fbpx
Celebrità

Glee: Cory Monteith in riabilitazione per tossicodipendenza

Potrebbe essere l’ennesima storia di una “star” che data l’euforia della fama si dà alla vita sregolata, facendo abuso di alcol e droghe, ma la storia di Cory Montheith, Finn in Glee, è più di questo.

Nel giorno di Pasqua  (31 Marzo) un portavoce dell’attore ha comunicato alla stampa che il 30enne ha deciso di prendere parte volontariamente ad un programma di riabilitazione dalla tossicodipendenza : “Cory ha deciso di ricoverarsi in un centro di riabilitazione dall’abuso di droghe. Chiede cortesemente rispetto e riservatezza affinché possa compiere i passi che occorrono per il imagesrecupero.

Un messaggio di amore e speranza arriva dalla collega e compagna di vita Lea Michele che si è detta molto orgogliosa per la scelta di Cory: “Amo e sostengo Cory e gli starò vicina durante questo percorso. Sono grata ed orgogliosa del fatto che lui abbia preso questa decisione.”

Come dicevo non si tratta di un semplice caso di fama che dà alla testa, Cory Monteith aveva già raccontato di aver avuto non pochi problemi, tra cui quello della droga, da ragazzino: “Ero fuori controllo e avevo problemi di droga. Andai in riabilitazione, ma alla fine ritornai a fare esattamente quello che facevo prima.”

L’attore ha più di una volta parlato del suo passato burrascoso e di come la recitazione lo abbia aiutato. Personalmente spero che la sua privacy venga rispettata in momento molto difficile per lui e spero che il suo lavoro, i suoi amici e perché no, anche i suoi fan possano dargli la forza per farcela. In bocca al lupo Cory!

Comments
To Top