fbpx
Drama Coreani

Daebak: Kingdom 2 fa davvero paura – rubrica sui drama coreani

drama coreani Kingdom 2

Mentre tutto il mondo si ferma all’appello di #iorestoacasa, proprio in questo Marzo complicato la Corea ha deciso di bombardarci con tante nuove serie attesissime. Per alcuni il tempo libero sarà anche aumentato, ma dubitiamo fortemente che possa essere sufficiente a guardare proprio tutto.

Con Daebak ci gettiamo quindi in una carrellata scompigliata dei drama coreani che ultimamente abbiamo visto e amato o che abbiamo provato e schifato, senza ordine o logica. E questa volta, come da titolo, ce la facciamo ad infilarci anche una serie in costume.

Kingdom 2 non tradisce le promesse

E va bene, probabilmente tutta quella questione di fiori, uova, vermi, caldo e freddo non sarà esattamente chiarissima e magari non molto coerente, ma una cosa è certa, questa seconda stagione di Kingdom fa davvero paura. Se per i fan degli zombie risulta davvero imperdibile, questo horror in costume saprà regalare parecchie piacevoli sorprese anche a chi non è particolarmente appassionato al genere.

Le scenografie stupende, i costumi curati ed eleganti, l’onore, il coraggio, le lotte di potere, gli scontri a fil di spada e in punta di freccia rendono questi sei episodi davvero esaltanti. Colpiscono molte scene di rara bellezza e studiato effetto (come quella dello zombie trafitto da uno stendardo che avanza tra le tende bianche) e lasciano senza fiato quelle più crude rese davvero realistiche da un trucco curatissimo.

Non soddisfa del tutto l’episodio finale che sembra chiudere gli eventi di questa stagione un po’ in fretta per introdurre gli elementi che andranno a creare una terza stagione già confermata. Spiace particolarmente aver visto solo per qualche breve istante la stupenda Jun Ji Hyun. Ma è solo un piccolo neo in una serie che ci ha regalato tanta adrenalina e che con questa seconda stagione non ha fatto altro che migliorarsi.

Piacerà a chi vuole spaventarsi davvero e farsi affascinare da atmosfere inaspettate

Kingdom è disponibile su Netflix

Hot Stove League kdrama

Hot Stove League

Saltiamo da un drama in costume a uno sportivo che si è concluso da un po’, ma di cui non potevamo perdere l’occasione di parlarvi.

Hot Stove League narra la storia dei Dreams, un team di baseball disastrato ormai abituato ad arrivare sempre agli ultimi posti della classifica. Per cambiarne il destino (ma in verità lo scopo della società è sciogliere la squadra) viene assunto un manager che di baseball sa ben poco, ma che ha una grandissima serietà ed etica professionale, cosa che all’inizio gli renderà piuttosto complicato guadagnarsi la fiducia e la stima dei suoi collaboratori.

E’ vero, Hot Stove League è abbastanza tecnico e sulle prime può sembrare un po’ ostico a chi di baseball non se ne intende per nulla ma, superato questo scoglio, è facilissimo appassionarsi alle vicende di questo team sfiduciato che piano piano torna a credere in se stesso, proprio come il suo manager. Anche se non c’è un singolo grammo di romance, ci si innamora dei personaggi ben costruiti e delle loro avventure che rendono la trama davvero emozionante e piena di colpi di scena.
Sicuramente uno dei migliori drama coreani di questo 2020.

Piacerà a chi ama le avventure sportive dove il piccolo si rialza e ritrova il suo coraggio

Hot Stove League è disponibile su Viki

Forest Drama Coreano

Forest

Questo drama rientra invece nella categoria “provati e abbandonati brutalmente”. Non c’è nulla che redima questo drama. Forse giusto i due attori principali anche se la sceneggiatura pessima e la costruzione dei loro personaggi, azzoppa ogni loro tentativo, riducendoli a macchiette che agiscono in modo sconclusionato e irritante.

Già la premessa ricorda decisamente troppo il drama Romantic Dr Kim, con una dottoressa esiliata in un piccolo ospedale sperduto in montagna. Lì Jung Young Jae si troverà a stretto contatto con un ricco e elegante uomo d’affari che nasconde un passato drammatico che ha dimenticato. Non che a lei manchi il bel carico di traumi.

