Downton Abbey

Downton Abbey: trailer e storyline della quarta stagione

Il salotto inglese più famoso dello Yorkshire riaprirà domenica 22 settembre con la quarta, attesissima stagione.

Voi, pazzi, che vi negate il gusto degli spoiler (o semplicemente seguite la programmazione italiana) non proseguite oltre, siete avvisati. ITV ha finalmente trasmesso il primo promo, che anticipa vecchi e nuovi personaggi immersi nel melodramma targato Julian Fellowes.

downton-abbey_stagione-4Nessuna sorpresa sul fronte luttuoso, la neo vedova Mary non si dà pace per la improvvisa morte del marito Matthew, mentre l’altro cuore infranto della serie, l’ex autista, Tom Branson, la cui Sybil è morta di parto a metà della scorsa stagione, cercherà consolazione tra le braccia – indovinate un po’ – di una certa bambinaia. Ritroveremo come promesso la giovane nipote dei Grantham, Lady Rose, più scatenata che mai e senza dubbio protagonista di qualche sottotrama romantica tutta sua; se gli sguardi non mentono, potrebbe addirittura riguardare la new entry politicamente corretta Jack Ross (Gary Carr), jazzista nero che porterà nella Abbey tutto il ritmo degli anni Venti.

Downton_abbey_304-01Come sempre anche downstairs nulla sarà tutto rosa e fiori. Qualche turbolenza aspetta dietro l’angolo i neosposi Bates e Anna, che hanno inaugurato il loro nido d’amore in un cottage vicino alla grande casa. Non vedremo più O’Brian, che ha lasciato il servizio della contessa Cora, gettandola nello sconforto. Mrs Hughes cercherà di mettere una pezza qua e là, mentre avrà a che fare con una sua personale e delicata vicenda. Mixer, soufflé e gelosie la faranno ancora da padrona in cucina dove si consumerà la rivalità tra le due sguattere Daisy e Ivy, per contendersi le attenzioni dell’altissimo Alfred, primo cavaliere cameriere del regno.

Jazz, lutto e nuovi amori, ecco cosa c’è da aspettarsi dalla nuova stagione di Downton Abbey. Senza menzionare una certa Dowager (Maggie Smith), stella inarrivabile di questo show, che come ogni anno tirerà fuori il lato aristocratico in ognuno di noi.

Comments
To Top