fbpx
Game of Thrones - Il Trono di Spade

Game of Thrones: intervista a Tom Wlaschiha sul suo ritorno nella serie

Nell’episodio di Game of Thrones “The House of Black and White” (spoiler in arrivo se non avete ancora visto la puntata) c’è stato un gradito e inaspettato ritorno: Tom Wlaschiha è tornato a prestare il volto al personaggio di Jaqen H’ghar, l’assassino dell’ordine dei Faceless Men. Apparso già nella seconda stagione per aiutare Arya a scappare dalle grinfie dei Lannister, adesso Jaqen è tornato per mostrare alla ragazza Stark tutto ciò che si cela dietro le porte oscure della Casa del Bianco e del Nero. Ad Ew.com l’attore tedesco ha rilasciato un’ intervista con diversi spunti interessanti che riguardano anche i misteriosi Uomini Senza Volto:

gameofthrones_5.02_Jaqen H'ghar[Intervistatore]: Sapevi che prima o poi saresti tornato?

[Tom Wlaschiha]: ‘Tutto ciò che avevo erano delle flebili speranze. Ma con Game of Thrones, si sa, raramente si ottiene ciò che si spera. Quando finalmente mi hanno chiamato ero davvero molto felice’.

[I]: Cosa puoi dirci del tuo ruolo in questa stagione?

[T]: ‘Alla fine della seconda stagione uno poteva avere l’impressione che Arya e Jaqen fossero amici, nonostante qualche tensione tra i due. Credo che possa essere divertente adesso iniziare la stagione con un tono diverso tra i due. Anche se lei lo ha ritrovato, è cresciuta ed è molto più consapevole delle proprie possibilità. Quindi lui le sarà maestro, come promesso, ma non le renderà la vita facile. Si scopriranno nuovi lati del carattere di Jaqen, e si scopriranno cose sul gruppo che lavora nella Casa. Il set, tra l’altro, è davvero fantastico’.

[I]: Questi assassini, i Faceless Men, sono molto misteriosi. In che modo spiegheresti cosa rappresentano davvero?

[T]: ‘I Faceless Men sono una sorta di setta religiosa che adorano il Dio dalle Molte Facce. Mi ci sono confuso persino io qualche volta: ci sono troppe divinità e non le conosco tutte. Alcuni degli Uomini Senza Volto lavorano come assassini e uccidono persone a prezzi altissimi. Ma non sono comuni assassini. Dispensano morte anche alle persone malate o che sono in difficoltà, come se fosse un regalo misericordioso. E’ una cosa che mi piace molto di loro: vedono tutti gli uomini in modo equo, non distinguono tra ricchi e poveri. Hanno un dono da dare, la morte, e la danno senza stare a vedere di che rango è quella persona’.

[I]: Credi che a lui interessi davvero Arya o la sta semplicemente reclutando?

[T]:Jaqen tiene davvero ad Arya. La domanda che dobbiamo porci è: sta nascondendo qualcosa? E perchè? Potrebbe essere parte di un piano più grande? Non sappiamo neppure perchè è apparso in modo così inaspettato. Era un prigioniero a King’s Landing, se ricordate. Perchè era stato arrestato? Se è davvero parte di un piano più grande, chi c’è dietro a tutto? Amo questo personaggio così misterioso’.

Arya Stark

[I]: Sai che per i prossimi anni qualsiasi barista, quando ordinerai il caffè, ti dirà: ‘Un uomo ordina una tazza di caffè’. Non andrà via tanto facilmente.

[T]: ‘Guarda che è già successo, non molte volte in realtà. A Berlino un sacco di persone mi si avvicinano e esclamano “Valar Morghulis”. Resto ogni volta sorpreso, perchè non sono proprio identico al personaggio che interpreto. Una volta nella metropolitana di Londra mi avvicina un tizio e inizia a parlarmi come se fossi un suo vecchio amico. Alla fine scopro che non voleva far altro che dirmi anche lui Valar Morghulis!’.

Per restare sempre aggiornati su Game of Thrones, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per Game of thrones – Italian fans (fanpage e blog) e per Game of thrones Italia

Comments
To Top