fbpx
Cinema

Avengers – Endgame: Il mega-pagellone di tutti i personaggi

avengers endgame personaggi

[ATTENZIONE: IL SEGUENTE ARTICOLO CONTIENE SPOILER SUL FILM AVENGERS: ENDGAME]

Dopo aver concluso la visione di Avengers: Endgame, la prima cosa che colpisce lo spettatore è senz’altro la quantità di personaggi presenti nel film. Insomma, parliamo non soltanto dei Vendicatori originali (che, comunque, hanno la precedenza) ma di un ensemble di ben tre fasi dell’universo Marvel. Cosa significa? Che ci sono tante cose da dire non solo sulla trama ma, più nello specifico, sui personaggi di Avengers: Endgame. 

Chi si è distinto? Quale eroe ha saputo rendere al meglio il momento di transizione post – Thanos? Chi ha saputo dare omaggio al proprio personaggio nella maniera più consona, onorando gli ultimi dieci anni di un viaggio epico e straordinario? Noi abbiamo provato a dare un voto a tutti i nostri eroi. Fate sapere a Katia e Winny se ci hanno visto giusto (si, ogni tanto parliamo di noi stessi in terza persona).

Ecco il mega-pagellone per i personaggi di Avengers: Endgame

Gli original Six

avengers pagellone personaggi

Credits: Marvel

Tony Stark/Iron Man (Robert Downey Jr.)

Un vero eroe non è solo quello che riesce a sopravvivere alle avversità. L’eroe è quello che, quando arriva il momento, è pronto a sacrificarsi per quelli che ama. Il sacrificio di Tony è una conclusione tristissima ma appropriata per il personaggio di Iron Man. È con lui che tutto era iniziato, nel lontano 2008, ed è con lui che il cerchio si chiude, nel 2019. Ha superato la sua paura di rimettersi in gioco ed è stato in grado di essere un Avenger fino alla fine.

Voto: 10/10

LEGGI ANCHE: Avengers Cast – Quanto conosci gli attori della MCU? Scoprilo con il QUIZ!

Steve Rogers/Captain America (Chris Evans)

Gli Avengers non esistono senza Iron Man proprio come non esistono senza Cap. Steve Rogers ha avuto, in questa pellicola, il finale che ha sempre desiderato. Ha avuto il lieto fine che meritava, accanto al suo “vero amore”, con il quale è stato finalmente riunito. Ha fatto anche un bel discorso (come notato da Rocket) e ha tenuto unito il gruppo fino alla fine. Ha appeso lo scudo al chiodo (o l’ha donato a Falcon, fa lo stesso) ed è certo che i giorni di Captain America sono ormai conclusi.

Voto: 10/10

Natasha Romanoff/Vedova Nera (Scarlett Johansson)

Paradossalmente l’unico personaggio femminile a non aver alcun superpotere vero e proprio è quello che non sarebbe potuto mancare nella storia degli Avengers. Perché Natasha è sempre stata colei a cui spettava recuperare chi stava andando alla deriva, che fosse un Bruce Banner incapace di fare pace con la sua versione Hulk, uno Steve Rogers in cerca del proprio posto dopo il lungo letargo, un Tony Stark in lotta con i suoi dubbi e contro gli altri, un Hawkeye corrotto dal lutto. Era, a suo modo, l’anima degli Avengers. Non è un caso che il suo sacrifico sia quello che occorre a recuperare la gemma, appunto, dell’anima.

Voto: 10/10

avengers pagellone personaggi

Credits: Marvel

Thor (Chris Hemsworth)

Lo si era già capito da Thor: Ragnarok. Se ne era avuta la conferma in Avengers: Infinity War. Ci si è tolto ogni dubbio con questo gran finale. Chris Hemsworth ha una vena comica innata che sarebbe stato un peccato non sfruttare e che, infatti, funziona bene anche stavolta. Ma era necessario spingere così tanto il pedale sull’acceleratore per farne una macchietta comica? Dal Dio del Tuono era lecito aspettarsi qualcosa di più epico in un film che doveva celebrare la fine di una epoca. Invece si è preferito sottolineare l’inizio di una seconda era, quella degli Asgardiani della Galassia.

Voto: 7/10

LEGGI ANCHE: Chris Hemsworth – 10 cose che non sai dell’attore di Thor

Bruce Banner/Hulk (Mark Ruffalo)

Sebbene avesse un filo di logica la coesistenza di Hulk e Banner, credo che meritassimo un pò di “rabbia” in più, in onore dei vecchi tempi. Forse il personaggio di Mark Ruffalo è quello che ho apprezzato meno in Avengers: Endgame. Comico, sicuramente. Geniale, ovvio. Straordinario? No, qualcosa mancava. Ma senza di lui non ci sono nemmeno gli Avengers, dico bene?

Voto: 7-/10

Clint Burton/Occhio di Falco (Jeremy Renner)

Come Natasha, anche Clint negli Avengers ci stava quasi per caso, non avendo alcun potere sovrumano. A parte la mira molto più che olimpionica. Soprattutto, Occhio di Falco, però, era il lato umano, fin troppo umano di questo gruppo di supereroi. Colui che ricordava come fossero comunque uomini prima che eroi. E quindi diventava accettabile sia la sua assenza passata che il suo cedere alla violenza criminale in questa prima parte. Un peccato ripagato da un ottimo percorso di redenzione.

Voto: 8/10

Tutti gli altri eroi (e cattivi)

avengers pagellone personaggi antman

Credits: Marvel

Scott Lang/Ant-Man (Paul Rudd)

Nasce esplicitamente per alimentare la vena comica del MCU e fa questo fin dal suo primo film, miscelando bene ironia e azione, comicità e eroismo, beata ignoranza e ostinata volontà di non arrendersi. Ha il merito innegabile di accendere il film quando tutti sembrano rassegnati ad accettare il fatto compiuto, ma poi è costretto a lasciare spazio ad altri. Pur non tirandosi indietro, quando il gioco si fa duro.

Voto: 8/10

Nebula (Karen Gillan)

Ottima la prova di Karen Gillan, che più di tutti ha saputo destreggiarsi tra la propria versione passata e quella presente. Grazie a lei abbiamo potuto davvero vedere l’evoluzione di questi anni, il cambiamento dei personaggi e la strada che si sono lasciati alle spalle. La redenzione è perfettamente incarnata nel personaggio di Nebula, che nel suo piccolo risulta comunque essenziale per la ricerca delle Gemme.

Voto: 7/10

Rocket (Bradley Cooper)

Un procione che parla e usa il sarcasmo con la stessa abilità con cui ripara astronavi e spara con ogni arma possibile. Ha anche una innata capacità di adattarsi ad ogni compagno di squadra e, non a caso, lo abbiamo visto integrarsi bene con Nebula nei momenti più seri, con War Machine nelle battaglie, con Thor nelle scene da ridere. Però, alla fine, resta un procione che parla.

Voto: 6.5/10

avengers pagellone personaggi captain marvel

Credits: Marvel

Carol Danvers/Captain Marvel (Brie Larson)

Mi aspettavo un ruolo molto più centrale per Captain Marvel in questa pellicola. L’hanno spacciata come l’arma segreta fondamentale per la vittoria contro Thanos. In realtà? Ha fatto saltare una nave piena di alieni, sicuro, ma non è stata “essenziale” come Natasha, Cap o Tony. Insomma, sono contenta che gli Avengers originali abbiano avuto spazio ma credo che la Danvers sia stata sotto-sfruttata come personaggio.

Voto: 6/10

LEGGI ANCHE: Captain Marvel (aka la Marvel che ancora mancava) – Recensione del cinecomic

Thanos (Josh Brolin)

Dei 21 film che compongono l’MCU finora, è stato il villain segreto per oltre la metà di essi. Soprattutto, è stato il primo cattivo a non essere monocromatico o stereotipato, ma con una personalità propria e delle motivazioni non egoistiche. Un titano che voleva solo realizzare il bene dell’universo, ma che aveva sbagliato a comprendere che il suo concetto di bene fosse sbagliato. Questa sua caratterizzazione emerge rafforzata dal primo scontro, ma si perde purtroppo nella parte finale quando l’esigenza di avere un nemico da odiare lo fa diventare il cattivo che prova gusto a sterminare. Un peccato necessario.

Voto: 7/10

avengers pagellone personaggi pepper potts

Credits: Marvel

Pepper Pots (Gwyneth Paltrow)

Compare per poco tempo, ma conferma che a contare è la qualità piuttosto che la quantità. Pepper è stata da sempre l’ancora e la coscienza di Tony ed, in questo finale, sono le sue parole a convincerlo a non cedere ad un insano egoismo, ma piuttosto a cercare la via migliore per salvare il mondo intero invece che unicamente la sua famiglia. E poi aggiunge il bonus della nuova armatura e dell’addio più toccante.

Voto: 7.5/10 

James “Rudy” Rhodes/War Machine (Don Cheadle)

Complice l’iniziale ritrosia di Tony ad unirsi alla missione di recupero degli inceneriti, Rudy riesce a guadagnarsi una propria autonomia sfuggendo al ruolo usuale di spalla di Iron Man. Mostra un carattere più deciso, ma anche punte di ironia o sarcasmo. Nonostante recuperi una delle gemme, continua tuttavia ad essere un coprotagonista piuttosto che avere un ruolo primario. Ma non possono essere tutti allo stesso livello per cui va bene così.