La trama procede lentamente, così come il tira e molla romantico ha dei picchi davvero assurdi dove forse si dovrebbe ridere, ma viene invece da piangere. Quando il protagonista decide di entrare nella squadra di pronto soccorso allo scopo di spostare l’eliporto per poter costruire un resort, bè, si raggiunge la misura. Peccato perché l’elemento scenografico della foresta poteva essere molto interessante.

Piacerà a chi cerca qualcosa di poco impegnativo

Forest è disponibile su Viki

drama coreano netflix my holo love

My Holo Love

My Holo Love cade invece sotto la categoria “senza infamia e senza lode”. Per carità, si lascia guardare e ha anche qualche spunto interessante, ma è un ibrido non brillante tra I’m not a Robot e I am Human too.

So Yeon viene fortuitamente in possesso di un paio di occhiali che sono in grado di attivare un ologramma di forma umana e intelligenza straordinari. Holo, che ha sviluppato anche una certa sensibilità, è praticamente in tutto e per tutto un essere umano, solo che è incorporeo. Sorprendentemente (cioè, niente affatto sorprendentemente visto che in Corea sembrano soffrirne tutti) la protagonista soffre di prosopagnosia, malattia che non le permette di riconoscere i volti delle persone e che la costringe quindi ad una vita solitaria. Ovviamente i due finiranno ad innamorarsi, ma tutto si complicherà con l’entrata in scena di Nan Do, l’ideatore di Holo che lo ha plasmato a sua immagine e somiglianza.

La trama rimbalza tra momenti romantici e toccanti e momenti thriller, con la concorrenza che vuole impossessarsi di Holo. Peccato che Holo venga cancellato e per poi riapparire mille volte togliendo presto peso agli avvenimenti.

Per una volta l’elemento del triangolo amoroso, che questa volta comprende un ologramma, poteva rivelarsi interessante, ma si elimina improvvisamente senza alcuna vera risoluzione e nessun approfondimento, con gli sceneggiatori imboccano la strada più semplice e meno impegnativa. Insomma, un drama che non è da buttare ma che non ricorderemo a lungo.

Piacerà a chi vuole farsi una maratona non troppo lunga e senza troppi scossoni

My Holo Love è disponibile su Netflix

I’ll go to You When The Weather Is Nice

I’ll go to You When The Weather Is Nice

A parte il fascino indiscusso dei due attori protagonisti, I’ll go to You When The Weather Is Nice sorprende per la scelta dell’ambientazione e per il suo ritmo decisamente più pacato e lento.

Mok Hye Won , dopo un periodo infelice trascorso a Seoul, decide di tornare in un paesino di campagna dove ha trascorso parte della sua adolescenza e dove vive sua zia. Lì incontrerà Im Eun Seob, un compagno di liceo che possiede un’affascinante libreria e che da sempre è innamorato di lei. Entrambi dovranno affrontare il loro passato prima di riuscire trovarsi veramente.

L’ambientazione in un piccolo paese di campagna avvolto dal gelo invernale è una bel cambio di scena rispetto alla stragrande maggioranza dei drama ambientati a Seoul, e il drama riesce particolarmente bene a dipingere un ritratto sfumato e dolce di una vita più lenta in una piccola comunità molto unita. I’ll go to You When The Weather Is Nice è piacevolmente nostalgico nelle sue atmosfere e riscalda il cuore come una bevanda calda in una serata invernale.

Il ritmo molto lento potrebbe essere un problema per alcuni così come l’andamento della trama che si sposta da un personaggio all’altro seguendo un filo un po’ arzigogolato che può spiazzare.

Menzione speciale va a Lee Jae Wook (già visto in Extraordinary You) che riesce a creare (in un cast ampio e piacevole) un personaggio vitale e semplicemente adorabile che brilla in ogni scena.

Piacerà a chi ama lasciarsi coinvolgere da storie quiete e di atmosfera

I’ll go to You When The Weather Is Nice è disponibile su Viki

drama coreano

Itaewon Class

Terminiamo questa carrellata solo nominando Itaewon Class che è finalmente arrivato da pochi giorni su Netflix e che secondo noi merita davvero di essere visto con la sua vitalità e i suoi personaggi straordinari. Vi riproponiamo qui 5 motivi per vederlo nel caso non foste ancora convinti.

Itaewon Class è disponibile su Netflix

Ci ritroviamo prestissimo per riparlare di tutti quei drama coreani appena iniziati e ai quali è ancora troppo presto per dare giudizi.


Comments
To Top