fbpx
Serie Tv

Elizabeth e Elizabeth – The Golden Age: Tutte le curiosità sui film con Cate Blanchett

elizabeth cate blanchett

Cate Blanchett ha avuto una fortuna rara: ha potuto interpretare lo stesso ruolo a distanza di 10 anni. Elizabeth ed il successivo Elizabeth – The Golden Age raccontano prima l’ascesa e poi lo splendore del regno di Elisabetta I. Figlia di Anna Bolena ed Enrico VIII, tristemente noto per le sue sei mogli, si tratta di una delle regine più importanti e più amate della storia d’Inghilterra.

Mentre i film sono di solito seguiti da un sequel a distanza di pochissimi anni, Elizabeth – The Golden Age aspetta ben 10 anni per arrivare. Un film che permette ad entrambi regista e attrice di maturare e crescere, regalando un’immagine di Elisabetta fresca e unica.

joseph fiennes cate blanchett

Ecco tutte le curiosità sul film Elizabeth (1998) con Cate Blanchett

Elizabeth fu il primo film inglese per il regista Shekhar Kapur

1 – Il 1998 ha stabilito un unicum per le premiazioni. Quell’anno, infatti, fu l’unico della storia in cui due attrici di due film diversi sono state nominate per lo stesso ruolo. Cate Blanchett venne nominata per aver interpretato Elisabetta I in Elizabeth e Judi Dench in Shakespeare in Love. Fu quest’ultima a trionfare alla fine.

2 – Il ruolo di Elisabetta nel film del 1998 è stato uno dei quattro ruoli per cui Meryl Streep venne rifiutata nella sua carriera. Gli altri furono: Quel che resta del Giorno, ruolo che andò ad Emma Thompson, e il remake di King Kong del 1976 (in cui il regista la giudicò eccessivamente brutta per la parte).

3 – La scena dell’incoronazione del primo film è stata costruita seguendo il quadro dell’incoronazione di Elisabetta. Non a caso, infatti, la regina ha i capelli sciolti, un chiaro esempio di come la donna volesse comunicare la propria “verginità” e purezza ai propri sudditi.

4 – Il Duca di Norfolk, interpretato da Christopher Eccleston, non ha un ruolo particolarmente attivo, tranne il fungere da principale villain della pellicola. Ecco perchè il regista Shekhar Kapur ha scelto di farlo “muovere” il più possibile durante il suo tempo sullo schermo.

5 – Quando il regista Shekhar Kapur salì a bordo del progetto la sceneggiatura era alla revisione numero 4. Quella che è stata utilizzata per le riprese è stata la 12A.

LEGGI ANCHE: Espirazione – Tutte le cose che (forse) non sai sul film con Keira Knightley

6 – Due furono le novità per il regista di origini indiane quando si mise dietro la macchina da presa del film Elizabeth. Si tratta infatti del suo primo progetto di lingua inglese. La seconda rappresenta la sceneggiatura e storia della pellicola: prima di iniziare le riprese, infatti, non sapeva quasi nulla della storia della famosa regina britannica.

elizabeth 1998 cate blanchett

Due “Elisabetta” agli Oscar 1999

7 – La pellicola include un cast di tutto rispetto, tra cui 4 vincitori di premi Oscar: Cate Blanchett, Geoffrey Rush, John Gielgud e sir Richard Attenborough. Si tratta del film che diede notorietà all’allora quasi sconosciuta Cate Blanchett.

8 – Per il ruolo della regina Elisabetta I venne presa in considerazione Nicole Kidman.

9 – Il film Elizabeth venne nominato come Miglior Film alla cerimonia degli Oscar ma la statuetta venne assegnata a Shakespeare in Love, anch’esso ambientato in Inghilterra con una “propria” regina Elisabetta I. Si tratta dell’unico film che, quell’anno, oltre alla nomination come Miglior Film non ottenne una nomination “gemella” per Miglior Regia o in una delle categorie di scrittura.

10 – La scena in cui una delle damigelle di Elisabetta muore a causa di un abito avvelenato è accurata. Il veleno era infatti uno degli strumenti più usati per uccidere qualcuno all’epoca. Non era insolito che venisse considerato per poter procurare una morte lenta o veloce, a seconda delle esigenze e circostanze, quando meno se lo aspettassero.

11 – Nel film viene mostrato come Robert Dudley (Joseph Fiennes) viene bandito da corte dopo che Elisabetta scopre che si è sposato senza il suo consenso. L’episodio fa riferimento al matrimonio di Dudley con Lettice Knollys, che venne celebrato nel 1578. Lettice pare fosse la nipote della zia di Elisabetta, Maria Bolena (sorella di Anna Bolena). Pare addirittura che la madre di Lettice fosse stata perfino il frutto della relazione che il padre di Elisabetta, Enrico VIII, aveva avuto con Maria Bolena, Catherine Carey. È tuttavia vero che nè Enrico nè Elisabetta riconobbero mai Catherine come figlia del sovrano. Il figlio di Lettice, Robert Devereux, fu uno dei “favoriti” di Elisabetta nei suoi ultimi anni di regno, decapitato nel 1601 per una ribellione fallita.

