Fringe

Fringe: Recensione episodio 3.08 – Entrada

Dopo sette puntate in cui abbiamo visto il passaggio da episodi ambientati nella nostra realtà ad episodi le cui vicende si svolgono nell’AltUniverse, siamo arrivati ad uno “misto”. E dopo gli avvenimenti della scorsa puntata c’era anche da aspettarselo. Come sempre c’è una sigla che rispecchia ciò che vedremo: questa settimana, infatti, come si alternano i mondi durante la storia, si alternano continuamente anche il verde acqua e il rosso nella sigla (è vero, quasi in ogni recensione sottolineo questo aspetto, ma cosa ci devo fare: questi aspetti mi affascinano un casino!).

L’episodio riprende da dove si era concluso quello successivo, cioè con Peter che riceve la telefonata della donna delle pulizie che lo informa che Olivia è bloccata nell’altro universo. Lui rimane allibito dalla cosa, prova a dormire ma non riesce a prendere sonno. Così dopo qualche ora si alza, sbircia tra le cose diAltOlivia e poi decide di controllare il suo computer. Quando la ragazza si sveglia e gli domanda cosa stia facendo, lui le fa credere di stare controllando le mail con il suo stesso PC.

Bolivia viene scoperta

Ma i computer dati agli agenti della Fringe Division, sono tutti uguali, quindi lei non si accorge di essere stata scoperta finchè Peter, per avere la prova che la telefonata fosse veritiera, pronuncia una frase in greco insegnatogli da Olivia. Così lui ne ha la conferma visto che BOlivia non sa cosa significa la frase. Ma lei capisce di aver fallito il test, così obbliga Peter ad iniettarsi una sostanza che lo paralizza per qualche ora e scappa con quello che crede essere il suo computer.

Poi si reca nella solita libreria dove, attraverso la macchina da scrivere, comunica all’altro universo che la sua copertura è saltata e che c’è bisogno che la riportino “di là”. Dopo un po’ le arrivano le istruzioni sul passaggio, ma prima ha il tempo di scambiare due parole con l’uomo che lavora nella libreria e lui le dice che le persone dall’altra parte gli hanno fatto una promessa che per anni non hanno mantenuto: vuole che le sue gambe guariscano. Così lei chiede all’uomo un ultimo favore e dopo avrà ciò che desidera.

Fringe recensione 3.08
Fringe recensione 3.08

E ciò avviene alla fine dell’episodio quando lui dà ad un altro uomo (che in cambio gli fa una puntura grazie alla quale riacquista l’uso completo delle gambe) un pezzo del marchingegno di Walternate che BOlivia ruba dai magazzini dell’FBI (e di cui gli agenti si accorgono). Chi sarà costui? Quando la squadra arriva a casa di Peter per sapere cosa è successo, il ragazzo è costretto a confessare la sua relazione con AltOlivia, ma si accorge anche che lei ha preso il PC sbagliato e che è necessario estrarre da lì tutte le informazioni. Intanto, nell’AltUniverse, Walternate e AltBrandon organizzano l’estrazione di BOlivia.

Per fare ciò, si necessita di una uguale massa che passi nel nostro universo, ma decidono di utilizzare Olivia solo una volta morta perchè, prima del passaggio, vogliono studiarla. Mentre AltBroyles, che ci aveva già mostrato la sua umanità nell’episodio scorso, rimane molto colpito da come viene trattata Olivia. Nel nostro universo, gli agenti ipotizzano che, se AltOlivia ha rubato un pezzo del macchinario, significa che Walternate, nel suo mondo, non ha trovato tutti i pezzi, quindi ha mandato la ragazza a recuperare quelli mancanti.

