fbpx
Celebrità

Criminal Minds: Thomas Gibson racconta la sua versione sul licenziamento

thomas-gibsonA un mese dal licenziamento in Criminal Minds, Thomas Gibson ha voluto raccontare alla stampa americana la sua versione del litigio che lo ha portato all’allontanamento dalla serie tv targata CBS. L’attore statunitense, che ha vestito i panni dell’agente speciale Aaron Hotchner dal 2005 al 2016, ha confessato a People che il litigio con lo sceneggiatore e produttore Virgil Williams è stato ingigantito e gonfiato.

“Stavamo girando una scena quando sono andato da Virgil e gli ho detto che secondo me c’era una battuta che contraddiceva una battuta precedente. Lui mi ha risposto che gli dispiaceva ma che era assolutamente necessario averla” ha confessato Thomas Gibson alla stampa. Sentendosi frustrato, l’attore ha raccontato l’accaduto ad alcuni membri del cast quando Virgil Williams è sopraggiunto. “E’ venuto vicino a me e quando mi ha sorpassato, inavvertitamente il mio piede ha incrociato la sua gamba. Ci siamo scambiati alcune parole, per la quale mi sono scusato il giorno successivo. Poi è finito tutto. Abbiamo girato la scena e sono tornato a casa per non rivedere più il set” ha concluso l’attore.

Secondo quanto riportato da Deadline.com, all’inizio Thomas Gibson è stato sospeso, successivamente licenziato.

“Sembra che stiano cercando di cancellarmi dallo show e questo fa male” ha aggiunto l’attore. “Ma alla fine so che ciò che la gente ricorderà è il buon lavoro fatto sino ad oggi. Ora ho solo bisogno di nuove possibilità per fare un buon lavoro e di essere un bravo ragazzo” ha concluso Thomas Gibson.

Comments
To Top