fbpx
Glee

Glee – 4.06 Glease

Doveva essere un episodio divertente, almeno così ci aveva detto il buon Murphy, su Twitter. In realtà abbiamo avuto tanta, tanta brillantina, condita con lacrime, cattiveria e ancora tante lacrime. Però non è stato un brutto episodio, anzi. Ci sono state delle cose che personalmente avrei evitato, dal punto di vista della storia, ma il musical è stato ben affrontato, i nuovi personaggi stanno iniziando a prendere corpo, creando un qualcosa di veramente interessante. Ma andiamo ad analizzare l’episodio nel dettaglio.

Partiamo proprio dal musical e dai “novellini”: è periodo di musical al Mckinley High e precisamente è periodo di Grease, o meglio Glease! Innanzitutto i ragazzi dovranno affrontare il problema della partenza di Mr Shue, e non sono sembrati molto convinti, per usare un eufemismo, del fatto che sarà Finn a sostituirlo. Altro problema sorge in merito alla questione Unique/Wade che avrebbe dovuto recitare la parte di Rizzo. Infatti i genitori di Wade preoccupati per il fatto che il figlio possa essere vittima di bullismo gli proibiscono di vestirsi da donna a scuola, diciamo anche fuori di casa, e il ragazzo non potrà nemmeno recitare nel musical. Per sostituirlo indovinate un pò chi torna al McKinley? Rullo di tamburi! Santana!

Passiamo alla “dolce” Kitty-Kat, che diciamoci la verità in fatto di cattiveria supera di gran lunga Quinn e Santana della prima stagione. In questo episodio inizia la sua folle missione per far si che Marley diventi bulimica. Ok, fermiamoci una secondo. Spero vivamente che non esistano molti ragazzini così in giro, perchè altrimenti il mondo è in rovina! Ma può esistere una cosa più subdola e meschina dello spingere una ragazza, facendo leva sulle sue debolezze, verso una malattia tanto brutta come la bulimia!? Gli autori quest’anno sembrano avere una mente molto contorta. In ogni caso la bionda (vestita di rossa, con due corna e un forcone) riesce ad insinuare nella testa di Marley insicurezze sul proprio aspetto e sul proprio peso, tant’è che la sera del musical Blake la troverà in bagno a vomitare. Ma il dolce giocatore di football riuscirà a farla ritornare in sé con un bacio dietro le quinte. Vi ricordano qualcuno? Vi prego autori miei cari abolite questi baci dietro le quinte, subito prima di cantare, sono già visti e appartengono ad altri!

Personalmente trovo molto interessante la piega che i vari “novellini” stanno prendendo. Stanno episodio, dopo episodio acquisendo colore e spessore. Personalmente trovo Wade/Unique il migliore dei nuovi, io avevo già adorato il personaggio nella scorsa stagione, sia musicalmente che come veniva presentato e quello che rappresenta. Mi piacerebbe che approfondissero un pò il suo conflitto interiore soprattutto ora che sarà costretto a vestire pazzi da uomo ogni giorno. Marley rappresenta la ragazza comune, che secondo me è sempre stata una lacuna all’interno dello show, perché ognuno dei vecchi personaggi era particolare a suo modo. Lei è una ragazza normale con carattere, ma con un bagaglio di insicurezze dovute anche alla sua età e al mondo che la circonda. Blake l’ho visto poco per poter giudicare. Veniamo a Kitty. Personalmente la trovo troppo. Troppo tutto. Come ho già detto voglio sperare che non esistano persone così nella realtà.

Adesso possiamo dedicarci ai personaggi della “vecchia guardia”. Finn è ancora in combutta con Sue dopo essersi fatto scappare la parola “ritardato” riferendosi alla figlia della donna. Direi che il lupo perde il pelo ma non il vizio, vero Finn?! Ma almeno, finalmente, abbiamo rivisto la vecchia Sue. Finally!!! Finalmente! Brittany e Santana parleranno della loro rottura in una scena che personalmente ho trovato molto dolce. Credo fermamente che le due ragazze siano state quelle che hanno affrontato la storia della rottura nel modo più maturo, ed è tutto dire considerando che stiamo parlando di Brittany!