12 – Per il ruolo del papa, andato poi a John Gielgud, venne preso in considerazione Marlon Brando.

elizabeth 1998 cate blanchett

Una scena di Elizabeth è ispirata a Il Padrino

13 – Remi Adefarasin, direttore della fotografia per il film Elizabeth, fu il primo uomo di colore ad essere nominato per la categoria Miglior Fotografia agli Oscar.

14 – La scena finale del film del 1998 in cui molti dei nemici sono arrestati o giustiziati è stata, per stessa ammissione del regista, ispirata dalla scena omonima del Il Padrino (1972).

15 – Nel film la notte in cui Dudley si dichiara ad Elisabetta, chiedendole di sposarlo, sembra che lei non abbia idea del fatto che abbia una moglie. In realtà la regina partecipò alle nozze dello stesso.

16 – La costumista Alexandra Byrne, che ha disegnato i costumi del film, ottenne una nomination agli Oscar e ai BAFTA per il proprio lavoro, perdendo in entrambe le premiazioni contro Sandy Powell, che ha lavorato a Shakespeare in Love. Vinse tuttavia la statuetta ai Satellite Awards di quell’anno.

LEGGI ANCHE: Cate Blanchett – 10 curiosità sull’attrice di Carol e Il Signore degli Anelli

17 – Il film Elizabeth ottenne 7 candidature agli oscar, vincendo unicamente quello per Miglior Trucco. Cate Blanchett, candidata come Miglior Attrice, non ottenne la statuetta ma vinse comunque un BAFTA e un Golden Globe nella stessa categoria, confermando che il suo debutto sul grande schermo internazionale non avrebbe potuto essere meglio accolto dalla critica.

18 – Con un budget di 30 milioni di dollari il film ha incassato in tutto il mondo 82.1 milioni.

elizabeth the golden age cate blanchett

Ecco tutte le curiosità sul film Elizabeth The Golden Age (2007) con Cate Blanchett

19 – Il film Elizabeth – The Golden Age è stato rilasciato a 10 anni di distanza dalla prima pellicola.

20 – Il film, prima di uscire nelle sale il 16 ottobre 2007, è stato presentato alla Festa del Cinema di Roma.

21 – A differenza del prequel, il film Elizabeth – The Golden Age non è stato particolarmente fortunato al botteghino. A fronte di un investimento e budget iniziale di 55 milioni di dollari, la pellicola ha incassato soltanto 75 milioni in tutto il mondo. Questo nonostante l’ottimo weekend di apertura, in cui negli States ha raggiunto il 6° posto con ben 6.1 milioni di dollari di incasso.

22 – Sebbene abbia dovuto rinunciare alla statuetta per i Migliori Costumi nel 1999, Alexandra Byrne vinse il premio per i migliori costumi per Elizabeth – The Golden Age. Si “riprese” anche il premio nei Satellite Awards, che l’avevano premiata già nel 1999.

23 – Cate Blanchett ricevette ottime critiche per la sua interpretazione di Elisabetta. Un ruolo che le valse la nomination per Migliore Attrice agli Oscar, Golden Globes, BAFTA, Satellite Awards e SAG. Fu tuttavia Marion Cotillard ad aggiudicarsi la statuetta dorata per La vie en Rose, quell’anno.

Nel film Elizabeth – The Golden Age c’è anche Eddie Redmayne

24 – Nel film Eddie Redmayne interpreta Anthony Babingthon. Non è tuttavia la prima volta che l’attore premio Oscar veste i panni di un personaggio in un film “elisabettiano”. Nel 2005 ha interpretato Southampton in Elisabeth I e nel 2008 è stato William Stafford, marito di Maria Bolena, in L’altra Donna del Re, con Eric Bana e Natalie Portman.

25 – Agli Oscar del 2015 è stata proprio Cate Blanchett ad annunciare la vittoria e poi consegnare la statuetta ad Eddie Redmayne come Miglior Attore Protagonista. L’attore inglese vinse quell’anno per aver intepretato Stephen Hawking in La Teoria del Tutto.

26 – Oltre ai costumi, è sorprendente il realismo ed il livello di dettaglio dei gioielli che Cate Blanchett indossa. I suoi gioielli furono realizzati da Erickson Beamon di Belgravia mentre i suoi cappelli piumati portano la firma di Stephen Jones, uno dei designer di Christian Dior.

27 – Clive Owen, che intepreta Walter Raleigh, non ha esitato ad accettare la parte nel film, quando gli è stata proposta. Pare, infatti, che l’attore fosse un grandissimo fan già del primo film.