A questo punto l’FBI deve velocizzare le indagini, perchè teme che, se lei effettua il passaggio, non ci saranno più possibilità di riavere Olivia, anche perchè Walter non ha nessuna idea su come fare. Ma AltOlivia portava sempre dei dolci a Walter da una pasticceria nel Bronx e la squadra si reca lì per capire cosa va a fare lei spesso in quella zona. Entrano in vari negozi e quando giungono in libreria, l’uomo mente dicendo che non ha mai visto AltOlivia. Ma Peter capisce che non è la verità visto che lì c’è il suo PC e l’uomo è costretto a condurli nella stanza della macchina da scrivere dove Walter capisce che essa serve per comunicare con l’altro universo e dove riescono a capire dove avverrà lo scambio: Penn Station a Newark.

LEGGI ANCHE: Fringe: 21 cose che non sapevate sulla serie di JJ Abrams

Nel frattempo AltBroyles va a trovare Olivia in cella

Ma la vuole solo ringraziare per ciò che lei ha fatto per suo figlio e le dice che non la può aiutare, altrimenti l’AltUniverse sarà in pericolo. Ma Olivia gli fa capire che il nostro universo non vuole affatto distruggere il suo e che se la aiuterà a scappare lei farà di tutto per impedire che i due universi entrino in conflitto.

All’inizio l’uomo non la ascolta e se ne va. Poi va a parlare con la moglie e, anche se non le spiega esattamente qual è la scelta che lui deve fare, lei, con le sue parole di speranza, lo convince ad aiutare Olivia. Così si reca appena in tempo nel laboratorio dove la ragazza è già stata sedata e sta per essere tagliuzzata: spara un narcotizzante ad AltBrandon e, per far sì che l’effetto del sedativo svanisca all’istante, inietta nel cuore di Olivia dell’adrenalina. I due corrono nel laboratorio in cui è presente la vasca e dove lei trova il Cortexiphan e inizia a preparare tutto il necessario per il passaggio.

Ma in quel momento scatta l’allarme (il Dipartimento si è accorto che lei è fuggita) e Olivia decide di provare a recarsi nel laboratorio di Harvard perchè c’è un’alta probabilità che anche Walternate lo abbia costruito in passato. Dice ad AltBroyles di non aiutarla oltre, ma è costretta ad accettare il suo aiuto poiché sono state modificate le rotte delle pattuglie nel fiume, unica via di fuga da Liberty Island. Loro arrivano ad Harvard dove, infatti, trovano il laboratorio e la vasca. Cominciano a riempirla di acqua e di sale e Olivia, anziché iniettarsi droga, si inietta il Cortexiphan rubato dal Dipartimento della Difesa.

LEGGI ANCHE: Fringe: I 10 episodi migiori della serie tv

Olivia torna a casa

Mentre lei entra nella vasca, fanno irruzione gli agenti di Walternate che hanno rintracciato la loro posizione grazie al trasponder sottocutaneo di AltBroyles e lo uccidono proprio quando Olivia riesce a passare dall’altra parte e si ritrova nel laboratorio di Walter sotto gli occhi di una incredula, ma felice, Astrid.

Intanto alla Penn Station, AltOlivia viene catturata dopo uno scontro armato in cui rimane ucciso un mutaforma che doveva aiutarla nel passaggio e che le ha iniettato qualcosa sotto la pelle che le permetterà di attraversare. Viene fatta caricare sul furgone della polizia ed è proprio qui che avviene lo scambio senza che nessuno possa impedire la cosa. Per orrore di tutti, ma soprattutto di Broyles, a passare da questa parte è stato AltBroyles, morto e senza più una gamba ed un braccio.

L’episodio si conclude con Peter e Olivia che parlano per la prima volta dopo il ritorno di lei: la ragazza lo ringrizia perchè è grazie a ciò che prova per lui che ha tenuto duro ed ha combattuto per tornare “di qua”, mentre nella faccia di Peter si leggono i sensi di colpa per non aver capito che in tutto quel tempo non è stato con lei…

E ora che le due Olivie sono tornate nel loro universo, come proseguirà la vicenda?

Comments
To Top