fbpx
0Altre serie tv

Gotham: Bruno Heller parla della serie più attesa del prossimo autunno

Gotham

Bruno Heller (Rome, The Mentalist), la mente dietro una delle serie più attese della prossima stagione, ha deciso di rispondere ad alcune domande sul prequel di Batman che vedremo il prossimo autunno sulla Fox. Una delle ragioni che ha spinto la Warner Bros e la DC Comics a pensare che un prodotto del genere possa funzionare è la sicurezza che la linea narrativa non si andrebbe a sovrapporre o intrecciare con quella dei film, trattandosi della storia antecedente a Batman. Heller afferma sicuro che se gli avessero proposto di “fare Batman” avrebbe rifiutato, ritenendo più interessante la parte di storia che porterà un giorno il giovane Bruce Wayne a decidere di indossare la maschera dell’Uomo Pipistrello. “Già da qualche BrunoHelleranno stavo cercando di trovare un accordo con la DC per lavorare ad un progetto insieme e senza accorgerci sia da parte mia che da parte loro è arrivata la stessa proposta, il nocciolo della questione era: e se il giovane James Gordon fosse stato il detective che ha indagato sull’omicidio dei genitori di Bruce? E una volta fatta questa connessione si apre un mondo di storie che non sono mai state raccontate prima, ovvero il mondo di Gotham prima di Batman, quando Gordon era giovane, Wyne era un bambino e i cattivi non erano ancora diventati i cattivi che oggi conosciamo, dandoci la possibilità di raccontare le loro origini” afferma lo showrunner. Parlando invece della sceneggiatura, Heller afferma di essere partito proprio da Gordon per scrivere il soggetto, la persona più umana, reale e normale nel Pantheon della DC Comics; in un secondo momento si è dedicato al mondo della città, che come possiamo intuire dalle parole del creatore della serie, si appresta ad essere uno dei personaggi dell’universo narrativo. “Sotto l’aspetto visuale Gotham sorpasserà i film” arriva a dire, “essendo ambientato per  le strade della città abbiamo la possibilità di conoscere tante persone, è un universo colorato, vivido e affollato. Ci siamo ispirati alla New York degli anni ‘70”. Essendo la città qui rappresentata ancora una sorta di embrione rispetto alla Gotham che noi tutti conosciamo, molto del lavoro è stato fatto a ritroso rispetto ai personaggi, quindi immaginare com’erano da giovani Catwoman o il Pinguino per esempio.

Nel corso della lunga intervista rilasciata ad EW Heller non risparmia frecciatine verso altri mondi del fumetto (“in tv i supereroi in tutina non funzionano, le persone vogliono vedere le facce” “nel modo di Batman i personaggi non hanno i superpoteri, non c’è nessuno che vola o si arrampica sugli edifici”) dando un immagine molto sicura di se e sentenziando che il giovane David Mazouz, che nella serie interpreta proprio il futuro Batman, è il miglior interprete di Buce Wayne visto fin’ora.

Ben McKenzieTornando a parlare della serie afferma che sebbene saranno presenti alcuni piccoli casi di puntata, la serialità orizzontale la farà da padrona, facendoci seguire sia la storia di James Gordon che la storia dei villans, andando a cercare chi e cosa ha dato loro l’ispirazione per diventare tali; in questa stagione verranno introdotti personaggi come il Pinguino, la giovane Catwoman, Alfred, Poison Ivy e altri, tra i quali il personaggio inedito di Fish Mooney (interpretata da Jada Pinkett Smith). Mentre a fianco del detective protagonista troviamo Harvey Bullock (Donal Logue), che rappresenta l’ambivalenza morale di Gotham e fa da contraltare più oscuro e divertente al bravo ragazzo ed eroe all’antica incarnato da Gordon (interpretato dall’ex O.C. Ben McKenzie). E Jocker? “se un giorno lo inseriremo nella narrazione partiremo senz’altro dall’interpretazione di Ledger e tratteremo il personaggio con tutta la cura necessaria”. Il fatto che per molti la trilogia di Nolan rappresenti la versione da seguire metterebbe pressione a chiunque, ma Heller si dichiara per nulla preoccupato e assicura un prodotto dagli alti standard. Staremo a vedere, intanto il primo trailer della serie ha superato su youtube i 6 milioni di visualizzazioni in pochi giorni.

Comments
To Top