fbpx
CinemaNews CinemaRecensioni Cinema

El Cristo Ciego – The Blind Christ: Recensione del film di Christopher Murray a Venezia 73

Titolo: El Cristo Ciego – The Blind Christ

Anno: 2016

Durata: 85′

Genere: Drammatico

Regista e Sceneggiatore: Christopher Murray

Cast: Michael Silva, Bastián Inostroza, Ana María Henríquez, Mauricio Pinto, Pedro Godoy, Hermelinda Cayo, Héctor Mella, Gonzalo Villalobos

El Cristo Ciego è un film che parla della fede (divina e negli esseri umani), che ha tante buone intenzioni ma poco ritmo.

el cristo ciegoMichael ha una rivelazione divina nel deserto. Crede di aver ricevuto il potere della guarigione grazie a una forza divina e chiede al suo più caro amico di colpire con un chiodo la sua mano per dimostrare la sua fede cieca. Perché il protagonista non è cieco nel modo più letterale del termine, ma è accecato dal potere superiore in cui crede.

A causa di questa sua credenza viene spesso preso in giro e viene schivato da coloro che pensano siano pazzo. Vive nella parte peggiore del Chile ed è pronto a mettersi al servizio della comunità. Una vita difficile che viene illuminata dalla sua fede in Dio.

A questo punto Michael decide di intraprendere un viaggio. Il suo vecchio amico ha avuto un brutto incidente in miniera ed ha una gamba ferita. Michael si toglie le scarpe e intraprende il cammino che lo condurrà ad aiutare una persona in difficoltà.

Il suo punto di arrivo è lontano e mentre attraversa diversi luoghi si ferma a parlare e ad aiutare le persone che si trovano nei guai.

Un giovane regista che racconta il Chile

Come dicevo, molte buone intenzioni. Christopher Murray – classe 1985 – è un giovane di Santiago del Chile che racconta una delle realtà peggiori della sua nazione.

Le baracche, le macchine, le persone sono tutte ricoperte della polvere del deserto, sotto un sole cocente, lasciando un ambiente colorato ma grezzo.

el cristo ciegoNon che ci si aspetta qualcosa di diverso, non ti aspetti un film patinato. Questo è un film reale, con persone vere che hanno problemi veri. La pellicola infatti soffre di un ritmo molto lento, che fa perdere lo spettatore nell’attesa che qualcosa accada. Speranza che scompare man mano che il film va avanti.

El Cristo Ciego si contraddistingue per il tema della fede in un contesto sociale difficile. Che Michael sia un pazzo o no, la sua credenza cieca in Dio e nel suo potere, lo porta ad aiutare molte persone lungo il suo pellegrinaggio, un aiuto concreto, non ultraterreno. Il protagonista aiuta gli altri a trovare Dio in loro stessi, e nel frattempo dà una piccola mano a chiunque incontri sulla sua strada.

El Cristo Ciego: La Fede incontra la realtà

Murray ha deciso di utilizzare solo attori locali, persone comuni che raccontano le loro storie. Possiamo accomunare il film alla cosa più vicina possibile a un documentario, dove il regista/sceneggiatore usa una storia per portare avanti la visione del Chile nel modo più veritiero possibile.

Un film reale che scontra questa realtà, con un protagonista dalla fede incrollabile che suscita anche un po’ di invidia, ma che non coinvolge lo spettatore a causa di una lentezza esplicativa che non tiene attaccati allo schermo per 85 minuti.

Lisa Nieri

Amo le storie, che siano serie TV, film o libri. Sono sempre pronta a intraprendere un nuovo viaggio con un personaggio interessante. Che dire? Sono un'apprendista nerd!

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio