fbpx
Serie Tv

Downton Abbey, la conferenza stampa alla Festa del Cinema di Roma – non è la fine, si parla anche di un sequel

downton abbey

La conferenza stampa di Downton Abbey ha visto come protagonisti il regista Michael Engler, Jim Carter (Mr Carson), Michelle Dockery (Lady Mary), Imelda Staunton (Maud Bagshaw) e i due produttori Gareth Neame e Liz Trubridge.

Le differenze tra la serie e il film

Dowton Abbey film

Michael Engler ha iniziato il suo discorso evidenziando le differenze riscontrate tra la serie televisiva e il film, spiegando per prima cosa come Julian Fellowes abbia affrontato il processo di scrittura della sceneggiatura del film. Fellowes ha dovuto riflettere e pensare ad un modo per coinvolgere tutti i personaggi per una storia di due ore. Un processo molto diverso da quello che accade per la scrittura di una serie tv, in cui ci sono numerosi episodi e ci si può focalizzare su determinati personaggi rispetto ad altri.

I due produttori, prendendo la parola, hanno rivelato che l’idea di un film conclusivo era nell’aria già durante le riprese della terza e quarta stagione della serie. Il loro ruolo è stato quello più difficoltoso in questa trasposizione cinematografica.
Infatti la differenza maggiore tra serie e film è stato nell’ambito produttivo. Con un budget più elevato e scene più complesse come quello della parata, racconta Liz Trubridge, in cui hanno dovuto utilizzare molte comparse (un’ottantina) e dei cavalli fatti arrivare da Londra. Hanno scelto di lavorare con la stessa costumista della serie, ma se già svolgeva un lavoro ottimo e dettagliato per la televisione, qui ha dovuto fare uno sforzo in più, perché i costumi si sarebbero visti in uno schermo più grande. Infine i produttori hanno spiegato di aver scelto di ingaggiare un direttore della fotografia cinematografico.

LEGGI ANCHE: Downton Abbey: recensione del film presentato alla Festa del cinema di Roma

Downton Abbey è una grande famiglia

downton abbey curiosita
Credits: ITV

Per gli attori tornare nei rispettivi ruoli è stato invece molto semplice.  Jim Carter ha affermato che semplicemente indossando la livrea è subito tornato ad essere Mr Carson. Tra gli attori della serie televisiva si è instaurato un rapporto molto stretto, come se fosse una grande famiglia. Inoltre ha sottolineato come a differenza di altre serie televisive il cast è paragonabile ad una compagnia teatrale. È stato facile tornare anche perché il regista aveva già lavorato nella serie quindi si conoscevano tutti. Carter ha concluso affermando che sarebbe stato sicuramente diverso e più difficile con un regista nuovo.

Era presente, all’incontro con i giornalisti anche Imelda Staunton una new entry nel cast del film che ha raccontato dell’ottimo clima sul set e della facilità con cui si è inserita nel cast. In realtà conosceva già molti degli attori avendoci lavorato insieme e in un caso essendoci anche sposata (è la moglie di Jim Carter!). Conosceva molto bene Downton Abbey e è stata contenta di aver avuto la possibilità di interpretare un ruolo importante e appagante.

 Tutti i presenti hanno voluto rimarcare il ruolo dei fan nella realizzazione del film, infatti per primi sono stati proprio loro a chiedere incessantemente di far tornare in vita i vari personaggi della serie. Jim Carter ha fatto ridere l’intera sala raccontando di come il film fosse richiesto anche dai media, infatti in varie interviste ha rivelato che i giornalisti finite le domande e spento il microfono chiedevano notizie di un possibile film.

LEGGI ANCHE: Downton Abbey: 45 cose che (forse) non sai sulla serie tv di Julian Fellowes

Il futuro di Downton Abbey

downton abbey curiosita
Credits: ITV

Michelle Dockery alla domanda se questo film segna la fine definitiva della serie o se visto il successo i produttori penseranno a un continuo e se gli attori hanno paura di rimanere incastrati nei panni dei personaggi, ha risposto che senza dubbio non è la fine di Downton Abbey. Il film è stato realizzato su richiesta dei fan e un successo mondiale come quello che sta avendo non può non far pensare ad eventuale ritorno. Tuttavia l’attrice ha guardato i produttori e ha convenuto con loro che un ritorno televisivo è quasi da escludere. Questo lascia pensare a un quasi definitivo ritorno in sala.

Mentre per la seconda parte della domanda, se gli attori hanno paura di rimanere incastrati in questi ruoli, Michelle ha con forza sottolineato come tutti loro hanno avuto e stanno avendo altri ruoli e ritornare nei panni di Mary le piace, la fa sentire a casa e non ha assolutamente paura e problemi a farlo. Jim Carter è intervenuto dicendo che lui avendo quel fisico e quelle sopracciglia può avere più problemi degli altri del cast, ma anche lui afferma come non è assolutamente un problema.

Un film per tutti

Dowton Abbey film

Infine è stato rimarcato come il film sia stato pensato per i fan della serie, ma tuttavia anche per gli inevitabili parenti, amici, mariti e mogli trascinati inconsapevolmente senza aver visto un solo episodio. Il film è stato quindi confezionato in modo che anche persone a digiuno dal mondo di Downton Abbey potessero passare due ore piacevolmente.

Comments
To Top