fbpx
Netflix

Netflix: accordo con i team di Formula 1 per una nuova serie TV sul mondo dei motori

Formula 1 e Netflix

Dopo Amazon Prime che con Grand Prix Driver ha prodotto una serie incentrata su un team di Formula 1, anche Netflix prova ad inserirsi nel settore. Formula 1 e Netflix hanno infatti annunciato che per questa stagione agonistica, appena iniziata, ci sarà un rapporto di collaborazione che culminerà in una docu-serie fruibile dagli utenti della piattaforma a partire dall’inizio del 2019.

L’obiettivo è quello di portare gli spettatori dietro le quinte delle corse. Mostrare quello che succede nel paddock, ma anche esplorare le vite dei principali antagonisti al titolo di Campione del Mondo. La serie avrà accesso esclusivo al mondo dei piloti, dei dirigenti dei team ma anche accesso a quello che in genere le televisioni non mostrano: ovvero, la gestione del lavoro dei “boss” che gestiscono la Formula Uno.

Sebbene la serie non abbia ancora un titolo, è però stato reso noto il numero degli episodi: dieci. Sarà prodotta dal vincitore dell’Oscar James Gay Rees e da Paul Martin. Showrunner della serie sarà Sophie Todd.

LEGGI ANCHE: 5 documentari da recuperare

Netflix commenta così, attraverso la voce di Bela Bajaria: ‘La partnership con Formula Uno dimostra come vogliamo impegnarci con dei brand di altissimo livello per produrre serie originali di altissimo livello. Non vediamo l’ora di iniziare questo progetto già a partire dal primo Gran Premio della stagione 2018, quello d’Australia‘.

A nome di Liberty Media (che ha in mano le redini della Formula Uno) si è espresso Sean Bratches, direttore delle operazioni commerciali: ‘La Formula Uno è uno sport globale che stiamo riposizionando da semplice motor sport a intrattenimento puro‘. Infatti l’accordo con Netflix va letto proprio in questa chiave: ‘Raccontare la storia che c’è dietro ogni gran premio è affascinante. Questo punto di vista deve essere mostrato ai fan di tutto il mondo, in modo da attirarne anche di nuovi‘.

Per chi è appassionato di Formula Uno e di serie televisive, ecco quindi una nuova occasione (dopo il piccolo gioiellino di Amazon) per riunire le due passioni in una. Certo, la spettacolarizzazione di questo sport è stata imposta dal cambio di proprietà (Liberty Media che ha preso le redini da Bernie Ecclestone) e dal calo di popolarità che ha subito negli ultimi anni, ma oltre a questo la Formula Uno non è mai stata, neanche negli anni più bui, uno sport completamente noioso.

Comments
To Top