fbpx
Broadchurch

Broadchurch: Ólafur Arnalds consiglia di cercare indizi nella colonna sonora

Ólafur ArnaldsLa stagione di Broadchurch continua tra critiche positive e non. Continua il processo a Joe Miller, ma continuano anche le indagini di Hardy e Miller per scoprire chi sia effettivamente l’assassino del caso Sandbrook. Le acque sono sempre più agitate e iniziano a questo punto le speculazioni su chi possa essere il colpevole.
Ólafur Arnalds, la mente dietro la splendida colonna sonora che ha accompagnato e che accompagna ancora le nostre passeggiate sulla scogliera della piccola cittadina del Dorset, consiglia di cercare degli indizi anche nella musica.

Vincitore di un BAFTA proprio per la colonna sonora della prima serie, Arnalds è stato ingaggiato dallo stesso Chris Chibnall, il quale ha più volte affermato di aver avuto già in testa la musica del compositore islandese mentre immaginava e scriveva la serie.

Olafur-ArnaldsArnalds ha avuto modo, prima di comporre, di visitare il Dorset per cercare di catturare lo stato d’animo di Broadchurch. “Sono andato a Bridport e ho visto la città. Ho lavorato partendo da immagini di scogliere. È stato importante per ottenere l’atmosfera della città. Chris mi ha dato alcune linee guida. Mi ha chiesto che ci fosse intimità e purezza nella musica, in linea con l’atmosfera emozionale dello show. Per questo ci sono un sacco di pianoforte e archi”. Ma la musica, fin dalla prima serie, ha avuto in sè una ragione in più del semplice accompagnamento sonoro. “C’è un tema per ogni personaggio e c’era anche un tema leggermente diverso per l’assassino. Abbiamo lasciato degli indizi qua e là. Se si guarda di nuovo la prima serie e si presta attenzione, la musica ti consente di capire chi è l’assassino. Le persone possono cogliere ciò che sta per accadere dalla colonna sonora in entrambe le stagione. In questa, il tema musicale è più su Broadchurch come una città che come singoli personaggi. È più ampio, si tratta di unificare tutto. “

Comments
To Top