fbpx
News Serie TVSerie Tv

Game of Thrones: un compito importante per Jon Snow

Nella quarta stagione di Game of Thrones troveremo un Jon Snow diverso: non sono i suoi capelli selvaggi; non è il nero dei suoi vestiti da Guardiano della Notte; ma sarà  qualcos’altro…

‘Jon inizia parlare di più’, dice Kit Harington, l’attore che lo interpreta; ‘Questa è una grande stagione per lui. Il primo cambiamento è che non ha più una figura patriarcalegameofthrones-303-08 che gli dica cosa fare: non c’è zio Benjen, non c’è Qhorin il Monco, non c’è Mance Rayder. Jon si ritrova alla Barriera e sa che c’è un imminente minaccia da parte dei Bruti; c’è una lotta per il potere tra lui e gli ufficiali al comando di Castle Black‘. E, Jon che cerca di prenderne il controllo per evitare un’invasione delle terre a sud da parte dei Bruti, dimostra che è più attivo di quanto l’abbiamo visto; e anche più chiacchierone.

Su questo fatto Harington aggiunge: ‘Non ha mai parlato molto; sono gli altri che gli parlano. E’ così che assorbe le informazioni ed è questo che mi piace di lui. Questa stagione deve pronunciare un discorso e mi è sembrato strano e poco naturale, avendolo interpretato per tre anni e sapendo quanto è silenzioso, che lui tenesse un discorso entusiasmante. Era scritto molto bene: si capisce che lui non vuole farlo, ma non ha altra scelta’.

Cercare di ottenere il controllo al castello per una battaglia incombente non è facile e la cosa si complica se si considera la non piccola questione dell’omicidio di Qhorin il Monco (anche se era un piano del Guardiano più anziano per convincere i Bruti del tradimento di Jon) e dell’infrazione di tutti i voti del suo giuramento (per la stessa ragione…quasi). E adesso il comando di Castle Black include due uomini che si sa non lo apprezzeranno; entrambi non sono comparsi per almeno una stagione: ci sono l’ambiguo Janos Slynt (Dominic Carter), il comandante della guardia cittadina di Approdo del Re GameOfThrones_Jon04degradato da Tyrion nella seconda stagione, per il suo ruolo nell’esecuzione di Ned Stark e Ser Alliser Thorne (Owen Teale), il maestro d’armi di Castle Black, che ha soprannominato Jon ‘Lord Snow’ e che sembrava godere nel chiamarlo ‘bastardo’ ad ogni occasione.  ‘Deve rispondere di ciò che ha fatto e dove è stato a Maestro Thorne, che non abbiamo visto dalla prima stagione e a cui non è mai piaciuto Jon’, dice Harington.

Un’altra differenza: durante le riprese, Haringtnon ha dovuto farsi sostituire dalla controfigura per alcune scene a causa di una caviglia rotta, ma l’attore afferma che era pienamente guarito quando si è trattato di girare il momento clou della storia che lo vedeva protagonista.

Nel tentativo di preparare Castle Black per la guerra, probabilmente Jon non avrà avuto molto tempo per pensare alla separazione da Ygritte, almeno all’inizio. ‘Ci sono stati, in passato, fan che pensavano che alla storia di Jon non fosse stata fatta giustizia e io non sono d’accorso’,aggiunge Harington, ‘penso che alcune parti abbiano contribuito alla storia di questa stagione; la sua storia e la storia del Nord vengono ripagate per tutto quello fatto finora’.

Chiara

pazza per Doctor Who e serie inglesi in generale; ho paura che se avessi il tempo potrei arrivare a seguire un numero infinito di telefilm

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio