fbpx
Bates Motel

Bates Motel: Recensione dell’episodio 1.06 – The Truth

Scopriamo una scioccante verità su Norman in un episodio ricco di colpi di scena

Dopo l’ottimo episodio della scorsa settimana, Bates Motel si supera, donandoci un episodio ricco di colpi di scena e rivelazioni shock.

‘The Truth’ comincia con Norma che deve affrontare la verità su Zack. Un’eccezionale Vera Farmiga ci mostra il crollo psicologico di una donna stanca di essere sempre delusa dagli uomini. Emma è circondata dalla follia della famiglia Bates ed è inutile cercar di far capire loro che bisogna avvertire le autorità. Perché Norma, per quanto irrazionale sia la sua reazione, sa bene il fatto suo e con quel poco di lucidità che le resta ricorda che il caro Zack ha la cintura che potrebbe incriminarla per l’omicidio di Keith Summers. Così convince Emma ad aspettare, facendo leva sulla mancanza di una figura materna nella sua vita. Norman resta sorpreso dall’affetto che la madre mostra per la ragazza, ma non si sorprende invece quando capisce che era solo una strategia per prendere tempo.

bates-motel_106-03Così Norma si prepara ad un’altra serata romantica con lo sceriffo, il piano è quello di fermarsi a dormire da lui e cercare la cintura durante la notte. Ma Dylan, da bravo uomo di casa, prende in mano la situazione, ordinando alla madre di togliere il rossetto. Io amo questo personaggio, che sembra l’unico sano di mente dello show pur avendo il fascino del bad boy. Vorrei fosse approfondito come è nato l’astio tra lui e Norma, e, soprattutto, voglio ancora tante scene fratello maggiore/fratello minore.

Mentre i ragazzi sono sulla barca di Summers per cercare la cintura, Zack si reca dalla sua amata senza avere neanche la minima idea di ciò che sta succedendo. Norma cerca di comportarsi in modo naturale ma, mentre sono in una camera del motel, Zack sente un rumore di acqua che scorre provenire da un’altra camera. Caso ha voluto che la ragazza asiatica sentisse il bisogno di fare la doccia proprio in quel momento.
Da qui in poi è un crescendo di azione, ansia e preoccupazione per Norma e i suoi figli che, trovata e gettata la cintura, sono tornati al motel.
Mentre Zack rincorre la ragazza asiatica, Dylan annuncia alla madre che Norman si trasferirà da lui. Che scena fantastica vedere Norma più sconvolta per il possibile trasferimento del figlio che per la questione vice-sceriffo.

Quando Zach torna al motel comincia un duello a colpi di pistola tra lui e Dylan, che si rincorrono e si scontrano per bates-motel_106-02tutta la proprietà. Norman resta ferito alla testa e viene messo in salvo da Norma. Il vicesceriffo e il maggiore dei Bates restano soli in casa e quando sentiamo gli ultimi colpi di pistola non sappiamo chi è prevalso sull’altro. Per fortuna è Dylan.

Mentre sono in attesa della polizia, Dylan e Norma hanno un confronto in cui scopriamo la verità: è stato Norman ad uccidere il padre, nel tentativo di proteggere la madre dai suoi abusi. Norma ne ha inscenato il suicidio per proteggere il figlio, che apparentemente non ricorda nulla.
L’episodio si conclude con l’inquietantissimo primo piano di Norman che fissa il vuoto, mentre le sirene della polizia ne annunciano l’arrivo al motel.

‘The Truth’ è un episodio scritto e girato magistralmente, che accontenta i fan di Psycho con molti elementi che evocano il film. Eppure, Norman Bates è ancora molto lontano dal diventare il serial killer che conosciamo. In Psycho, Norman è un sociopatico che gode nell’infliggere dolore, quello di Bates Motel è ancora un ragazzino che diventa violento quando si sente minacciato, o quando sente che la madre è in pericolo. Ha ancora molta strada da fare. Già dallo scorso episodio, però, è entrata in gioco la sessualità: l’attrazione di Norman per le donne è una minaccia al suo rapporto con la madre e sarà uno degli elementi predominanti dei suoi omicidi.

Insomma, applauso a Bates Motel che prima d’ora non mi aveva ancora convinta del tutto ma che con questo episodio elimina ogni dubbio.

Comments
To Top