fbpx
Better Call Saul

“Better Call Saul” lo spin-off di Breaking Bad che i fan non potranno perdere

Gilligan e Gould al timone di una nuova serie con protagonista Saul Goodman: in tv nel 2014 e su Netflix in tutto il mondo

Negli ultimi mesi si sono rincorse numerose informazioni, dichiarazioni e interviste ufficiali riguardo quello che ogni fan di Breaking Bad non può che attendere con ansia. La AMC infatti ha già dato il via libera per “Better Call Saul”, una nuova serie spin-off che avrà come protagonista proprio l’avvocato arrivista Saul Goodman interpretato da Bob Odenkrik.

bettercallsaul-02La serie non sarà semplicemente un modo per spremere un brand che ha fatto la fortuna mediatica della AMC. Al contrario si tratta di un progetto che vede coinvolto il gruppo creativo originale, con gli stessi Vince Gilligan e Peter Gould al timone. Vince dirigerà anche il pilot della nuova serie. La bava alla bocca non finisce qui. Perché quella che in principio sembrava dover essere una serie “prequel”, ovvero in qualche modo slegata da Breaking Bad, è stata invece confermata come un mix “prequel-sequel”. E mi viene da immaginare anche “midquel”. Pare infatti che la serie, tramite quegli escamotage narrativi tipici di BB, farà salti in avanti e indietro per raccontare altro della storia di Saul. E dato che pare anche che il buon Walter White apparirà in un cameo, significa che la storia si fa molto interessante!

La serie andrà in onda negli USA e in Canada nel 2014, pare tra agosto e ottobre, ma ancora non è stata definita una data. Quello che però è diventato sicuro è che Netflix distribuirà la serie in Europa e in America Latina subito dopo la messa in onda originale. La prima stagione di Saul sarà disponibile ai membri americani di Netflix subito dopo il season finale.

bettercallsaul-03Il Chief Content Office di Netflix, Ted Sarandos, ha dichiarato: “Breaking Bad è largamente riconosciuta come una delle grandiose esperienze televisive di questa nuova era d’oro della tv. Si è anche dimostrata molto popolare tra gli abbonati Netflix in tutto il mondo. Questo spinoff promette di proseguire la tradizione di intenso storytelling. Siamo orgogliosi di essere in affari con la Sony Pictures Television per portare Saul Goodman ai nostri abbonati in giro per il mondo.” Netflix ha spesso ricevuto il merito di aver aiutato gli ascolti di Breaking Bad, permettendo alle persone di rimettersi in pari con le stagioni precedenti grazie al proprio servizio di streaming. Addirittura, c’è stato un momento in cui la AMC stava per perdere Better Call Saul a favore proprio di Netflix, per via della difficoltà di accordi tra AMC e Sony. Di soldi, ovviamente.

In ogni caso tutto si è concluso per il meglio e Gilligan e Gould stanno lavorando al plot della serie, annunciando anche che si tratterà di qualcosa dai toni più chiari rispetto alla serie originale da cui nasce. Non ci resta altro che aspettare la data ufficiale di messa in onda.

Comments
To Top