fbpx
Doctor Who

Doctor Who: Recensione dell’episodio 9.12 – Hell Bent

doctor who 9.12 season finale peter capaldi

Prima di appassionarmi ai telefilm, divoravo decine di libri. Accumulando tomi su tomi, ho realizzato che i più belli, almeno per me, sono quelli che ti trattengono col fiato sospeso fino all’ultima pagina, che ti riempiono la testa con accadimenti apparentemente fini a se stessi, frasi belle e profonde che rimandano a un qualcosa che non comprendi subito. Fino alla maledettissima ultima pagina, dove tutto si rivela, tutto si chiude. Ho chiuso un paio di libri in questo modo, pensando: “Diamine, è un capolavoro questo!”. Ho imparato, iniziando ad accumulare minuti su minuti di serie tv, a riscoprire lo stesso schema anche in questo mondo. Mi sono sentito più o meno nella stessa maniera quando alla fine di questo episodio finale ho capito, quando soltanto nell’ultimo minuto ho realizzato cos’era successo nel corso dell’ultima ora che avevo vissuto. Non ho esclamato “è un capolavoro!” perchè ci sono stati finali migliori, ma questo di sicuro è stato un “diavolo di episodio!”.doctor who 9.12 season finale peter capaldi guitar

Una volta assimilato che la scena finale della precedente puntata era un bel bluff di quelli in perfetto stile Moffat, si è voluto porre fine una volta per tutte alla storia di Clara su due piani: quello che ha significato per il Dottore, e quello che ha significato per lo show. Per il Dottore Clara era diventata una malattia, un’ossessione: ce ne rendiamo conto solo in questo episodio. Prima poteva essere considerata la sua migliore amica, verso metà di questo finale si azzardava addirittura la parola amore, ma alla fine si capisce chiaramente che il pensiero di lei è diventato talmente ossessivo da fargli perdere quasi la sua natura, il suo essere Dottore.

Ha ucciso in nome di Clara: e anche se tecnicamente ha ucciso un Signore del Tempo che può rigenerarsi (a proposito, era necessario ricordarci che ormai esistono le rigenerazioni che implicano raramente il cambio di sesso?), è comunque andato oltre le regole che si era autoimposto. Ecco quindi che alla fine si invertono i ruoli. Ecco che Clara diventa Dottore, ecco che è il Dottore ad essere un companion che ha bisogno di essere salvato e curato. Ed è per questo che dalle parole tratto distintivo della ragazza impossibile viene cancellata la parte “Ricordami”. La cura per tornare ad essere un Dottore completo è dimenticarsi di Clara. Anche questo, in un certo senso, è un andare oltre le proprie regole: il Dottore non dimentica mai, come spesso ripete; eppure questa volta è necessario e doloroso. Via i ricordi, non tutti e non completamente: resta un qualcosa di sbiadito, doctor who 9.12 season finaleun’ immagine in bassa definizione di un momento che sai che è stato epico insieme ad una persona molto speciale, ma che continua a sfuggire alla tua memoria; prima o poi ti tornerà in mente. Cala dunque il sipario in maniera dolorosissima anche questa amicizia che sembrava immortale e che sembrava poter sfidare tutte le leggi del tempo e dello spazio.

E possiamo star certi che è finita perché, come si diceva prima, Moffat si assicura che Clara sia morta anche per lo show. In questo episodio è come se l’attuale showrunner della serie si sia reso conto del “mostro” che ha creato: una companion capace di eguagliare il Dottore, di superarlo al punto da salvarlo più e più volte. Ha capito che sarebbe stato un finale spettacolare se avesse giocato con gli spettatori servendogli sia quello che più odiavano, sia quello che più amavano allo stesso tempo: una Clara Signora del Tempo, metaforicamente parlando. Una Clara che scorrazza via in un Tardis nuovo di zecca, ma che possiamo assicurare, tornerà a Gallifrey riconsegnandolo ai legittimi proprietari, e riconsegnando se stessa alla morte. Moffat ha lasciato sempre quel “margine di manovra” per farci temere che l’impossible girl prima o poi possa tornare, ma credo proprio che il Dottore non la rivedrà più. Il cacciavite totalmente nuovo, in questo senso, è il simbolo di un nuovo inizio.

Eppure Moffat non abbandona mai il vizietto di non dirci esattamente come tutto va a finire, lasciandosi alle spalle molte porte aperte. La storia dell’ibrido sedoctor who 9.12 season finale rassilonmbra conclusa, con la versione della profezia data da Ashildr/Me che sembra essere quella corretta, ovvero che l’Ibrido in realtà sia il dynamic duo Dottore/Clara. E sembra anche che il Dottore in fondo non sia lui stesso un ibrido, come persona, anche se non lo dice apertamente. Insomma, classico stile Moffat: restatevene sulle spine, che io vi tengo bene lì.

Nessuno, me compreso, si aspettava un finale del genere, basato essenzialmente su Clara e con così poco spazio dato al ritorno di Gallifrey. Tutti, me compreso, avremo pensato per almeno una volta nel corso di tutto l’episodio: “Cosa diamine sto guardando? Ma è il finale questo?”. A suo modo, è un finale. Uno di quelli che distruggono a livello emotivo. Anzi, rettifico togliendo “a suo modo”, perché lasciarlo sarebbe solo una giustificazione per chi non voleva questo come finale. Poteva essere un finale diverso? Si, perché ci sono troppe cose che hanno fatto vedere solo per accontentarci, ma di cui vorremmo aver saputo di più. Doveva essere un finale diverso? Forse no. Doveva esserci una fine definitiva alla storia di Clara, che, come già ribadito prima, era diventata la malattia del Dottore. In fondo non era scritto da nessuna parte che dovesse essere un episodio “coi botti”: ci era stato preannunciato, ma era un bluff e ci siamo cascati.

Certo, il fatto di non aver sfruttato fino in fondo il tema “ritorno di Gallifrey” è un difetto che grava sul giudizio dell’intera nona stagione. Rassilon, per la manciata di minuti che compare, non è neanche l’ombra del villain che in passato è stato, e se anche questa trama viene effettivamente chiusa con l’esilio di quest’ultimo e col Dottore che diventa Presidente (ma il tutto va troppo velocemente), sono tanti i punti interrogativi che pendoctor who season finale 9.12 peter capaldi jenna colemandono ancora sul capo del pianeta natio dei Signori del Tempo. La sensazione è che è stato sprecato l’elemento sorpresa: poteva essere il momento giusto per farci capire finalmente tutto della Guerra del Tempo e di come si è salvato il pianeta dal blocco temporale. La prossima volta potrebbe essere tardi.

La nona stagione di Doctor Who giunge così al termine, in attesa dell’episodio natalizio a cavallo tra questa e la prossima. È stata sicuramente un’annata positiva, nonostante i difetti: migliore rispetto alla precedente, soprattutto sotto il profilo della sceneggiatura, mentre sia Peter Capaldi che Jenna Colman si confermano due attori di grandissimo spessore. Si potrebbe quasi azzardare che quest’ultima puntata un po’ riassuma l’intera annata: bella, ma si poteva osare anche di più.

Per rimanere sempre informati su Doctor Who, condividere la vostra fede Whovian e essere sempre al corrente di tutte le novità del mondo del Dottore passate e mettete mi piace alla pagina Facebook Doctor Who Italia Fans Page e ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema

9.12 – Hell Bent
  • Clara Who?
Sending
User Review
4.6 (5 votes)
Comments
To Top