fbpx
Attori, Registi, ecc.

Carey Mulligan parla di Suffragette, di femminismo e applaude la lettera aperta di Jennifer Lawrence

Carey Mulligan

Il sito Deadline ha recentemente intervistato l’attrice britannica Carey Mulligan, in occasione dell’uscita del film Suffragette, che racconta l’incredibile storia delle prime esponenti del movimento femminista: “Appena mi è arrivato lo script ero convinta che il film raccontasse di un gruppo di giovani donne che chiacchierano sedute a bere il tè, invece dopo poche pagine non riuscivo a smettere di leggere! Ero estasiata da tutte le cose che facevano queste donne!” ha detto l’attrice, da poco diventata mamma.

Carey MulliganLa Mulligan interpreta un personaggio di finzione, liberamente ispirato a Hanna Mitchell: “Mia mamma aveva trovato la storia di Hanna e l’ha portata alla mia attenzione. Nacque in una famigli agricola nel nord dell’Inghilterra, lasciò la sua casa da giovane quando divenne una sarta. Aveva questa sensazione che qualcosa non andava, ha incontrato altre Suffragette che le hanno dato la giusta ispirazione. Il suo matrimonio andò in crisi e perse la famiglia, la sua vita divenne il movimento”.

L’attrice inglese si è detta poi indispettita riguardo alcuni commenti letti nelle recensioni del film: “Ho letto un critico che ha scritto che la storia non è reale e che nel mondo in cui viviamo sarebbe una rivoluzione impossibile da verificarsi. Ho trovato ironico il commento, dal momento che questi avvenimenti sono accaduti per davvero, l’abuso sessuale sul posto di lavoro era all’ordine del giorno, le Suffragette hanno subito violente reazioni per aver fatto quel tipo di rivoluzione”. Non è mancata poi una sottolineatura riguardo all’importanza del femminismo ai giorni nostri: “Le persone stanno richiamando l’attenzione sul significato originale del termine, ed è una cosa positiva. Sono felice di vedere che il film parli alle ragazze di oggi, a quei tempi la vita era difficile e la pellicola lo ricorda, ti fa vedere queste donne orgogliose e volenterose di metterci tutto l’impegno per avere il diritto di voto. Ci sono luoghi nel mondo dove le donne tutt’oggi non hanno questa libertà e il film può essere un’occasione di riflessione”.

jennifer lawrence A poco più di un mese dalla lettera aperta scritta da Jennifer Lawrence riguardo la differenza del salario tra gli uomini e le donne, la Mulligan dice la sua. “Trovo giusto che qualcuno come lei parli di questi argomenti, ho sentito critiche legate al fatto che lei guadagni molto, ma non era quello il punto del suo articolo. La discrepanza tra uomini e donne è presente in ogni campo, lei può parlarne e fare da cassa di risonanza, è una voce potente che può sottolineare che c’è qualcosa che non va. È una conversazione che va affrontata ed è da ammirare per aver fatto quello che ha fatto. È una questione vecchia come il mondo che coinvolge tutti gli aspetti della nostra società (…). È anche positivo che le giovani di oggi abbiano numerose immagini che le possano influenzare in positivo, il personaggio di Jennifer Lawrence in Hunger Games è un modello femminile molto forte”.

Parlando dei suoi progetti futuri e delle parti che le vengono offerte, l’attrice ha ammesso di aver ricevuto numerose proposte per blockbuster o pellicole legate ai supereroi: “Nel passato ne ho ricevute molte, ma i film di quel genere non mi ispirano. Per esempio il materiale dei film della Marvel, sebbene mi piaccia guardarli, non mi parla. In questo tipo di franchise si interpreta lo stesso personaggio in diversi film e non è qualcosa che mi piacerebbe fare” ha chiuso l’attrice.

Suffragette, che oltre alla Mulligan vede nel cast Helena Bonham Carter, Meryl Streep, Ben Whishaw e Brendan Gleeson, uscirà nelle nostre sale il 3 marzo del 2016.

Comments
To Top