fbpx
Empire

Empire: Recensione della Prima Stagione

Cosa definisce una serie di successo? Il cast, la regia, la scenografia, la fotografia? Magari tutte le precedenti o, probabilmente, nessuna di queste. Molto spesso non c’è modo logico di spiegare il perché del successo (strabiliante, in questo caso) di una serie ma, inevitabilmente, empire_s01_4proprio come tutti gli altri, ci si ritrova travolti dall’ondata di musica e storie e intrecci sentimentali che non ci fanno dormire la notte. Empire è una serie come tante, che come unica marcia in più sembrava avere Terrence Howard come protagonista – poco insolito, data la recente passione degli attori del grande schermo per le serie televisive. E’ probabilmente questa mancanza apparente di novità che aveva spinto la Fox a relegare la serie alla mid-season, quasi a non credere nelle sue potenzialità. La serie ha avuto dieci settimane consecutive di crescita degli ascolti, che hanno sfiorato i 17,62 milioni di share, per un raiting del 6%. Ma basta parlare di dati: cos’è stato Empire e cosa promette di essere, in futuro? Se la produzione resterà nelle mani di Timbaland, probabilmente tanta roba!

La trama, un pater familias anticonvenzionale e la compagnia

La storia racconta di un re del pop (Terrence Howard) che, dopo aver scoperto di avere solo due anni di vita, decide di mettere alla prova i suoi tre figli per decidere a chi lasciare la sua casa discografica dopo la propria morte, Empire appunto. Il tutto naturalmente empire_s01_6presuppone una famiglia molto particolare e disfunzionale, per essere onesti. Terrence Howard non è il padre dell’anno, non è un cittadino modello e non è neppure il marito ideale – né per la sua ex moglie, che esce di prigione proprio quando iniziamo a immergerci nella serie, e neppure per la fidanzata, che finirà con il tradire con l’ex moglie. Licious Lyon non è un uomo facile da amare ma è incredibilmente facile da odiare, probabilmente a causa di azioni spinte principalmente da desideri egoistici che non lo fermano né di fronte ai legami di sangue e neppure di fronte alle convenzioni sociali.

Da un lato è chiaro come un rapper, cresciuto di stenti, abbia bisogno di essere forte per portare avanti la sua azienda, dall’altro non si riesce proprio a perdonarlo per essere uno spietato assassino senza cuore. Non gli si riesce a perdonare l’odio senza limiti verso l’omosessualità del figlio Jamal, il desiderio di veder emergere le abilità canore del minore Hakeem a discapito del fratello, la volontaria cecità di fronte al bipolarismo di Andre. La forza di Lucious è anche la sua debolezza e le fondamenta del suo Impero poggiano su un indefinito numero di cadaveri, tra cui lo stesso cugino empire_s01_3della moglie Cookie. L’interpretazione di Terrence Howard è impeccabile, dosata tra l’arroganza, la debolezza e infine lo spietato menefreghismo che ne fanno uno dei personaggi meglio definiti dell’intera serie.

La mamma, i tre leoncini e la lotta per il trono

Se c’è una cosa che supera (probabilmente) lo stesso protagonista sono gli altri membri della sua famiglia. Il mio personaggio preferito in assoluto è Cookie. Cookie Lyon sconta una sentenza di 17 anni in prigione per permettere al marito di continuare a cantare e aprire la sua casa discografica; lascia i figli, Hakeem praticamente in fasce, solo perché è convinta che il padre saprà prendersi cura di loro. E’ affascinante, senza peli sulla lingua, con dei capelli freschi di parrucchiere ogni mattina e con un guardaroba invidiabile. Non so quale scena sia il massimo, se quella in cui batte un criminale a suon di bicchierini di tequila o quello in cui si presenta in biancheria intima alla cena di famiglia. Cookie è il tipico personaggio che non si può fare a meno di amare.

