fbpx
Bridgerton

Bridgerton: Tutte le differenze tra i libri e la serie tv

bridgerton differenze serie tv libri

Se non avete ancora avuto modo di bingewatchare (perchè, oggettivamente, non esiste alcun altro modo di guardarla) la serie tv Bridgerton, vi siete persi una delle serie tv più brillanti e storicamente inaccurate del 2020. Purtroppo per noi, la produzione targata Shondaland e tratta dalla saga di libri di Julia Quinn non è soltanto sulla bocca di tutti ma è senza dubbio qualcosa da cui è impossibile distogliere lo sguardo e l’attenzione.

La saga dei Bridgerton è stata pubblicata in 9 libri totali, i primi due rilasciati nel 2000. L’ultimo capitolo è stato pubblicato nel 2013, a 7 anni di distanza da quello precedente. Ora che Netflix ha rilasciata la prima (ma, si presume, non ultima) stagione della serie tv con Phoebe Dynevor e Regé-Jean Page l’interesse per i romanzi della Quinn non può che essere rinnovato. Purtroppo i lettori più devoti si sono ben presto resi conto delle differenze tra i libri incentrati sulla famiglia Bridgerton e la serie tv creata da Chris Van Dusen.

Quali sono le principali differenze tra i libri e la serie tv Bridgerton

Il primo incontro tra Simon e Daphne

Nella serie tv Netflix Bridgerton, la giovane Daphne Bridgerton (Phoebe Dyvenor) e il Duca di Hastings (Regé-Jean Page) si incontrano ad un ballo. Più precisamente quando Daphne si scontra inavvertitamente con il duca nel tentativo di scappare dalle indesiderate attenzione di Nigel Berbrooke. Nel romanzo Il Duca e Io, Simon si nasconde e origlia all’incontro in giardino tra Daphne e Berbrooke (che nella serie tv accade alla fine dell’episodio 2) in cui la fanciulla lo respinge. Il duca viene in suo soccorso quando Daphne dà un pugno al duca. Atto istintivo nel tentativo di frenare le sue indesiderate e un pò troppo irruente attenzioni. In entrambi libri e serie tv Simon salva Daphne dalla scomoda situazione.

Daphne, inoltre, nei libri non è al proprio debutto in società bensì alla seconda stagione in cui partecipa agli eventi che dovrebbero consentirle di trovare un marito. È piuttosto nervosa riguardo all’intero processo di trovare marito, mentre nella serie sembra incredibilmente sicura di se.

Simon, boxe e balbuzie

Nella serie tv vediamo spesso il duca di Hastings a petto nudo o con una camicia aperta. In particolare mentre si allena con il proprio amico Will Mondrich (Martins Imhangbe) su un ring. Purtroppo nei libri il duca di Hastings difficilmente indulge in combattimenti corpo a corpo, tantomeno a petto nudo.

La sua balbuzie, inoltre, non è del tutto guarita come la serie tv fa credere. Nel romanzo, i principali problemi di comunicazione tra Daphne e il duca, dopo che i due sono sposati, derivano dal suo correre fuori dalla stanza per non lasciare che Daphne lo senta balbettare. Questo è anche uno dei motivi principali per cui non desidera figli, dal momento che teme che potrebbero essere come lui. Infine, quando finalmente il duca di Hastings riesce a fidarsi della moglie, mostrandole tutti gli aspetti del proprio carattere, i due riescono a trovare la felicità.

LEGGI ANCHE: Regé-Jean Page – 8 curiosità sull’attore che veste i panni di Simon, Duca di Hastings, in Bridgerton

Anthony era a conoscenza del piano di Daphne e Simon

Nella serie tv, Anthony Birdgerton (Jonathan Bailey) viene presentato come un fratello ultra-protettivo che non tiene conto dei desideri di sua sorella, almeno inizialmente, e non perde opportunità di cercare di trovarle un buon partito. Nei libri il carattere del ragazzo non potrebbe essere più diverso, poiché è un alleato fedele della sorella nella lotta ai pretendenti non desiderati. A differenza della serie tv, nei libri Anthony viene informato dell’accordo tra Daphne e Simon e lui acconsente ad aiutarli a tre condizioni. Primo, il tutto deve restare un segreto. Secondo: Simon e Daphne non possono stare insieme. Terzo: “Se dovessi scoprirti a baciare la sua maledetta mano senza un accompagnatore nei paraggi, ti troverai senza testa!”. Poco drastico, insomma.

