarda le serie tv stirando.

homeland 4x04bTornando al conflitto e al dilemma morale, sono due i personaggi che identificano i poli opposti, come anche avevamo visto nelle scorse recensioni: Carrie e Quinn. Una farebbe tutto pur di arrivare allo scopo, l’altro invece non è più disposto a superare quasi nessuna linea di demarcazione e se lo fa, lo fa solo per una sorta di non meglio identificato affetto/legame che lo lega a Carrie. Lungi da me determinare chi ha ragione e chi torto, non servirebbe una recensione per vedere la questione da ogni possibile angolazione e considerando ogni possibile conseguenza, ad ognuno il suo libero pensiero, quello che invece mi preme sottolineare è come tutto questo venga realizzato.

Entrambe i personaggi sono “rotti”, se Quinn, e lui stesso ce lo ricordo, ha ucciso un bambino nel corso di una missione e quest’onda lunga lo ha colto un po’ di tempo dopo mentre si assommava ad altre, Carrie non ce lo ricorda, ma noi lo vediamo, lo abbiamo visto nel suo sguardo mentre era con la figlia o quasi costantemente nei suoi momenti di “pausa dall’azione”, ha visto impiccare davanti ai suoi occhi l’uomo che amava, il padre di sua figlia ed ha fallito nell’impossibile tentativo di salvarlo. homeland 4x04eSono due persone sconfitte che reagiscono a loro modo alla sconfitta: affogandola nell’autodistruzione o sommergendola con il lavoro e l’azione. Ma sono entrambe lo specchio uno dell’altra e la regia ce lo sottolinea facendoci ogni tanto vedere Carrie con gli occhi di Quinn e ogni tanto il contrario.

In questo gioco di specchi, però, il dominante è Carrie, perché attorno a lei ruota molto: non solo la storia ma anche i restanti personaggi, Detto di Quinn e della sua poco chiara affezione a Carrie, possiamo vedere anche Saul che con orgoglio “paterno” fa di tutto per la sua figlioccia putativa, rimettendosi in un gioco dal quale non era mai uscito veramente, ma anche Fara che vorrebbe essere una Carrie, ne stiamo vedendo le movenze, i tentativi, i fallimenti, i successi, ma soprattutto il copiare la spregiudicatezza e il rischio di quella che è la sua mentore.

homeland 4x04aIn questo episodio sono stati inseriti diversi altri personaggi che sono funzionali alla narrazione: dal marito dell’Ambasciatrice, reo della fuga di documenti, alla sua ricattatrice che ancora non è chiaro se sia dei servizi segreti pakistani o di qualche organizzazione terroristica, fino all’organizzatore sul campo dell’attentato a Sandy. Un racconto che si fa sempre più corale e rinsalda anche punti e personaggi che non sono stati messi in disparte, come l’agente al quale Carrie ha soffiato il posto di Direttore locale dell’intelligence. In tutto questo il colpo di scena della non morte del Qaedista che si pensava morto dalla premiere, spiazza tutti e scombussola la narrazione.

Iron in the Fire, quindi, conferma la buona partenza di questa stagione, intrattiene, fa pensare, intriga e disturba, lascia la voglia di sapere cosa accadrà la prossima settimana.

4.04 - Iron in the Fire

Disturbante

Valutazione globale

User Rating: 3.77 ( 3 votes)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button