fbpx
Game of Thrones - Il Trono di Spade

Game of Thrones: 9 domande a cui dovrebbe rispondere l’episodio finale

game of thrones 8 domande

L’episodio 8×05 di Game of Thrones è stato uno dei momenti più intensi della quinta stagione. Spettacolare, dinamico, esplosivo. Forse non quello che stavamo aspettando, considerando la sfilza di buchi narrativi e personaggi la cui crescita delle ultime sette stagioni è stata gettata alle ortiche. Ma ci sarà ancora tempo per analizzare nel dettaglio cosa ha rappresentato un episodio come The Bells per Game of Thrones. Tempo per piangere la morte di alcuni personaggi, tempo per progettare la disfatta di altri.

Ma resta fondamentale il fatto che tra una settimana finirà un’era. L’era che è stata definita da un capolavoro letterario, nato dalla penna di George R.R. Martin, e una saga televisiva, quella di Weiss e Benioff.

Ecco le domande a cui speriamo vivamente che l’ultimo episodio possa rispondere:

Arya ucciderà Daenerys?

game of thrones domande finale

Credits: HBO

Durante la Battaglia di Winterfell, Melisandre ha ricordato ad Arya che, come aveva predetto durante il loro primo incontro, Arya avrebbe stroncato tante vite. Persone con occhi castani, persone con occhi azzurri e perfino persone con occhi verdi. Tutti hanno dato per scontato che gli occhi verdi si riferissero a quelli di Petyr Baelish, o più probabilmente a quelli di Cersei Lannister. La regina era stata sulla lista di Arya fin dalla stagione due, quando aveva fatto da coppiera a Tywin a Harrenhall.

Ma ora che Cersei è morta, possibile che Arya ponga fine alla follia di un’altra Regina? Una che poteva non odiare profondamente quanto Cersei, almeno fino alla distruzione di Approdo del Re. Vedere e toccare con mano la morte e distruzione che Daenerys ha scatenato sulle persone innocenti della capitale ha senz’altro smosso qualcosa dentro Arya. È probabile che cavalchi fino a Winterfell per abbracciare Sansa e dirle: “Avevi ragione!”. Prima di progettare il suo ultimo omicidio prima della pensione, o della prematura morte, si capisce.

Jon si schiererà con la sua Regina, ora che è impazzita?

jon e daenerys

Credits: HBO

Per tutto l’episodio (e gli episodi precedenti) Jon Snow aveva solo una cosa da dire su Daenerys: è la mia Regina. Anche quando le sue scelte erano discutibili, anche quando gli è stato rivelato che in realtà è l’erede legittimo al Trono su cui la Targaryen ha messo gli occhi. Lui non ha mai voluto il potere e ha continuato a ribadirlo anche quando era evidente che sempre più abitanti di Westeros fossero disposti a combattere per lui invece che per lei. Perché lui è così: leale, fedele, giusto.

LEGGI ANCHE: Game of Thrones – Profezia di Maggy la Rana. Chi è Valonqar per Cersei?

Ma ciò che Daenerys ha fatto ad Approdo del Re va oltre il livello di sopportazione, anche quello di Jon. L’uomo che ha dato tutto se stesso per difendere gli innocenti e per proteggere il regno. Cosa avrà provato davanti alla carneficina cui stava assistendo? Una parte di lui avrà capito finalmente che le parole di Varys erano più che semplici indovinelli e filastrocche? Avrà capito che Sansa aveva ragione a non fidarsi di una straniera? Probabilmente si.

Non resta ora che vedere cosa farà Jon Snow, come e con che prontezza deciderà di agire. I fatti sono tutti lì, i mezzi per proteggere i Sette Regni e gli innocenti che vi abitano anche. Non resta che trovare la forza di volontà per fare ciò che Jaime Lannister è stato tanto coraggioso da fare, a sua volta, tanti anni prima: uccidere la Regina mentre grida in preda alla follia “Burn them all!”.

