fbpx
Homeland

Homeland: Il presidente di Showtime parla della terza stagione e del futuro della serie

Homeland è stata di sicuro una delle serie più discusse del 2013, grazie o a causa di una terza stagione che ha completamente stravolto i canoni che la serie aveva fino ad ora rispettato. In occasione della conferenza stampa invernale del Television Critics Association, il presidente di Showtime, David Nevins, ha affrontato sin da subito l’argomento, sicuramente uno homeland 312ddei più scottanti: “Da quello che ho letto su Twitter, ci sono state molte reazioni diverse quest’anno, ma l’unica cosa che posso dire è ‘Grazie di essere così presi'”.

Quando gli viene chiesto, in maniera più diretta, della reazione della critica, Nevins non ha esitato ad elogiare questa stagione, nonostante il ‘reset’ voluto: “Ci sono state cose che non mi hanno sorpreso. Ho trovato questa stagione brillante nel modo in cui è stata architettata. Credo che quello che hanno presentato in questa stagione sia stato audace e intelligente. E’ stata una stagione interessante e sapevamo già che ci sarebbe stato un reset”.

Homeland-3x03-1Il cambiamento principale che si dovrà affrontare nella quarta stagione è, sicuramente, la morte di Brody, che lascerà Carrie con una bambina e una partenza verso la Turchia, ma secondo Nevins non sarà traumatico: “Questo è uno show che si occupa, fondamentalmente, di operatività sul campo e, fatta eccezione per la prima stagione e la fine della terza, non abbiamo visto Carrie all’opera sul campo. L’intenzione per la prossima stagione è proprio quello di vederla all’opera in una capitale spesso dimenticata”.

Come è successo già nella terza stagione, Saul avrà un ruolo fondamentale: “Mi aspetto che abbai un ruolo centrale, che sia importante”-ha detto il presidente di Showtime.

Comments
To Top