fbpx
CinemaNews Cinema

Half Life e Portal: i film si faranno, parola di J.J. Abrams

Nel 2013, durante il DICE Summit, J.J. Abrams parla di una collaborazione tra Bad Robot (la sua casa di produzione) e Valve (nota software house di videogiochi) e la possibilità di realizzare due film basati su Half Life e Portal, popolari videogiochi distribuiti da Valve.

J.J._Abrams

Siamo già al 2016 e il progetto sembrava essere stato dimenticato, invece durante una conferenza stampa all’IGN (Imagine Games Network) per la promozione del film 10 Cloverfield Lane prodotto da Abrams, il regista risponde ad una domanda sulla realizzazione dei film:

“Non ancora, ma li stiamo sviluppando. E abbiamo degli scrittori. E stiamo lavorando su entrambe le storie. Ma nessun aggiornamento interessante”.

Le parole del regista di Super 8 e del reboot di Star Trek, benché poche e vaghe, mantengono vive le speranze degli appassionati di videogames. Probabilmente c’è ancora molto da aspettare, visto che non ci sono notizie su un possibile cast, un possibile regista o una possibile data d’inizio delle riprese. Ma il progetto è ancora in piedi, e se lo dice J.J. Abrams c’è da fidarsi.

Dopotutto la sua ultima produzione (10 Cloverfield Lane appunto) considerato parente di sangue del precedente Cloverfield, è stato diretto da Dan Trachtenberg, il quale si è fatto conoscere grazie ad un cortometraggio basato proprio sul videogioco Portal. Il semaforo è ancora verde, dunque, per i due videogiochi.

half life

Half Life fu pubblicato nel 1998 e vinse moltissimi premi tra cui “Game of the Year” per diversi anni. La storia si sviluppa in uno stabilimento del New Mexico in cui un fisico teorico, Gordon Freeman, dovrà sopravvivere ad un’invasione di alieni che raggiungono la struttura di ricerca attraverso uno squarcio dimensionale. La frattura, infatti, generata da un esperimento andato male, ha creato un collegamento con Xen, un mondo alieno.

maxresdefault-31

Portal, invece, uscito nel 2007, segue la storia di Chell, una donna che si sveglia in un centro di ricerca (l’ambientazione è la stessa di Half Life) e deve riuscire ad uscirne viva senza cadere nei tranelli dell’Intelligenza artificiale GLaDOS, che l’accompagna fino alla fine.

La particolarità dei due giochi, a detta degli esperti, sembra essere proprio la giocabilità più della trama in sé, che forse in un adattamento cinematografico perderebbe un po’ di fascino.

Speriamo che la Bad Robot faccia un buon lavoro nel reclutare uno staff di esperti che riesca a rendere al meglio le qualità dei due giochi tanto amati dal pubblico di gamers.

Ci sono diversi esempi di film basati su videogiochi, da Resident Evil e Tomb Raider, fino ai più recenti Hitman – Agente 47 e Assassin’s Creed (nelle sale a fine 2016, con protagonista Michael Fassbender), di certo è un genere che attira un’audience di appassionati pronti ad andare in visibilio ad ogni scena. Ci auguriamo che J.J. Abrams non deluda nessuno. Anche se, dopo aver superato la grande prova di Star Wars VII ed essere sopravvissuto ai fan, credo possa affrontare qualsiasi cosa.

Francesca Plumari

Spettatrice di professione con brevetto da lettrice. Scrivo per lavoro e per amore. Mi appassiona quasi tutto. Vorrei essere Sherlock Holmes, ma non so suonare il violino.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio