fbpx
Game of Thrones - Il Trono di Spade

Game of Thrones: Kit Harington parla della svolta “brutale” di Jon Snow

Jon Snow

Jon Snow ha imparato in fretta a imporsi come Lord Comandante dei Guardiani della Notte. Nell’ultimo episodio di Game of Thrones “High Sparrow”, non ha esitato ad estirpare alla radice qualunque tipo di dissenso tra i suoi uomini, facendo ben capire a tutti che non si farà mettere i piedi in testa da nessun Guardiano, neppure dai più esperti. Ser Alliser è avvisato. Il gesto è stato dei più diretti: condanna a morte e decapitazione di Janos Slynt,che aveva osato contrapporsi ad uno dei primi ordini di Jon che lo riguardavano direttamente: un trasferimento che aveva il sapore dell’esilio.game of thrones_5.02_jonsnow

La presa di posizione così brutale per Jon fa intuire una svolta importante per questo personaggio. Una piega che potrebbe non piacere all’attore Kit Harington, rimasto troppo impressionato dalla violenza della scena mentre veniva filmata, dichiarandosi “messo a disagio”: ‘C’è stato un forte contrasto tra questa scena e quella della seconda stagione dove Jon cattura Ygritte e sa che dovrebbe ucciderla, ma non riesce a farlo perchè è troppo una brava persona. Questo momento è tornato. Ha pensato: “Posso uccidere un uomo a sangue freddo?”. Questa volta lo fa. E’ un grande cambiamento per Jon’.

Filmare la scena è stato difficile per l’attore, che non è riuscito a non collegare questa decapitazione con quelle che sempre più spesso, nel mondo reale, si vedono messe in atto dai membri dell’organizzazione terroristica dell’ISIS: ‘E’ stata una parte oscura, anche a causa dei sempre più frequenti video di decapitazione che venivano messi in onda proprio mentre noi eravamo sul set. Non è stato molto bello per me fare una scena simile davanti ad una telecamera’. In ogni caso l’attore continua dicendo che lo show non dovrebbe censurare scene simili, che comunque si ispirano anche al clima medievale che si respira in tutta la serie: ‘Non ci si può tirare indietro davanti agli orrori messi in scena e a quelli che si vedono tanto spesso ogni giorno ai notiziari. Ma il fatto che a commettere questo assassinio a sangue freddo sia stato Jon – giuste o sbagliate che siano le sue motivazioni-, un personaggio che amo e di cui amo tanto la storia, ecco, ritengo che questa parte per me sia la più discutibile della stagione’. Kit Harington Game Thrones Panel Comic Con2014

Harington parla anche del modo particolare in cui Jon vendica la morte del padre Ned Stark senza saperlo. Infatti Slynt, all’epoca dell’esecuzione di Ned, era il comandante della guardia cittadina di King’s Landing, ed era stato proprio lui a tradirlo e ad arrestarlo verso la fine della prima stagione. L’attore è convinto che Jon ha agito anche perchè guidato da un certo istinto: ‘In qualche modo credo che Jon sappia, da qualche parte dentro di lui, che Slynt è un uomo cattivo che ha fatto cose spregevoli. Anche questo istinto porta Jon alla sua decisione’.

Sembra in effetti un cambiamento troppo repentino nella natura essenzialmente benevola di Jon Snow. Vedremo se per mantenere la nuova posizione di comando acquisita, dovrà macchiarsi di ulteriori “assassinii a sangue freddo”.

Comments
To Top