0Altre serie tv

Better Call Saul: Dean Norris parla del possibile cameo e della sua nuova serie Claws

In un mondo dove ci sono centinaia e centinaia di show televisivi, è difficile trovare qualcosa che si distingua. Claws ci riesce: parola del suo protagonista Dean Norris. Lo avrete sicuramente visto in Breaking Bad nei panni dell’agente della DEA Hank Schrader. Norris si ritroverà ad interpretare un personaggio molto eccentrico: un boss del crimine di nome Uncle Daddy bisessuale ma cattolico, che ha a cuore i propri figli e non tollera chi gli ostacola la strada. A TVLine ha rilasciato alcune dichiarazioni riguardanti questo strano personaggio. E sulla possibilità di rivederlo nei panni di Hank nel prequel Better Call Saul.

TVLine: Hai interpretato il poliziotto in Breaking Bad ma in anche altri show. Cosa si prova a passare dall’altro lato?

Dean Norris:Mi sento alla grande. Il lato sbagliato della legge è molto più divertente di quello giusto [ride]. Ma è stato nuovo per me non solo questo aspetto diverso, ma anche interpretare un personaggio così strano e complesso‘.

TL: Sei entrato in questa serie tardi, quando il pilot era stato girato già. Cosa ti ha convinto ad entrare?

D.N.:Il ruolo mi è stato offerto prima del pilot, ma ero impegnato quindi non potevo farne parte. Poi ho visto quello che c’era nel pilot, il noir surreale della Florida mi è piaciuto e quando ho incontrato i produttori ho accettato l’offerta‘.

LEGGI ANCHE: Better Call Saul: cosa sei disposto a perdere? Recensione episodio 3.09

TL: Uncle Daddy è sia un cattolico praticante che un bisessuale. Come vanno d’accordo queste due cose?

D.N.:Nello stesso modo in cui vanno d’accordo mafia e cattolicesimo. È così cattolico che è capace di avere anche una visione diametralmente opposta nel suo cuore. Crede in Dio perché gli parla e perché vuole che lo aiuti. Ma è anche profondamente devoto a sua moglie e al suo toy boy. Si emoziona facilmente, ma è anche estremamente violento. Ama sua moglie, ma anche i giovanotti. Cattolico, ma grande bugiardo. Qualsiasi cosa lui sia, lo è pienamente‘.

TL: E tutto lo show è così, giusto? È una comedy ma anche un crime drama.

D.N.:Si, e questa è una cosa molto divertente. Tutti gli show cercano una propria identità, ma noi l’abbiamo ottenuta dal secondo episodio in poi. È uno show divertente in un modo strano. Uncle Daddy in una scena piange, e in quella successiva sta uccidendo qualcuno‘.

TL: Parliamo di Better Call Saul: c’è la possibilità di un tuo cameo?

D.N.:Parlo con Vince Gilligan perché è mio amico. Ci vediamo un paio di volte all’anno, oltre a vederci per caso ad alcuni eventi. Io non gliene parlo, ma anche se ci fossero state discussioni non potrei parlarne. È una domanda che mi fanno tutti, me ne farò una ragione‘.

Comments
To Top