Voto: 6.5/10

Gamora (Zoe Saldana)

Era uno dei pochi personaggi sul cui non-ritorno molti avevano scommesso. Ed, in effetti, a tornare non è la Gamora di Quill, ma quella di Thanos. La figlia recalcitrante prima che diventasse ribelle alla volontà del padre. Solo che le esigenze di copione impongono che questo passaggio dalla parte dei buoni avvenga forse troppo rapidamente sulla base di una promessa di sorellanza in cui crede immediatamente. Però almeno non cede subito alla corte di Starlord.

Voto: 6/10

valkyrie

Credits: Marvel

Valkyrie (Tessa Thompson)

È evidente come Avengers: Endgame abbia voluto dare spazio non solo agli Original Six ma anche ai suoi personaggi femminili principali. Tra questi anche Valyrie. Ne ha fatta di strada la fanciulla dai tempi in cui era una mercenaria ubriacona. Non solo ha tenuto in mano le redini mentre Thor diventava una botte ma, alla fine, ha anche finito con l’indossare la corona del suo popolo. Long live the Queen!

Voto: 8/10

LEGGI ANCHE: Avengers: Endgame – 20 riferimenti ed easter eggs che forse non hai notato

Peter Parker/Spiderman (Tom Holland)

Uno dei principali protagonisti nella (seconda) battaglia contro Thanos, Peter ha avuto il non facile compito di tenere il guanto al sicuro. L’ha fatto egregiamente, soprattutto grazie alla modalità “uccisione istantanea” della sua tuta. Aspettavamo con ansia il ritorno di Peter, proprio come Tony, e per fortuna non ha deluso le nostre aspettative!

Voto: 9/10

avengers endgame easter eggs doctor strange

Credits: Marvel

Steven Strange/Dottor Strange (Benedict Cumberbatch)

Si era spoilerato da solo il film vedendosi tutte le possibilità e scegliendo l’unica che poteva portare al successo. La battaglia finale gli da ragione e a lui resta solo da partecipare salvando più persone possibili e dando a Tony la muta conferma che quello che ha in mente di fare è la scelta giusta. Poco tempo ma usato bene.

Voto: 7+/10

T’Challa/Black Panter (Chadwick Boseman)

Yimbambe, yibambe, yibambe!

Con Black Panter ritroviamo anche il grido di battaglia che aveva accompagnato la prima, grande battaglia contro Thanos. Prima di Peter e Tony, è T’Challa a proteggere il guanto da Thanos e dal suo esercito. Per fortuna il re è tornano, altrimenti come avremmo potuto guardare un Black Panter 2 senza di lui?!

Voto: 8/10

Okoye (Danai Gurira) + Shuri (Letitia Wright) + Ramonda (Angela Bassett)

Ci piace pensare che Wakanda non sarebbe niente senza la propria componente femminile. Per fortuna, in assenza di T’Challa, è stata Okoye a tenere le redini del regno, proteggendolo per ben cinque anni in assenza di altri governanti. Il ritorno di Shuri è poi senz’altro il preludio di un nuovo avanzamento tecnologico per il regno. Come sempre, women power forever!

Voto: 7/10

avengers pagellone personaggi

Credits: Marvel

L’Antico (Tilda Swinton) + Wong (Benedict Wong)

La cosa più interessante è scoprire a posteriori che nel primo Avengers a combattere a New York non erano solo i sei originali, ma c’era anche l’Antico. Cosa perfettamente sensata, visto che la Gemma del Tempo doveva essere protetta anche prima che Steven Strange diventasse lo stregone supremo. Tuttavia, spiegone a parte in stile Ritorno al Futuro, l’Antico fa poco più di una comparsata, mentre Wong fa anche meno per colpa del poco tempo a disposizione.

Voto: 6/10

LEGGI ANCHE: Cinecomic 2019 – Tutti i film dei supereroi in uscita quest’anno

Hope van Dyke/The Wasp (Evangeline Lilly)

La Marvel punta molto sul futuro dei propri vendicatori al femminile. Ne è un esempio lo spazio (forse perfino troppo) dedicato ad Evangeline Lilly e la sua Wasp, che combatte accanto a Scott. Proprio come, tanto tempo fa, avevano fatto il professor Pym e sua moglie in analogo vestiario. Chissà che la Marvel non si sbizzarrisca e decida, stavolta, di fare un film intitolato solo The Wasp. Povero Ant-Man.