Anche nei libri Anthony scopre Simon e Daphne baciarsi, e sfida il duca a duello.

bridgerton differenze serie tv libri

Il tragico destino di Marina Thompson

Nella serie di Julia Quinn, Marina viene menzionata soltanto velocemente nel prologo del quinto romanzo. Qui apprendiamo che la donna non è altri che la defunta moglie del corteggiatore ed interesse amoroso di Eloise, Philip Crane. Un uomo che Marina ha sposato nonostante fosse stata inizialmente promessa a suo fratello, poi ucciso in guerra. Afflitta da gravi problemi di depressione, la donna ha cercato di suicidarsi gettandosi in un lago gelato in pieno inverno, salvo venire poi recuperata dal marito. La febbre seguita al tragico evento è stata la causa della sua morte, che ha lasciato soli Sir Philip e i suoi due bambini.

La Marina Thompson (Ruby Barker) della serie tv Bridgerton, per quello che ci riguarda, potrebbe anche essere un personaggio del tutto diverso. La donna, cugina della famiglia Featherington, è infatti incinta di un uomo che lei identifica come il maggiore dei fratelli Crane, una delle peggiori sciagure per una donna non sposata nel XIX secolo. Nella serie tv la ragazza sposa il fratello minore dell’uomo che l’ha messa incinta, Philip Crane. Sarà interessante scoprire se il suo destino sarà lo stesso dei romanzi o meno, dal momento che Eloise dovrebbe sposare proprio Sir Philip. Chissà!

Lord Featherington… e la sua morte

Su schermo, Lord Featherington (Ben Miller) è il silenzioso e a tratti apatico patriarca della famiglia, immischiato in affari di gioco e pesanti debiti. La figura risulta un’aggiunta alquanto interessante alla nobiltà londinese, sebbene nei libri non esista.

Nel romanzo Il Duca e Io, Lord Featherington è già morto. La scelta di lasciarlo in vita almeno per una stagione gli permette di avere un riscatto. Qualcosa che su pagina non gli è concesso, ovvero quello di provvedere a recuperare i fondi per sostenere le spese della propria famiglia. Questo in seguito aver dissipato ingenti somme di denaro, incluse le doti delle proprie ragazze, al gioco.

LEGGI ANCHE: Bridgerton – le location inglesi dove è stata filmata la serie TV

La regina Carlotta e re Giorgio

Una delle sorprese (forse più belle) della serie tv targata Shondaland è l’apparizione su schermo dei sovrani Re Giorgio III e della Regina Carlotta di Meclemburgo-Strelitz. La Regina Carlotta (su schermo interpretata da Golda Rosheuvel), in particolare, ha un ruolo centrale negli eventi. Non è soltanto una spettatrice distaccata ma parte coinvolta nella stagione londinese.

I fan più accaniti dei period drama del periodo Regency britannico hanno storto il naso per l’introduzione di una quantità notevole di personaggi neri nella storia, sebbene per la Regina Carlotta questa scelta sia storicamente accurata. La consorte di Giorgio III era infatti di origini africane, discendente da un ramo della famiglia reale portoghese attraverso Margarita de Castro y Sousa. Sposò Re Giorgio nel 1761, poco prima che quest’ultimo diventasse re. Nel 1813, quando è ambientata la prima stagione di Bridgerton, il re era affetto da una grave malattia. Su schermo viene mostrato un livello avanzato di demenza mentre gli storici ritengono che si trattasse di disturbo bipolare.

bridgerton differenze serie tv libri

Siena, Madame Delacroix e altri personaggi che nel libro non esistevano

Sono stati molti i personaggi che la serie tv Bridgerton ha introdotto su schermo e che non sono minimamente citati o presenti nei romanzi di Julia Quinn. Oltre ai già citati sovrani Regina Carlotta e Re Giorgio III, nei romanzi non appare neppure la sarta Madame Genevieve Delacroix (Kathryn Drysdale), interesse amoroso di Benedict, il secondo in ordine di maggiore età dei fratelli Bridgerton. Nei libri, infatti, l’interesse amoroso del ragazzo è Sophie Beckett, una serva.

