fbpx
Doctor Who

Doctor Who: le domande più scottanti in vista del finale di stagione

La decima stagione di Doctor Who sta per finire. Manca un solo episodio, The Doctor Falls, e poi saremo pronti a dire addio a Peter Capaldi, col suo Dodicesimo Dottore, Steven Moffat e la sua scrittura che ci accompagnano sin dalla quinta stagione, e a Michelle Gomez che con la sua Missy stava entrando proprio in questi ultimi episodi nei nostri cuori. Eppure, a una sola puntata dalla fine, sono tante ancora le domande senza risposta della serie. Ci sarà tutto rivelato in The Doctor Falls oppure dovremo aspettare fino al prossimo Natale e il suo speciale natalizio? Procediamo con ordine.

Il Dottore si rigenera nella neve: indizio per lo speciale natalizio?

All’inizio di World Enough And Time, vediamo il Dottore materializzarsi col suo Tardis nel bel mezzo di una tempesta di neve. Parte la rigenerazione, che egli cerca di trattenere invano. Siamo nel futuro, chissà quanto distante, dato che il Dottore ha un taglio di capelli più arruffato del solito. Scopriamo poi, a fine puntata, più precisamente nel teaser del prossimo episodio, che dalla mano si sprigionerà l’energia rigenerante. Quanto tempo passa tra l’inizio della rigenerazione e la fine, che vediamo in questa landa nevosa? Il tempo di tenerci col fiato sospeso per sei mesi, fino a Natale dove scopriremo tutto il resto? Altra cosa che si nota subito: il Dottore è solo. Certo, esce dal Tardis (cosa insolita, in genere voleva sempre rigenerarsi in privato), e quindi qualcuno potrebbe essere dentro. Ma il messaggio è chiaro: non tutti sopravviveranno.

Nel corso della decima stagione, il Dottore è stato molte volte sull’orlo della fine. Ha perso la vista, ha rilasciato un po’ di energia per una finta rigenerazione e Missy, alla fine de The Empress of Mars, gli ha esplicitamente chiesto se tutto fosse okay. Prima ancora, nella nona stagione, il Dottore pure ha perso anni e anni di vita intrappolato (tecnicamente non tutti gli anni che ha speso in trappola sono quelli che ha realmente vissuto sul suo corpo) e ha iniziato a perdere energia rigenerante già dal primo episodio della nona, quello che ha segnato il ritorno di Davros. Ricordate, vero? Ebbene, il Dottore non è mai stato così prossimo alla sua fine.

Il Tredicesimo Dottore è già stato scelto? Riusciremo a essere sorpresi?

La domanda sorge spontanea. Esiste già un Tredicesimo Dottore? Se così fosse, se dovesse davvero apparire già alla fine del prossimo episodio non sarebbe fantastico? Quello che serve a Doctor Who è il colpo a sorpresa, una mossa che non t’aspetti: annunciare la presenza di John Simm, lo scorso aprile, ha tolto un po’ di pepe alla rivelazione nello scorso episodio. Ha funzionato alla grande, sia chiaro, ma sapere che a un certo punto sarebbe spuntato fuori ha comunque inciso sull’effetto complessivo. E allora perché non sorprendere gli spettatori anche col nuovo Dottore? Basta live show dove viene proclamato in pompa magna manco fosse un papa (come accaduto a Peter Capaldi) restiamo nello show, nella sceneggiatura. Sarebbe fantastico.

Che fine fanno Bill e Nardole?

Come si accennava alla fine della prima domanda, il Dottore sembra rigenerarsi in solitudine. E i suoi companion? Per quanto riguarda Bill, al momento il suo destino sembra essere segnato. Sappiamo che con il nuovo Dottore e con il nuovo showrunner Chris Chibnall al 99% tutto sarà diverso, companion inclusi. Pearl Mackie potrebbe quindi essere anche lei al suo ultimo episodio in Doctor Who. Ma da una sua recente intervista in radio, l’attrice non ha escluso la possibilità di poter tornare. Moffat e Chibnall potrebbero essersi accordati per lasciare almeno una faccia familiare nella transazione da un’era all’altra. Questo non è accaduto ai tempi dell’arrivo di Matt Smith, e quel “pilot” che fu The Eleventh Hour riuscì alla grande a resettare tutto Doctor Who. Ad ogni modo, la storia di Bill potrebbe anche concludersi in maniera straziante per noi poveri spettatori. Un suo salvataggio, al momento risulterebbe molto azzardato.

Per quanto riguarda Nardole, la situazione è particolare. Riesce ad essere sia noioso che adorabile, e quando si pensa a lui sembra quasi che NON sia un companion attuale del Dottore. Il suo ruolo full time nella decima stagione, se all’inizio non aveva convinto adesso è sotto gli occhi di tutti come il suo personaggio sia essenziale nella vita del Tardis. Certo, il come è sbarcato sul Tardis è stato un po’ montato ad arte: molto deboli le storie riguardanti il giuramento e il fatto che River Song l’abbia mandato dal Dottore. Nel teaser trailer de The Doctor Falls non è visibile, e ciò aumenta la curiosità: che fine farà Nardole?