Tyrion ci lascerà le penne?

got cersei profezia valonqar

Credits: HBO

Se c’è qualcuno che è rimasto realmente provato dai giochi pirotecnici di Daenerys e Dragon quello è stato Tyrion. Più di una volta in folletto ha ripetuto che le campane avrebbero rappresentato la resa della città. L’ha detto a Daenerys, l’ha detto a Verme Grigio, l’ha detto a Jon Snow. Il suo obiettivo primario non era quello di vedere Daenerys vittoriosa, era di vedere gli abitanti di Approdo del Re salvi. Il suo piano non ha funzionato proprio come si sarebbe aspettato, no?

Ora che la follia ha preso il sopravvento sulla sua regina, al Primo Cavaliere non resta che decidere se restare al suo fianco o tentare di riportare la pace servendo qualcuno di più degno. Jon Snow o Sansa, magari? Entrambi si sono rivelati dei leader più capaci e ragionevoli della regina che il folletto ha scelto di seguire. Anche se è ormai evidente che la Daenerys che Tyrion ha incontrato a Meereen non è la stessa che ha iniziato la sua conquista a Westeros.

Sebbene la curiosità di scoprire chi deciderà di appoggiare l’ultimo Lannister in vita (di quelli che conosciamo, forse avranno ancora cugini sparsi nei Sette Regni) sia forte, non dimentichiamoci che cosa gli ha promesso Daenerys all’inizio di questo episodio. Dopo una serie di scelte dettate dal cuore e non dalla testa, il folletto l’ha delusa troppe volte. La sua prossima mancanza sarebbe stata anche l’ultima. Tradimento rientra sotto la categoria “delusione” probabilmente, no?

Jon andrà a Nord della Barriera?

game of thrones recensione 8x04

Credits: HBO

Jon “Aegon Targaryen” Snow è l’erede legittimo al trono di spade. Figlio del nord, in quanto discendente di Lyanna Stark, e di sangue reale, in quanto figlio di Rhaegar Targaryen, si tratta della scelta più logica se si dovesse puntare il dito contro qualcuno degno di indossare la corona. Ma non è ciò che lui vuole, e come potremmo biasimarlo? Ha sacrificato tutto per i suoi valori di giustizia e onore, inclusa la propria vita. Non ha dato abbastanza?

Anche se uccidesse Daenerys c’è uno scenario non del tutto improbabile in cui Jon scelga di non salire al trono. Potrebbe capire come una casa regnante sia stata la peggiore delle sciagure per Westeros e istituire una forma di governo alternativa – una democrazia, magari, con Tyrion (sempre che resti in vita) a proteggerne l’integrità. In questo scenario è lecito pensare che Jon ascolti le parole di Tormund e torni a nord della Barriera, a vivere la propria vita con quel senso di libertà che ha provato solo condividendo la propria esistenza con I Bruti. Forse Spettro l’ha anche perdonato…

Sansa diventerà la Regina dei Sette Regni?

sansa stark sophie turner

Credits: HBO

Nel caso in cui la democrazia non sia, dopotutto, nei piani del popolo dei Sette Regni, resta un quesito: chi potrebbe sedere sul trono di Spade? Se non Daenerys (che, probabilmente, non sopravviverà tanto a lungo da regnare) e non Jon, chi? Perché non Sansa Stark?

Westeros è sempre stato un agglomerato di regni che risponde al potere e all’autorità. Sansa ha dimostrato non solo di saper regnare ma anche di saperlo fare come si deve. Le lezioni di Ditocorto, unite alla variegata sfera di esperienze che l’hanno plasmata, ne fanno una candidata più che degna per sedersi sul Trono di Spade (sempre che ce ne sia uno).

