Grey's Anatomy

Grey’s Anatomy: recensione dell’episodio 13.07 – Why Try to Change Me Now

ABC

Why Try to Change Me Now è una boccata d’aria fresca nelle stanze (quasi) ammuffite di Grey’s Anatomy. Dopo una serie di episodi impantanati su questioni stabilizzate come il retrocedimento di Alex dopo l’aggressione a DeLuca o il triangolo tra Meredith, Maggie e Riggs, arriva finalmente un evento che mischia le carte in tavola.

La novità si chiama Eliza Minnick.

Interpretata da Marika Dominczyk (i più la ricorderanno per il ruolo di Tyler in Brothers and Sisters), la dottoressa Minnick si occupa di ristrutturare il personale degli specializzandi negli ospedali. Chirurgo sportivo con 52 pubblicazioni alle spalle, la giovane professionista non sembra proprio il tipo che si fa mettere i piedi in testa da altri. Il motivo della sua chiamata al Grey Sloan Memorial Hospital è dovuto alle gravi carenze mostrate dagli specializzandi dell’ospedale di Seattle, probabilmente a causa del dottor Webber, attuale responsabile dei tirocinanti, non al passo con l’evoluzione della medicina. L’idea di sostituirlo, o perlomeno affiancarlo, viene dalle due donne a capo dell’azienda ospedaliera: Miranda Bailey e Catherine Avery, moglie di Webber.

grey2

Seppur inizialmente odiata da tutti, la Minnick dimostra di essere la molla che serve a far cambiare le cose in meglio; amata dagli specializzandi perché rappresentante della loro condizione malcurata, è invece decisamente malvoluta dai chirurghi che ormai si auto-considerano divinità. A cominciare da Meredith, la più antipatica della ciurma, tutti i chirurghi già strutturati sono reticenti a passare la palla al loro specializzando, un po’ per diffidenza e scetticismo nell’affidare a un tirocinante una situazione di emergenza, un po’ per mania di protagonismo e superbia. Da Owen e Amelia a Maggie e Webber, Eliza passa al setaccio tutti, dando loro consigli e opinioni ovviamente non richieste, spesso umiliandoli.

Sembra essere molto dura ma la funzionalità dell’operazione dà i suoi frutti: provando tecniche nuove e sfondando le barriere delle prime volte gli specializzandi Edwards, Ben Warren, Murphy e DeLuca scoprono i loro punti di forza e la loro effettiva capacità di agire in sala operatoria, aumentando di molto le loro prestazioni, ma imparano anche a conoscere i loro limiti e il punto esatto in cui vogliono fermarsi per la sicurezza del paziente. È il caso dei due pazienti di questa settimana: Enid, un’adorabile vecchietta superstar nella squadra di bowling dell’ospizio con una cistifellea infiammata ed Emmett, corpulento afroamericano accompagnato dalla moglie per una delicata operazione alla schiena poiché caduto da un soffitto mentre faceva bricolage. In entrambi gli interventi gli specializzandi hanno la possibilità di imparare, questa volta molto più che in passato grazie allo spalleggiamento della Minnick.grey3

Il resto rimane abbastanza al margine. April e Jackson esplorano nuovamente la vita da single: April si approccia a Tinder e agli spit dates, sostenuta dai consigli di Jackson, già esperto nelle app di incontri e navigato nell’affrontare appuntamenti al buio. Sembra banale ma tutto fa pensare a un ritorno di fiamma fra i due che, divorziati o meno, restano la coppia più dolce del mondo.

Tutt’altra storia per Owen e Amelia. Dopo aver visto i trascorsi difficili di Amelia (che abbiamo ripassato nella scorsa puntata e ricordiamo bene da Private Practice) capiamo che le cose tra lei e Owen andranno complicandosi, in primis il fatto di avere una famiglia insieme. Anche se prima di sposarsi sembrava d’accordo, ora Amelia non vuole più avere un figlio a causa del trauma precedente nel partorire un bambino anencefalo e Owen rimane fregato per la seconda volta, dopo Cristina, perché una famiglia è la cosa che più vorrebbe al mondo. Come andrà a finire? Drammi altalenanti che sì, ci interessano, ma non ci appassionano né ci sconvolgono come dovrebbero.

Ci interessa invece il flirt (da me intravisto già nei primissimi minuti, in anticipo sui segnali lanciati da Grey’s) tra Eliza Minnick e Arizona. Le due si sono viste e siamo certi non si scorderanno facilmente, come detto dalla Minnick in persona. È l’inizio di una nuova love story per la dottoressa Robbins e non ci saranno ritorni di Leah Murphy che tengano. Dalla settimana prossima vedremo come la Minnick, che verrà quasi sicuramente assunta, non sarà disposta a divere il suo ruolo con Webber, che quindi dovrà essere doverosamente ridotto come autorità dalla Bailey.

L’aria nuova serve sempre nelle serie e più che mai in Grey’s Anatomy. Nuovi personaggi significa nuove storie e nuove storie significa nuova linfa vitale per lo show, il che fa solo bene. Dopo vicende noiose e gravosi debiti di trama alle spalle, finalmente una luce alla fine del tunnel lascia intravedere un nuovo passo in avanti, un passo nella direzione giustaLasciare il porto sicuro, addentrandosi in nuove avventure con rischiose modifiche al cast, spesso è la cosa giusta da fare. E noi saremo ben felici di navigare in nuove acque.

Voto: 4/5 – Nuovo

Per restare sempre aggiornati su Grey’s Antomy, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per Grey’s Anatomy Italia, Thank God is Tursday – SHONDALANDPrendi me, scegli me, ama me, Shondaland Italy. E non dimenticate di di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema.

Comments
To Top