fbpx
Recensioni Serie Tv

Fringe – 4.01 Neither Here Nor There

Where is Peter Bishop? Questo è l’interrogativo che ciportiamo dietro da tutta l’estate, ma non sarà questo episodio a soddisfare la nostra curiosità. Ma perché ci poniamo questa domanda? Nell’ultima puntata della terza serie Peter si trova nel futuro (anche se fisicamente è attaccato alla macchina). Qui Walter è in prigione per aver causato i fenomeni che stanno
uccidendo moltissime persone, Olivia e Peter sono sposati (lei ha il controllo dei suoi poteri) e Walternate sta cercando di distruggere il nostro universo per vendicarsi della distruzione del suo: i due mondi erano legati e quando il dispositivo è stato attivato esso ha distrutto l’altro universo e avviato il nostro verso la fine. Walternate, nel tentativo di salvare il suo mondo, è venuto da questa parte rimanendo bloccato. Quindi, per distruggere la nostra dimensione, apre dei varchi in molti luoghi e, in quello di Central Park, riesce ad uccidere Olivia. Intanto Walter capisce che i pezzi della macchina erano presenti milioni di anni nel passato perché è stato lui a mandarceli utilizzando proprio il varco di Central Park. Comprende anche che non si può cambiare niente di tutto ciò, ma che può portare nel futuro la coscienza del Peter del passato per far sì che sappia cosa succederebbe se attivasse la macchina per distruggere l’other side e, di conseguenza, fare una scelta diversa che possa cambiare la storia. Quando Peter si risveglia nel presente è ancora attaccato alla macchina ed è consapevole di ciò che ha visto riguardo al futuro. Quindi sceglie di creare un ponte tra i due universi a Liberty Island, un luogo fisico dove essi si uniscono, persone comprese. Ora tutti i personaggi sono faccia a faccia e Peter non fa neanche in tempo a spiegare la situazione che scompare nel nulla, lasciando lì tutti gli altri (che non notano la scomparsa di Peter) a parlare del fatto di dover mettere da parte le loro divergenze. Poi troviamo due osservatori che parlano di Peter e dicono che nessuno ricorda il ragazzo: è come se non fosse mai esistito ed è servito al suo scopo.

La prima puntata della quarta serie comincia con le due Olivia che parlano e si scambiano i casi del passato proprio a Liberty Island, nel ponte creato da Peter, ma tra le due ci sono ancora non poche divergenze.
In questo episodio entra in gioco anche l’agente Lee: un suo collega è stato ucciso da un uomo con la pelle traslucida e, quando arriva la Fringe Division
nel luogo dell’accaduto, Olivia lo interroga (i due non ricordano di essersi già incontrati) e poi prende in mano il caso. Ma Lee non è assolutamente
d’accordo e segue la ragazza. Quando viene ritrovato un cadavere nelle stesse condizioni del suo collega, Lee vuole saperne di più e fa pressioni ad Olivia perché lo porti con sé per le indagini, quindi Broyles alza il suo livello di autorizzazione e gli fa sapere che il killer ha già ucciso trenta persone. A
questo punto Lincoln (dopo aver avuto un’intuizione che ha permesso di trovare una foto del killer) dice che il suo collega soffriva di una malattia legata al ferro e grazie a ciò Walter scopre che tutte le vittime avevano un tipo di malattia del genere, ma che in tutti i cadaveri il livello di ferro è tornato
normale: il colpevole lo preleva dai corpi. Poi i due agenti si accorgono che gli omicidi sono avvenuti vicino a delle stazioni di pendolari quindi, avendo
la foto dell’uomo e sorvegliando le varie zone, riescono a trovarlo e ad ucciderlo anzi, ucciderli, visto che il killer aveva un complice. E, anche se
gli agenti pensano di aver risolto il caso, noi vediamo una terza persona con la pelle translucida della stessa fisionomia dell’ultima vittima. Grazie ad
ulteriori indagini sui corpi dei colpevoli, Walter scopre che essi sono ibridi biomeccanici perché sono umani, ma al loro interno hanno un dispositivo simile a quello dei mutaforma fatto di materiali non presenti nel nostro mondo. Per questo lo scienziato sostiene che la responsabilità sia di Walternate e che non ci si può assolutamente fidare di lui e dei suoi. Lincoln, nel sentire tutte queste cose incomprensibili, chiede ulteriori spiegazioni così Olivia lo conduce a Liberty Island (e ne rimane non poco sbalordito) dove incontrano
FauxOlivia a cui consegnano il dispositivo trovato nel killer dicendole che hanno supposto possa provenire dal loro universo.

Durante la puntata c’è spazio anche per gli Osservatori:
December e September si accorgono che sono rimaste tracce della presenza di Peter nonostante lui sia stato cancellato e a questa cosa deve rimediare September perché è stato lui a creare l’errore: December gli dà uno strano oggetto e gli dice che nessuno deve sapere che Peter è cresciuto. Quindi September costruisce un congegno che può cancellare per sempre ogni traccia di Peter, ma, proprio quando sta per azionarlo, cambia idea e decide di non utilizzarlo.
Quindi abbiamo nuovamente un Osservatore che mostra un lato umano: quale sarà la conseguenza di questa sua scelta, sia per se stesso che per gli universi?

Ma anche Walter ha non pochi problemi: tra la risoluzione del caso e il tentativo di trovare un modo di riportare indietro i morti, lo scienziato mostra molta più pazzia e insicurezza di quando Peter era presente e comincia ad essere molto terrorizzato perché vede più volte un uomo (che noi sappiamo essere Peter) riflesso in specchi e schermi.

Domande ed appunti finali:

– Il colore della sigla è cambiato: ora è giallo-ambra, per
sottolineare l’unione tra i due universi e la collaborazione dei personaggi.

– Lee entra a far parte della Fringe Division.

– Da ciò che viene detto sembra che Peter sia morto da
bambino in entrambi i mondi.

– I nuovi mutaforma sono stati creati da Walternate o da una
terza fazione/universo?

– Quali sono le conseguenze del fatto che Peter è stato
cancellato? Come è cambiata la storia? Quale è stato l’avvenimento per il quale
Walter ha deciso di creare un varco tra gli universi? Come sono cambiate le
vite dei personaggi e il loro modo di essere, comunque condizionato dalla
presenza di Peter (soprattutto per quanto riguarda Walter e Olivia)?

– Il glyph code per questo episodio è APPEAR.

Insomma: Where is Peter?

Jessica

Innamorata di serie tv fin da piccola quando la Vita Vera illudeva di poter continuare ever after a dedicare tutto il tempo a questa passione, il suo primo amore telefilmico è stata Buffy, che ha dato il via a lunghe ore passate davanti allo schermo, seguita a ruota da Battlestar Galactica, Lost e Fringe. Nel quotidiano invece... sì, ok, lavoro, teatro, sport... ma sempre con la testa alle serie tv!

Articoli correlati

Back to top button