Nel frattempo da New York Kurt e Rachel decidono di tornare in Ohio per il musica. Diciamo che Kurt decide, con l’intenzione di parlare con Blaine, e Rachel segue. Entrambi, tornati al McKinley parleranno con i rispettivi ex, ed entrambi torneranno a New York sentendosi lontani emozionalmente dalla loro vita in Ohio. Ma le dinamiche saranno decisamente diverse.

Rachel e Finn si ritroveranno a fare i conti con il fatto che lei è, realmente, andata avanti. Le fa più male sapere che Brody è andato a letto con Cassandra, cosa a cui, per inciso, ho reagito con un clamoroso “ma che cavolo!??” (passatemela, ma è davvero una cosa assurda), che rivedere Finn, che deve decisamente andare avanti. E pensare che questi due si dovevano sposare!!

Prima di parlare di Kurt e Blaine, devo, perché devo, fare una premessa. Sono una Klainer sfegatata, per cui sarà faticoso per me restare completamente imparziale, ma diciamo che in questo caso mi chiedo “Cosa avrei fatto io se fossi stata tradita?”. Personalmente la mia risposta è “Esattamente quello che ha fatto Kurt”. I due finalmente si ritrovano a parlare dopo la rottura, e finalmente, aggiungerei, vediamo l’altra faccia della medaglia, cioè il punto di vista del tradito, di Kurt, il quale dice a Blaine quello che chiunque, o quasi chiunque avrebbe detto. Venuta a mancare la fiducia non ha senso andare avanti. Abbiamo una rottura “ufficiale” in una scena che più breve non poteva essere, ma che personalmente ho trovato straordinaria. Abbiamo di fronte due attori diversi, personalmente, e ci tengo ad aggiungerlo ogni volta, trovo che Chris Colfer sia una star, è un attore straordinario: i suoi occhi, il suo viso, le sue parole, tutto sembra così reale. Mi stupisco ogni volta e lo trovo molto molto migliorato. Dall’altra parte Darren Criss ha una capacità di far parlare i suoi occhi che hanno in pochi secondo me, ma, e questa è un’opinione impopolare, io non trovo che sia un bravissimo attore, è sempre un pò sopra le righe, credo fermamente che la sua carriera dovrebbe concentrarsi su Broadway e la musica. A livello musicale, all’interno del cast, è il migliore, a mio parere. Non si sbaglia mai con lui e anche in questo episodio con Beauty School Drop Out è stato fantastico, ha un’intensità e paradossalmente riesce a recitare meglio ed esprimere meglio le emozioni di Blaine attraverso la musica, che non attraverso le parti recitate.

Dal punto di vista musicale diciamo che non c’è molto da dire. Le canzoni sono quelle che tutti conosciamo da Grease e non ci sono stati grossi cambiamenti, fatta eccezione per “You’re the one that i want” in cui personalmente non ho apprezzato quel miscuglio tra realtà e fantasia, dove al musical si alternava l’immaginazione degli “scoppiati” e mi riferisco a Rachel e Blaine in particolare. Trovo che non sia stata una scelta azzeccata.

In chiusura ho trovato l’episodio bello, ma non entusiasmante. Sono stati fatti passi avanti nello sviluppo dei nuovi personaggi, e ho gradito la direzione che hanno intrapreso. Ho trovato una boccata d’aria fresca il ritorno di “Evil Sue”, ma vogliamo sentire ancora una volta “Io distruggerò il Glee Club!”. Ho trovato molto realistico il discorso di Kurt a Blaine e il modo in cui si sono lasciati, mentre ho qualche riserba su Finn e Rachel, con quest’ultima che non ha perso tempo nell’andare avanti, e ripeto questi due si dovevano sposare!

Comments
To Top