LEGGI ANCHE: Game of Thrones: la città brucia! Recensione dell’episodio 8×05 – The Bells

Ci saranno ancora i Sette Regni (uniti) di Westeros?

game of thrones domande finale

Una conclusione degna (nei limiti del possibile per la direzione che ha preso questa ottava stagione) è senz’altro lo scioglimento dei Sette Regni. Prima che Aegon il Conquistatore arrivasse con le proprie sorelle e conquistasse i Sette Regni, si trattava di regno indipendenti. Sarebbe una chiusura de cerchio perfetta se un altro Aegon Targaryen sciogliesse quell’unità e ridesse a ciascun degno la propria autonomia. In questo modo Sansa sarebbe Regina del Nord, Yara regina delle Isole di Ferro. Si era anche fatto cenno ad un nuovo Principe a Dorne, che ovviamente avrebbe anche lui la sua indipendenza.

Unico “regno” che forse sarebbe giusto lasciare senza un sovrano è proprio quello con a capo Approdo del Re. Dopo la sofferenza inflitta da Targaryen, Baratheon e Lannister a quella città è solo giusto che sia il popolo a governarla, nel tentativo di recuperare un minimo della tranquillità perdita. E qui torniamo all’ipotesi della democrazia.

Che fine ha fatto Bronn?

stagione 8 game of thrones

Credits: HBO

L’ultima volta che avevamo visto Bronn era stato in compagnia di Jaime e Tyrion. Era stato mandato da Cersei, con promesse di gloria e ricchezze, ad uccidere entrambi i fratelli che l’avevano tradita e poi abbandonata. Naturalmente, da buon tagliagole e mercenario, Bronn delle Acque Nere non ci aveva pensato due volte a impugnare la balestra e minacciare i due Lannister. Ha messo le cose in chiaro: non importa chi vinca, gli basta un castello.

Ora che Cersei e Jaime sono morti (?) entrambi, è lecito pensare che non resti che Tyrion a mantenere la parola data. Sempre che sopravvivano entrambi lui e Bronn. Che, diciamocelo, non è poi così scontato.

Varys aveva previsto la propria morte?

game of thrones domande finale

Credits: HBO

Anche se la veggente era Melisandre (che l’aveva predetto che Varys ci avrebbe lasciato le penne in terra straniera) difficile pensare che Varys non avesse previsto la propria disfatta. Per essere un maestro di spie parlava a voce troppo alta in un castello pieno di echi e mandava i suoi uccellini in giro in pieno giorno. Sembra che l’obiettivo fosse quello di avvelenare Daenerys, anche se questa sottigliezza si è persa.

Che fosse tutto un piano di Varys? Quello di morire per mano di Daenerys dopo aver mandato i messaggi ai Lord di Westeros con la prova della legittimità di Jon Snow e la sua pretesa al trono. Varys ha sempre lottato per il popolo. Non resta che capire se il suo ultimo tranello ha dato i propri frutti.

LEGGI ANCHE: Game of Thrones: Ecco chi abbiamo salutato nell’episodio 8×05 – The Bells

Bran aveva previsto tutto?

bran stark game of thrones

Credits: HBO

Se c’è qualcuno che poteva averci “visto” giusto quello era Bran. In fondo ha ammesso di avere il potere di vedere sia eventi passati che futuri. Anche lui ha visto tutti i possibili futuri (come Doctor Strange) dopo e prima della Battaglia di Winterfell? Davvero ha risparmiato Jaime perché morisse tra le braccia di Cersei? Ha fatto si che Daenerys vivesse solo per vederla distruggere centinaia di vite innocenti ad Approdo del Re. In fondo lui l’aveva detto: “Cosa ti fa credere che ci sia un dopo?”Tutti hanno dato per scontato che si riferisse alla Battaglia di Winterfell, ma se si fosse riferito alla distruzione di Approdo del Re, invece?

Non è ancora chiaro se Bran sia in effetti in grado di aiutare gli altri o semplicemente fissarli con fare ambiguo. Speriamo che almeno non faccia profezie inquietanti che possano compromettere quel poco di felicità che ci resta in questa stagione!

Comments
To Top