fbpx
Attori, Registi, ecc.

Downton Abbey: Jessica Brown Findlay parla di Lady Sybil

[Attenzione, questo articolo contiene spoiler sulla terza stagione!]

Quest’ultima stagione di Downton è stata un’altalena di emozioni forti e noia micidiale. Abbiamo detto addio a ben due protagonisti della serie, e ora, metabolizzato lo shock, possiamo scoprire qualche retroscena sugli eventi inaspettati che hanno funestato Downton.
Jessica Brown FindlayJessica Brown Findlay, aka Lady Sybil, di recente ha parlato con Huffington Post UK della traumatica dipartita del suo personaggio, morta di parto nel quinto episodio. La bella attrice, che ha dovuto tenere il copione segreto anche alla famiglia, si è detta soprattutto sorpresa della reazione degli amici: “Il giorno in cui è morta Sybil ero in volo per New York. Normalmente, quando scendo dall’aereo, mi arriva qualche messaggio, ma questa volta ho ricevuto una valanga di sms con la gente che diceva “Avresti potuto avvisarmi!“.
Jessica ha tessuto le lodi Julian Fellowes e del modo in cui è riuscito a inscenare una morte così drammaticamente toccante per la sua povera lady Sybil, che ha lasciato dietro di sè una famiglia in atroce lutto. Quando all’inizio della terza stagione la produzione della serie aveva spifferato che almeno uno dei personaggi principali “non ce l’avrebbe fatta”, molti avevano già scommesso sulla più giovane delle sorelle Crawley. Era ovvio che la bellezza e Black Mirrorbravura della Findlay non stessero passando inosservate e che le proposte di lavoro fossero dietro l’angolo. Lei lo conferma: “Desideravo tantissimo fare altro, mettermi creativamente alla prova” spiega “Avevo lavorato sul set tv di Black Mirror, Misfits e Labyrinth durante le pause di Downton ed è stato un periodo decisamente fruttuoso, ho imparato tantissimo”.
Anche Hollywood sta spalancando le porte a questa giovane promessa inglese del cinema e infatti la vedremo nel 2013 a fianco di Russel Crowe in A Winter’s tale, dove, neanche a farlo apposta, interpreterà un tragico personaggio in abiti d’epoca. Che senta già la mancanza dei sontuosi salotti della Abbey?

Comments
To Top