Parlando di differente di classe, neppure la cantante lirica Siena Russo (Sabrina Bartlett) è mai stata citata nei romanzi. Nel libro dedicato ad Anthony Bridgerton, Il Visconte che mi ha amato, viene citata una lunga lista di “…vedove e attrici che sapevano quello che volevano e quello in cui si cacciavano…” relativa ai suoi anni da scapolo. Una donna di nome Maria Rosso, popolare soprano, viene citata in alcuni passaggi del libro ma unicamente come pretesto per ingelosire la futura moglie di Anthony, Kate.

Infine, oltre a Lord Featherington, che abbiamo già detto essere defunto nei libri, nemmeno l’affascinante Principe Friederich (Freddie Storma) viene introdotto nei romanzi. L’attore noto per aver interpretato Cormac Mclaggen nella saga cinematografica di Harry Potter interpreta un personaggio storicamente accurato ma che Daphne non ha la fortuna di incontrare, o avere come pretendente, nella saga originale.

Ultimo ma non meno importante, Mr. Granville, l’artista libertino e amico di Benedict Bridgerton (Luke Thompson), nei libri non esiste.

Il controverso inganno di Daphne nella camera da letto

Il mondo del web è stato sconvolto dalla scena che nell’episodio 5 coinvolge Daphne e Simon, più precisamente un momento intimo nella loro camera da letto. Molti hanno bollato la scena come “stupro”, in alcuni casi aggiungendo la dicitura “stupro di un uomo nero”, rendendo l’intera questione unicamente drammatica e delicata.

Nel romanzo Il Duca e io, Daphne non programma di assalire il marito e costringerlo a fare qualcosa che non desidera ma l’idea la coglie già durante il momento di passione che i due stanno avendo. Nel libro, inoltre, Simon è pesantemente ubriaco mentre nella serie tv è un partecipante senziente e del tutto cosciente di ciò che sta accadendo. In ogni caso abbiamo già approfondito l’intera faccenda, che potete leggere al seguente link.

LEGGI ANCHE: Bridgerton – La scena controversa tra Daphne e Simon che sta causando polemica su Twitter

Eloise alla caccia di Lady Whistledown

Su schermo, Eloise Bridgerton (Claudia Jessie) è tra i personaggi più interessanti e progressivi della Londra di inizio ‘800. Su schermo, oltre a ribadire più volte di non desiderare lo stesso destino di sua sorella Daphne, Eloise è ossessionata dallo scoprire l’identità di Lady Whistledown. Incarico reso ancor più importante dalla missione assegnatale da Sua Maestà la regina in persona.

Ma passiamo ai romanzi. Nei romanzi, Eloise ha 16 anni ed è praticamente ancora una scolaretta durante gli eventi di Il Duca e io. Non si autoproclama una moderna Sherlock Holmes e neppure viene insignita dalla regina del compito gravoso di identificare Lady Whistledown. Sebbene nei libri le stesse Eloise e Penelope (Nicola Coughlan) siano amiche, Eloise è pressappoco assente nei primissimi romanzi.

Penelope e la sua cotta per Colin

Su schermo uno dei passaggi chiave della trama della stagione 1 di Bridgerton è senz’altro la cotta di Penelope per uno dei fratelli di Daphne, Colin. Il ragazzo, per quanto legato a Penelope, vede in lei soltanto un’amica e arriva molto vicino a legarsi per sempre con Marina. Nei libri Penelope ha una cotta per Colin ma alla cosa non viene dato assolutamente il peso che invece ha nella serie tv. Al contrario, tutto quello che scopriamo della cotta di Penelope emerge nel libro 4, dedicato a Colin appunto.

L’importanza di Lady Whistledown

Arriviamo finalmente a Lady Whistledown e all’importanza che questa figura, doppiata nella versione originale da Julie Andrews, riveste nella trama. Nei libri i giornaletti scandalistici di Lady Whistledown non sono altro che uno strumento ben architettato per far progredire la trama, fornendo uno spunto in più per la sua chiarezza ed evoluzione. L‘identità della scrittrice non viene rivelata se non nel libro 4 e quindi anche la scelta di svelare di chi si tratta in così netto anticipo rispetto alla trama non fa che presupporre che ci sarà una rivelazione ancor più complessa ed intrigante con il passare delle (presunte) stagioni.

Nei libri nessuno è ossessionato con la sua identità, nessuno cerca di scoprire chi è in maniera compulsiva, come invece accade su schermo. In poche parole la versione “Gossip Girl” della serie tv è completamente inventata.

Fonti (parziali): Elitedaily.com, OprahMag.com

Comments
To Top