fbpx
Colony

Colony: Recensione dell’episodio 2.01 – Eleven.Thirteen

Colony
Cinefilos

Come si fa ripartire una serie TV? Dopo il season – finale della prima stagione, quale è il modo migliore di iniziare una (forse insperata) seconda opportunità?
Certo, la risposta dipende anche dalle domande lasciate aperte e da eventuali cliffhanger che si siano voluti lanciare come ami per il pubblico. Ma anche e forse soprattutto, dalla natura stessa della serie e da come decide di affrontare quella che è la sua trama principale. È partendo da questa chiave di lettura che si può affrontare l’insolita premiere della seconda stagione di Colony.

Colony 2x01Una premiere all’indietro

Will finalmente aldilà del muro che circonda Los Angeles libero di cercare l’adorato figlio Charlie scomparso in quel giorno fatidico. Katie da sola a casa spiata da telecamere nascoste che tutto sapevano dei suoi doppi giochi. Alan destituito dalla sua carica per il fallimento del piano di una colonia meno oppressiva. Broussard in fuga per mantenere viva la resistenza che può approfittare delle informazioni che la cattura del RAP potrebbe dare. Bram arrestato con il suo professore prima che riuscissero a vedere la colonia penale lunare.
Questi hightlight dello scorso season – finale avrebbero suggerito una premiere che ripartisse dando alcune risposte o almeno riprendesse a tessere i fili lasciati così trepidamente in sospeso. Invece, niente di tutto ciò avviene perché con una scelta quantomeno inusuale Colony riparte tornando indietro andando a quel fatale giorno in cui tutto ebbe inizio e la malerba che oggi infesta la città prigioniera venne piantata nelle vite dei protagonisti che sono adesso in una precaria e pericolosa sospensione. Una decisione obiettivamente inattesa che non può che lasciare un sapore amarostico nel palato esigente di un pubblico che ha atteso mesi per sapere come sarebbero proseguite le avventure dei coniugi Bowman e che, invece, deve accontentarsi di pochi minuti finali utili solo a ripetere dove eravamo rimasti. Una premiere che potrebbe perciò risultare sgradevole a molti e rappresentare un passo falso per una serie che era stata una gradevole sorpresa e che aveva quindi l’obbligo di dimostrare di avere le capacità per riconfermarsi. Obiettivo impegnativo che Eleven. Thirteen rischia di non raggiungere apparendo troppo spesso come un diversivo magari anche interessante, ma sostanzialmente riempitivo e poco utile ai fini della trama.

Colony 2x01I semi del passato

Una bocciatura netta, quindi? In verità, no. Perché non bisogna dimenticare cosa in realtà è Colony. Una serie sci–fi, si potrebbe rispondere banalmente. Ma sarebbe una risposta non errata ma neanche corretta. Perché la prima stagione ha dimostrato come l’elemento fantascientifico sia sostanzialmente un pretesto per parlare d’altro e dopotutto un fondale intrigante che lascia la scena a temi differenti. Su tutti, il contrasto tra Will e Katie, le lotte clandestine per la gestione di un potere che non è chiaro quanto sia effettivamente ampio, la descrizione di cosa significhi vivere in quella che è una prigione all’aria aperta non meno oppressiva di una clausura carceraria. In questo senso, Eleven. Thirteen è un episodio che non fa avanzare la narrazione come sarebbe stato lecito chiedere, ma che resta coerente con l’impostazione drama più che sci–fi che gli autori hanno seguito fin dalla prima puntata della passata stagione. Vedere Will e Katie quando ancora erano una famiglia unita, aiuta a capire che la dicotomia tra i due modi di reagire alla reclusione successiva ha una origine che era già scritta nella serenità di allora.
I dubbi di Will sull’onestà della sua collega Devon mostrano un personaggio che si interroga su quale sia il modo migliore per conciliare il rispetto formale della legge senza ferire gli affetti personali, atteggiamento che riecheggia nella sua attuale collaborazione con gli occupanti attuali intesa a sfruttare appunto le pieghe del sistema per raggiungere un fine estremamente privato come è ritrovare Charlie. Al tempo stesso, l’insoddisfazione espressa da Katie che confessa di aver aperto lo Yonk solo per sentire di avere uno scopo che non sia solo quello di essere una madre è il seme da cui germoglierà quel senso di ribellione che l’ha portata ad allearsi con Morgan e il suo gruppo anche a costo di tradire la fiducia del marito. L’incontro con Broussard sottolinea nuovamente quanto forte sia il legame tra i due con il primo che ancora una volta sceglie di andare a trovare la moglie di Will come prima tappa del suo ritorno in città. Sebbene fosse chiaro quanto importante siano l’uno per l’altra, la scena ha comunque il pregio di mostrarci come questa intesa non sia una conseguenza della comune ostilità agli occupanti, ma piuttosto una naturale evoluzione di qualcosa che era presente già in una situazione più serena.

Colony 2x01Una occupazione non imprevista

Consapevoli che indizi tanto sottili potrebbero risultare insufficienti a saziare l’appetito ingordo di novità di buona parte del pubblico, gli autori provano ad aggiungere qualche altra pietanza succulenta ad un menù dopotutto frugale. A servirla è un anonimo professore universitario bravo a gestire i fondi a disposizione che risponde al ben noto nome di Alan Snyder. Il futuro governatore di Los Angeles viene prelevato senza tante spiegazioni e messo subito al corrente di quello che sta per accadere avendo anche il privilegio di incontrare de visu i futuri padroni del mondo occupato. Ma ancora una volta il dilemma della passata stagione (ci sono o no gli alieni?) non viene completamente dissolto. Di nuovo, infatti, il presunto alieno può benissimo essere scambiato per un essere umano con una qualche tuta ad alta tecnologia dal momento che non vediamo alcun segno inequivocabilmente distintivo. Al contrario, il rapimento simultaneo di coloro che sono ritenuti utili a far ripartire la società dopo una catastrofe imminente è un chiaro indizio che l’arrivo degli occupanti era tutt’altro che imprevisto avendo lasciato il tempo di organizzare già tutto per la gestione di ciò che sarebbe seguito. Sorprendente, invece, la costruzione della barriera che scopriamo essere stata impiantata di colpo prima di un qualsiasi sbarco alieno e non una mossa successiva volta a limitare un conflitto armato.

Colony riparte con una premiere che sceglie di andare all’indietro invece che in avanti, ma che lascia comunque sperare che si tratti non di un regredire ma piuttosto di un prendere la rincorsa. Aspettiamo fiduciosi ora un grande salto.

2.01 – Eleven.Thirteen
  • Indietro tutta per prendere la rincorsa?
Sending
User Review
4.5 (2 votes)
Comments
To Top