fbpx
Game of Thrones - Il Trono di Spade

Game of Thrones: Inglorious GoT Awards – Episodio 8×03

IMDb

Ancora con questi premi? Eh. Pure dopo un episodio come l’8×03 di Game of Thrones? Eh. Con quella battaglia spettacolare e cruenta? Eh. Con quei morti? Eh. Che vuoi dire? Eh, appunto. E ora che diciamo negli Inglorious GoT Awards? Edizione, per forza di cose, ridotta. Perché la questione era troppo seria per prendersela a ridere. E però noi qualche risata ce la facciamo lo stesso.

Inglorious GoT Awards - Episodio 8x03

Credits: HBO

LEGGI ANCHE: Game of Thrones: il vero inizio della fine – Recensione dell’episodio 8X03 – The Long Night

Che ci faccio qui?

Premio Ma cosa mi passava per il cervello a Samwell Tarly che glielo avevano detto tutti che non era cosa sua. Che era meglio che se ne stava lontano dal campo di battaglia e poi dopo te lo diciamo noi come è andata. E glielo dice pure il primo nasone che passa. E, invece, no. Lui doveva fare l’abbonato col posto in prima fila che lo spettacolo non se lo perde. Doveva vederlo in diretta il casino per poi raccontarlo ai posteri. Tanto a morire mica è lui, vero Edd?

Premio Oh ma allora il fatto è grave assai a Podrick Payne che per la prima volta da nessuno si ricorda più quanto tempo non ha stampato in faccia quel sorriso mezzo ebete di chi non gliene può fregare di meno. Sarà che neanche avere Brienne e Jaime accanto ti rende abbastanza sicuro quando c’hai una orda sterminata (che neanche vedi, fra l’altro) che ti arriva addosso a mille all’ora. Fatto sta che l’unica altra volta in cui stava serio era a Blackwater Bay. Il che, a ben pensarci, spiega perché rida sempre: la sfanga sempre!

Premio Una cosa dovevi fare a Ser Davos Seaworth che aveva come unico compito quello di imitare i tizi all’aeroporto che fanno segno agli arei con le bandierine. Lui ci ha provato pure, ma si vedeva peggio di quando c’è nebbia a Linate e, quindi, basta così, io ho fatto, arrivederci. E il resto del tempo lo passa a fare lo stalker a distanza di Melisandre per controllare che davvero quella mantiene la promessa e muore prima dell’alba. Altrimenti ci pensava lui nonostante lei fosse stata tremila volte più utile del nostro ser Cipolla?

Inglorious GoT Awards - Episodio 8x03

Credits: HBO e L’antro atomico del dr Manhattan

Non li fanno più i guerrieri di una volta

Premio Golia wannabe a Wun Wun che sarebbe il gigante non morto che sfonda tutto per fare la sborone entrando a Winterfell. O come si chiama lui, chi vuoi che se lo ricordi. In compenso, fa di tutto per farsi ricordare in eterno come non ci si dimentica mai di ogni clamoroso epic fail (che poi è il modo gentile di dire grandissima figura di merda). Roba che Golia contro Davide aveva resistito di più di lui contro Lyanna Mormont. E qui la sproporzione era pure maggiore.

Premio Non guardate me a Sandor Clegane che alla cosa dei duri che iniziano a giocare quando il gioco si fa duro non ci crede neanche per niente. Anzi. Fedele alle tradizioni, anche qui come a Blackwater Bay, appena il rischio di crepare si fa più che concreto, lui corre a nascondersi e chi si è visto si è visto. Hai voglia a chiamarlo e fargli vedere Lyanna! Alla fine diranno che ha seguito Beric per salvare la sua diletta Arya. Ma è una pietosa bugia. Ha seguito Beric perché si cacava in mano di restare da solo in mezzo al casino.

Premio Grazie di esserci stati ai Dothraki che si sono fatti tutta Essos e tutto Westeros giusto perché serviva qualcuno da far morire in fretta nella Battaglia di Winterfell. Gli hanno pure dato i giocattoli nuovi per convincerli che dovevano solo fare il loro gioco preferito. Che era un modo per prenderli per il culo senza dirgli che quei falcetti infuocati dovevano spegnersi in fretta che qua dobbiamo far capire agli altri quanto stanno messi male. Quindi, andate a morire, grazie.

Premio Vai avanti tu ora arrivo a Drogon che ci sta prendendo gusto a vincere premi nonostante sia un animale. Per l’occasione decide che lo scontro con l’ex fratello Viserion gli basta e avanza. E poi il fuoco neanche gli fa niente a quello. Quindi, mamma scendimi da dosso, il tempo che mi scrollo queste pulci fastidiose e torno. A tornare, torna pure, eh. Ma quando è tutto finito. Roba che adesso era orfano se non fosse stato per quello che le sbavava appresso, pace all’anima di ser Jorah della Friendzone.

LEGGI ANCHE: Game of Thrones – Battaglia di Winterfell: 8 personaggi che NON sarebbero dovuti sopravvivere

Inglorious GoT Awards - Episodio 8x03

Credits: HBO

Chiudi quella bocca

Premio Parenti serpenti a Sansa Stark che non ce la fa proprio ad uscire dal ruolo della cognata vipera che parla male alle spalle della nuova ragazza del fratello. Se poi ci metti pure che è pure nostalgica dei tempi del Salvini di Prima il Nord, ottieni il ritratto della rompicoglioni che due parole dice e tre sono per lamentarsi di quella là pure mentre ti sta salvando. Roba che è partita la ola sui divani quando Missandei le ha rifilato quello schiaffo morale (la prossima volta, vai di pacchero vero, mi raccomando).

Premio Ma ti sei visto a Tyrion Lannister che uno se le vorrebbe evitare le battute discriminatorie sui nani, ma qui è una questione di realismo. Cioè, Tyrion, ti vogliamo bene e tutto. Ma ti rendi conto? Veramente ti pensavi che con te là fuori la Battaglia era bella che vinta? Eh, ma io a Blackwater Bay … ti sei salvato perché c’era Podrick. Eh, ma io c’ho una intelligenza che … ci ha fatto perdere una flotta, due casate alleate, un drago. Che dici, Tyrion, ce la misuriamo un poco la palla?

Premio La prossima volta che parli a Jon Snow che era troppo tempo che nessuno si ricordava che, per definizione, lui non sa niente. Però, almeno sapeva combattere. Ecco, ora ha completato il quadro. Perché neanche quello più sa fare visti i risultati fallimentari del brillante piano di battaglia. Poi se ne esce pure con un “Night King is coming” che, detto in quel momento, se la gioca con “l’acqua è bagnata” al gran premio dell’ovvio. E, quindi, Jon bello, la prossima volta che vuoi dire una cosa a proposito di strategie militari, conta fino a mille e poi non dirla lo stesso.

Comments
To Top