fbpx
Arrow

Arrow: recensione dell’episodio 4.18 – Eleven-Fifty-Nine

Arrow

Ci siamo. Nonostante la barba lunga e l’orticaria da flashback insensati, siamo arrivati finalmente a quella tomba. A quella morte che ci agitavano davanti agli occhi dall’inizio di questa quarta stagione. Era quello che volevamo? Quello che non volevamo? Ma quello che più conta, vogliamo ancora qualcosa da questo telefilm?

Credetemi, non sono una che getta nel fuoco facilmente telefilm che ha amato tanto. Ma Arrow è ormai diventato rigido e svogliato e, per quanto uno si affanni a cercare con foga quel sentimento che lo aveva portato ad amare tanto i suoi personaggi, quello che ormai rimane alla fine degli episodi è tanta frustrazione e un senso di insoddisfazione dilagante. Èarrow patologico, succede ad ogni serie che invecchia. Se all’inizio era trainata dalla freschezza dei suoi personaggi e dal loro evolversi, consumata quella miccia, finisce a bruciare i suoi personaggi in favore di eventi a casaccio. Di emozioni ad effetto, di colpi di scena rigidi e sparpagliati che trainano sì la storia, ma le sottraggono respiro e vitalità. Questo è quanto è successo a questa quarta stagione di Arrow che, a guardare indietro, sembra stracolma di avvenimenti, ma che si sono susseguiti in modo così disordinato e poco organico da farla apparire vuota e inutile. Sinceramente… da quanto è in giro Darhk? Quante centinaia di frecce ha bloccato in volo? E quante volte ha fatto finta di strozzare i nostri sollevandoli da terra? E da quanto è che noi desideriamo che esploda e ci liberi della sua presenza? E invece, guarda un po’, è tornato in libertà e ora ha un esercito di carcerati MALVAGI. Basta!
Intendiamoci, di panzanate Arrow ce ne ha sempre proposte a pigne, riuscendo però a condirle con gioiosa spacconaggine e spensierato brio, ma ora che tutto si è fatto più rigido e grigio, digerirle diventa sempre più difficile.

Ma torniamo un filo indietro ed esaminiamo bene questo episodio per capire come si sia arrivati a tutto ciò e come la povera Laurel, tirandosi una sfiga mai vista ad ogni battuta, ci abbia lasciato le penne. Perchè è questo il vero problema. Se una morte importante è supportata da una pila di cretinate, allora questa perde tutta la sua forza… per quanti pianti a cascate e violini drammatici tu possa metterci. Insomma i nostri erano finalmente riusciti a sbattere DD in carcere, a togliergli il brutto idolo e pure a farlo in pezzi! E cosa fanno poco dopo? LO AGGIUSTANO! No ragazzi, non sminuzzatelo, non polverizzatelo per poi spargerlo ai quattro venti. NO. Aggiustatelo e mettetelo pure in una teca. Il bello è che fanno pure un ragionamento chiaro sulla capacità di entrare ed uscire di Malcom dalla Arrow caverna. arrowE infatti tack, regolare: Malcom arriva, si scontra per la centesima volta con sua figlia battendola e si porta via l’idolo. Seguono disperazione e frustrazione, fino alla scoperta che dell’idolo ne manca un pezzo. Allora i nostri lo avranno saggiamente incenerito quel pezzo! Lo avranno sparato su Marte! NO. Diggle lo tiene tra i cuscini del divano di casa. Non c’è una logica, non c’è un perchè. Purtroppo potrei andare avanti così per ore ad elencarvi tutto quello che di insensato capita in questo episodio. Ma decido invece di sottolineare il comportamento totalmente fuori personaggio di Oliver, che sfonda le colonne dell’appartamento di Diggle sbattacchiandoci contro suo fratello e comportandosi come un vero invasato. Giusto per creare un po’ di tensione. Giusto per creare assurdo attrito con Diggle che più avanti dovrà pentirsene amaramente. Ma in fondo quante volte Diggle ha già detto a Oliver che è un pallone gonfiato? Quante volte Malcom ha detto a Thea che la vuole proteggere ma anche che va bene se muore? Quante volte Oliver si è incupito per il suo ruolo di vigilante, ma anche di eroe, ma anche di uomo cupo, ma anche di uomo cambiato, ma anche di uomo non cambiato affatto? Ci siamo capiti, no? Ormai è la solita salsa più o meno diluita, più o meno riproposta. Tempo di chiudere? Tempo di accorciare le stagioni? Tempo di farsi venire una vera buona idea? Forse tempo di prendere in mano questi personaggi e ragionare intensamente su dove li vogliamo fare andare. Non puoi farli fare avanti e indietro ogni due episodi, perchè allora chi se ne frega di quello che dicono oggi se domani sarà già cambiato.

Però, per quanto indispettita io possa essere da questo episodio, non voglio chiudere la recensione senza spendere due parole sulla povera Laurel che tanto e a lungo ho disprezzato, ma con la quale ormai avevo quasi fatto pace. Però, suvvia, non ci si mena così tanta sfiga da arrowsoli senza poi pagarne le conseguenze. Ma quella foto? È esistita in altri episodi o è comparsa per la prima volta nei malefici flashback? E poi come posso credere che sia resistita a naufragi, pestilenze, viaggi di ogni tipo? Perchè farmi questo sceneggiatori? Perchè? E vogliamo parlare del modo losco in cui è morta? Dobbiamo pensare che non sia davvero morta? Boh, sinceramente non mi interessa. E tantomeno mi interessa sapere quanto pesanti e depressi diventeranno tutti come risultato di questa morte. Così come non mi interessa arrivare ad un centesimo scontro finale con Darhk. Sceneggiatori, avete ammazzato tutta la poesia. Vi applaudo.

E per la serie vogliamoci più male:

-La dottoressa ausculta il cuore di Laurel attraverso un giubbino di pelle imbottito, dichiarando senza saperne nulla “Ha perso moltissimo sangue!”. Sfido che poi questa schiatta dopo essere stata dichiarata fuori pericolo.
-Esiste una persona là fuori che in alcune scene ha il compito di photoshoppare del verde sulla divisa di Green Arrow. Fateci caso.
-Un padre non dovrebbe assistere alla morte delle sue figlie. Vogliamo parlare della morte MULTIPLA delle sue figlie?? Detective Lance, hai tutto il mio affetto.
-Felicity non è comparsa per tutto un episodio e non me ne è fregato nulla.

In attesa del prossimo episodio e delle prossime recensioni ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema.

4.18 – Eleven-Fifty-Nine
  • Insensato
Sending
User Review
2.92 (12 votes)
Comments
To Top