28 – Con la sua nomination e conseguente vittoria agli Oscar, Cate Blanchett è diventata l’unica attrice ad essere nominata per aver interpretato lo stesso ruolo nella stessa categoria.

elizabeth the golden age alexandra byrne

La scena del ballo di Bess fu particolarmente… sofferta

29 – La scena in cui l’attrice che interpreta Bess, Abbie Cornish, impara la Volta è stata molto problematica. La scena, infatti, richiedeva che l’attrice venisse sollevata in aria ogni 6 battute. Questo purtroppo le ha causato molti dolori e, nello specifico, anche difficoltà a camminare i giorni successivi alle riprese.

30 – Per questioni di budget, soltanto una delle navi per la spettacolare battaglia navale venne realizzata. Quest’ultima era per metà galeone spagnolo e per metà nave britannica. Le riprese hanno fatto si che solo uno dei due lati venisse inquadrato per rappresentare l’una o l’altra. Per nascondere eventuali discrepanze di design, invece, è stato utilizzato del fumo artificiale, facile da concepire nelle scene di battaglia.

31 – Il regista Shekhar Kapur ha insistito con la costumista perchè usasse il colore azzurro e blu negli abiti di Elisabetta per Elizabeth – The Golden Age. Pare infatti che il colore non fosse tipico di quel periodo ma per il regista rappresentava l’aspirazione alla divinità, che quindi rientrava perfettamente nel personaggio di Cate Blanchett. Inoltre, per rappresentare lo stretto rapporto di Elisabetta e la sua prediletta Bess le due indossano stili di abiti e colori simili. Quando il loro rapporto si deteriora, le due hanno tinte e abiti differenti.

32 – In generale la palette di colori del film è molto più chiara rispetto a quella usata per Elizabeth nel 1998. Questo perchè in questa fase del suo regno Elisabetta I è molto più sicura di se e del proprio operato, a differenza del primo film in cui era assalita da mille dubbi e incertezze.

33 – Sebbene nel film non se ne faccia mai menzione, fu Robert Dudley a comandare le armate britanniche durante l’invasione dell’Armada Spagnola. Invasione a cui, incredibile ma vero, Raleigh non prese mai davvero parte.

LEGGI ANCHE: Carol – Recensione del film con Cate Blanchett e Rooney Mara

34 – Maria Stuarda, interpretata da Samantha Morton nel film Elizabeth – The Golden Age è figlia di Maria de Guise, che nel film del 1998 è interpretata da Fanny Ardant.

elizabeth the golden age cate blanchett

Una colonna sonora “doppia”

35 – Tutte le scene che raffigurano Elisabetta in momenti intimi e privati della sua vita sono stati volutamente girati in ambienti rotondi. Secondo il regista, infatti, questi spazi rappresentato la fantasia e la mente della sovrana, che aspira alla libertà e alla esplorazione. Le scene che invece la ritraggono durante impegni di stato sono rettangolari, a simboleggiare la sua chiusura e prigionia in quattro mura.

36 – Per il trailer del film Elizabeth – The Golden Age hanno utilizzato il brano I Am Lincoln di Steve Jablonsky, usato per il film fantascientifico The Island di qualche anno prima. La colonna sonora, invece, è firmata da Craig Armstrong e A.R. Rahman. Negli anni precedenti alle riprese, infatti, l’attrice Cate Blanchett si era recata in India e si era innamorata di tutto ciò che era indiano. È stata lei a convincere il regista ad ingaggiare un autore di origini indiane per la colonna sonora del film.

37 – Nella pellicola alla regina viene presentato come possibile pretendente alla sua mano Ivan IV di Russia. Peccato che lo zar sia morto del 1584 mentre le vicende del film sono ambientate nel 1585.

38 – Jordi Mollà – che nel film interpreta Filippo II, storicamente chiaro di occhi e di capelli – non assomiglia minimamente all’immagine storica del sovrano. L’attore è infatti scuro di occhi e di capelli.

39 – La Maria Stuarda del film, interpretata da Samantha Morton, sembra giovane e appena trentenne. Nella realtà quando venne giustiziata aveva più di quarant’anni, venti di cui passati in prigionia. Una prigionia che l’aveva privata di parecchia della sua originaria bellezza, appesantendone fisico e spirito. Inoltre l’esecuzione – in cui tuttavia vengono riprese le celebri parole “Vi perdono”, che sembrano siano state davvero pronunciate dalla sovrana – omette alcuni dettagli più cruenti, invece tramandati da alcuni testimoni oculari.

40 – Sebbene nel film la regina interpretata da Cate Blanchett sia descritta come tollerante, in realtà Elisabetta I non fu altrettanto libertina e limitò notevolmente la libertà di fede non solo dei cattolici ma anche di altri credo religiosi.

Comments
To Top