empire_s01_7E’ divina sia nel ruolo di donna matura ed indipendente sia in quello di mamma che protegge i suoi cuccioli. Andre è quello che ho apprezzato meno ma non perché fosse colpa sua, al contrario. La trama dell’unico della famiglia che, contravvenendo gli ordini paterni, sposa una ragazza bianca e si lascia manovrare da lei è interessante, ma un po’ dispersiva ed isolata. Andre, a differenza dei fratelli, non ha talento e si sente isolato per questo, perché ha sempre preferito l’aspetto amministrativo a quello artistico della società. Questo l’ha portato ad essere odiato dal padre? Naturalmente. Questo l’ha fatto desistere dal perseguire i propri piani? Assolutamente no. La confessione finale di Rhonda, quella secondo cui sarebbe incinta, mette le cose in nuova prospettiva per Andre, che nel frattempo sembrava essersi avvicinato molto alla chiesa. Confesseranno l’omicidio dello zio Vernon? Non ci resta che aspettare e scoprirlo.

Molto più divertente e calorosa è invece la storia di Jamal e Hakeem, profondamente legati tra di loro (come si percepisce fin dal empire_s01_2primo episodio) e che il padre tenta costantemente di mettere l’uno contro l’altro. I due ragazzi, incredibilmente dotati, si fanno strada ciascuno a modo proprio, trasformandosi nel corso di questo viaggio. Jamal, che non ha cercato altro che l’approvazione del padre, si trasforma in qualcuno che non pensavamo di vedere mai, solo per avere la sua approvazione, mentre Hakeem, da cocco di papà, si trasforma nel suo peggio nemico quando quest’ultimo paga la donna di cui è innamorato per allontanarla da lui. Malgrado questo percorso chiastico, che porta i due fratelli nella direzione opposta rispetto a quella di partenza, non cambia l’affetto e il legame che c’è tra di loro, il che è fondamentale in un mondo come quello di Empire.

La musica e le guest star

Altro dato di forza della serie è senz’altro l’aspetto musicale. Dopo una stagione e mezzo, anche Glee si era reso conto che non bastavano le cover per portare avanti uno show e quindi le canzoni originali iniziarono a prendere piede. Qui si parla esclusivamente  di canzoni originali che, empire_s01_5tuttavia, non sono semplici canzoni da teen drama ma singoli che potrebbero facilmente essere nelle classifiche della radio che ascoltiamo al mattino. Oltre al fatto che i motivi ti prendono immediatamente e che gli attori sono anche bravissimi cantanti, ogni canzone si associa ad un tema trattato nell’episodio e ne rispecchia le sfaccettature. Credo sia questo il motivo per cui metà delle canzoni sono al momento nel mio i-pod, e non scherzo!

A questo si aggiungano delle guest-star che potrebbero facilmente essere in scaletta per i Music Awards di MTV: Snoop Dog, Estelle, Rita Ora, Juicy, Patty LaBelle, Charles Hamilton, Anthony Hamilton… devo continuare? Probabilmente neppure Glee conta così tante guest star degne di nota nell’arco di dodici episodi, il che la dice lunga sul successo e sullo spessore di questa serie – correggetemi se sbaglio.

In conclusione, se vi siete persi questa serie correte a recuperarla perché, poco ma sicuro, una serie del genere non si vedeva in circolazione da tantissimo tempo. Promossa a pieni voti (e con lode)!

Curiosità succose:

Terrence Howard (Lucious) e Taraj P. Henson hanno già recitato insieme nel film Hustle & Flow del 2005

Jussie Smollett, che interpreta Jamal Lyon, ha rivelato di essere omosessuale al talk show di Ellen De Generes

– Empire è la prima serie in 23 anni ad avere una crescita settimanale di telespettatori

Jussie Smollett ha firmato un contratto con la Columbia Records e quindi si presume che presto sentiremo un suo album

Per restare sempre aggiornati su Empire con news, curiosità e canzoni, vi consigliamo di passare per Empire Italia.

Comments
To Top