Voto: 6/10

Bucky Barnes/Winter Soldier (Sebastian Stan) + Sam Wilson/Falcon (Anthony Mackie)

Restano in scena non per molto, ma per quanto basta a confermare l’ottima chimica tra i due personaggi. Sono protagonisti non a caso di uno degli epiloghi con l’investitura di Sam a nuovo Captain America, coerentemente con la continuity dei fumetti, e con il desiderio della Marvel di avere supereroi di colore. E soprattutto veicolo pubblicitario per il lancio della futura serie Falcon e Winter Soldier che la Casa delle Idee produrrà per Disney+, neonato servizio streaming della Casa del Topo.

Voto: 7/10

Wanda Maximoff/Scarlet Witch (Elizabeth Olsen)

A differenza degli altri, Wanda non può riavere indietro Visione, che è morto prima dello schiocco di dita che ha polverizzato mezzo universo. Sorge spontaneo chiedersi come faranno con la serie tv in arrivo. Però intanto la Maximoff gli ha fatto vedere eccome a Thanos: perchè una donna incazzata non è niente paragonato ad una Scarlet Witch in cerca di vendetta!

Voto: 8/10

avengers pagellone personaggi peter quill

Credits: Marvel

Peter Quill/Starlord (Chris Pratt)

Più che un ritorno in tempo per questo film, il suo è un tornare a casa per lanciare il prossimo capitolo già annunciato di Guardiani della Galassia. Per questo lo rivediamo nella scena di ballo con cui esordì nel MCU e nel fare la corte ad una Gamora per nulla convinta. E a fare il bullo a parole quando sulla sua nave sale un altro aspirante capitano. Probabile che l’interazione con Thor e la ricerca di Gamora siano tra gli ingredienti del prossimo film, Guardiani o Asgardiani che siano.

Voto: 6/10

Mantis (Pom Klementieff) + Drax (Dave Bautista) + Groot (Vin Diesel)

I Guardiani sono stati praticamente inesistenti in questa pellicola. Parzialmente la logica è comprensibile, dal momento che, confrontati con il resto del cast e degli eroi, non sono nè i più nè i più strategici per una battaglia con Thanos. È stato senz’altro piacevole rivederli e sapere che stanno bene ma, materialmente, che ci fossero o meno non avrebbe cambiato le sorti della galassia. Ci vediamo in Guardiani della Galassia – Vol. 3 alla ricerca di Gamora. Per fortuna di nuovo con James Gunn alla regia!

Voto: 5/10

Menzioni speciali

tom hiddleston avengers pagellone personaggi

Credits: Marvel

Loki (Tom Hiddleston)

Il personaggio di Loki è stato la ciliegina sulla torta per Tom Hiddleston e la sua prossima serie tv in arrivo su Disney+. I vendicatori avranno pure recuperato lo scettro e per sconfiggere Thanos ma tutti si sono dimenticati di come Loki abbia semplicemnte afferrato il Tesseract e sia svanito nel nulla? Dov’è andato, cosa sta combinando? Non vediamo l’ora di scoprirlo! Perchè se c’è qualcuno che può appassionarci è proprio il dio dei Misfatti!

Voto: 8/10

LEGGI ANCHE: Disney+ – Tutte le serie tv Marvel in cantiere sul nuovo canale

Frigga (Rene Russo)

Capisce troppo in fretta che il Thor versione Grande Lebowski è la versione del futuro del figlio e non si interroga neanche per un attimo sui perché e i per come di quella anomalia. Chiaro che la sua funzione fosse quella di ridare fiducia in sé stesso ad un Thor del tutto persosi nei suoi rimorsi, ma quella è una delle poche parti troppo didascaliche del film.

Voto: 6/10

agent carter jarvis

Peggy Carter (Hayley Atwell)

Abbiamo avuto modo di apprezzare il lato guerriero di Peggy Carter sia nei film su Captain America sia, in maniera più approfondita, durante le due stagioni di Agent Carter. Ma stavolta non possiamo che essere felici per lei, dal momento che ha coronato il suo sogno d’amore con l’amore della sua vita. Insomma, non sarà stata essenziale per sconfiggere Thanos. Ma è stata essenziale per la felicità di Captain America, e tanto basta a promuoverla a pieni voti!

Voto: 7/10

Howard Stark (John Slattery) + Happy Hogan (Jon Favreau)

In un certo senso, sono complementari e funzionali al lungo addio di Tony. Howard è da dove Tony ha iniziato e il dialogo con il padre è il grazie che non aveva mai avuto l’opportunità di dire. Un grazie che invece ha sempre sottinteso nel suo rapporto con Happy. Il pacioso tuttofare è la spalla fedele di cui Tony si è sempre fidato e di cui può continuare a fidarsi, sapendo che ci sarà sempre per Morgan come ci è sempre stato per lui.

Voto: 6.5/10

Comments
To Top