I rumor sul primo Dottore nello speciale natalizio saranno veri?

Proprio così: se non lo sapevate, ci sono dei rumor anche molto insistenti che riguardano la presenza nel prossimo speciale natalizio del Primo Dottore. Interpretato da David Bradley, come in An Adventure in Time and Space. E questo ben prima della messa in onda de World Enough and Time dove, guarda un po’, sono ricomparsi i Cybermen mondassiani la cui prima apparizione fu nel lontano 1966 ne The Tenth Planet. In questa storia, il Dottore si rigenerava per la prima volta. Può sembrare un po’ poco, ma è il Mirror ad aver riportato per primo mesi fa questa notizia. Finché non si avrà una smentita o una conferma da parte della BBC non si possono dormire sonni tranquilli.

È conclusa la storyline riguardante il caveau e il giuramento?

Soltanto qualche episodio fa il mistero che teneva banco in Doctor Who riguardava il prigioniero nel caveau e il misterioso giuramento del Dottore. Missy è fuori, e il giuramento infranto. Ci saranno delle conseguenze per il Dottore? E da parte di chi, dato che non è stato dato un nome a quei signori che volevano giustiziare Missy? E ancora: ci sarà davvero spazio anche per questo nell’ultimo episodio?

Se Missy ora è buona, perché non ricorda di essersi alleata con la sua incarnazione precedente?

Sembra proprio che alla fine Missy, prima di incontrare il Maestro (chiamiamoli così per convenienza, pur essendo un solo personaggio), sia passata dalla parte del Dottore. Vari indizi erano stati lasciati qua e là nel corso della stagione, ma non tutti erano stati convinti da questo cambio improvviso. Basterà dunque il semplice fatto di aver incontrato il sé stesso del passato per rivoltarsi ancora una volta contro il Dottore? Missy ha mostrato rimpianto, lacrime addirittura per delle vittime innocenti e un forte desiderio di cambiare. Il tutto con una buona dose di ambiguità, che appunto non ha convinto tutti.

Inoltre, sebbene non abbia trascorso col Maestro ancora tanto tempo, sembra non ricordare di essere già stata in quell’ospedale. Il perché di questa scelta narrativa può risiedere nelle regole dello show riguardo i viaggi nel tempo: il Maestro dovrebbe aver dimenticato di aver incontrato la sé stessa del futuro nel momento in cui i due, ad un certo punto, si separano. Questo è accaduto al Decimo Dottore nello speciale dei 50 anni: non ricorderà mai di aver incontrato l’Undicesimo (eppure ricorda la Regina Elisabetta…timey wimey stuff!). Eppure molte volte queste regole sono state bellamente ignorate da Moffat e company, quindi non resta che vedere cosa accadrà.

È anche possibile che assisteremo alla rigenerazione del Maestro in Missy. Ricordiamo infatti che il Maestro di John Simm è “nato” nel finale della terza stagione, mentre negli speciali successivi alla quarta stagione è andato disperso su Gallifrey insieme a Rassilion e i Signori del Tempo. Al ritorno di Missy ben poco ci è stato detto delle circostanze in cui il Signore del Tempo si sia rigenerato cambiando sesso. Vorremmo una risposta anche su questo. Eppure, sembra proprio impossibile che a tutte queste domande sia data una risposta. Anche perché non sono finite qui.

Cosa ha in mente il Maestro?

I fan dell’era classica di Doctor Who avranno subito riconosciuto il Maestro sotto tutto quel trucco. Da sempre egli è solito mascherarsi per architettare piani e stratagemmi. Senza contare che tante volte era stato dato per morto, e invece è sempre in giro a mettere i bastoni tra le ruote del Dottore. Nelle vesti di Razor, ha manipolato Bill per anni per rivelarsi soltanto nel momento il cui il Dottore se la sarebbe trovata di fronte ormai Cybermen. Ma a quale scopo tutto ciò? È un attacco personale e molto diretto al Dottore, oppure tutto questo è più incentrato sul fatto che il Maestro quindi ci ha messo lo zampino nella creazione dei Cybermen? Questo lo sapremo nel prossimo episodio, quasi sicuramente. Quello che non ci sarà detto, altrettanto quasi sicuramente, è come è arrivato in quella navicella spaziale.

Cosa non stiamo riuscendo a prevedere?

Esatto: qual è la mossa a sorpresa di Moffat? Tutto quello che abbiamo ipotizzato potrebbe o non potrebbe avvenire, ma potrebbe esserci qualcosa di totalmente inaspettato che venga a sconvolgere tutte le teorie. Tipo che in realtà fin dall’inizio Nardole era il cattivo. Oppure apparirà il Ministro della Guerra. Moffat potrebbe avere ancora un ultimo grande colpo in canna per il suo addio.

Comments
To Top