fbpx
Arrow

Arrow: Recensione dell’episodio 4.16 – Broken Hearts

arrow 4.16 broken hearts Amy GumenickPremessa: chi scrive questa recensione è in realtà il meno indicato per rappresentare le vostre emozioni da fangirl depressa o eccitata da come sono andate le cose in questo episodio tra Felicity e Oliver. Uno a cui nun gliene pò fregà de meno insomma che la sua coppia preferita del secolo d’oro delle serie tv si sia separata in questo modo strappalacrime/ pietoso/ l’amore è morto per sempre. Quindi, per le recensioni fatte principalmente da fangirl per fangirl cambiate sito (si, sapete, quei siti che spacciano per recensioni i riassunti della puntata). Oppure potete commentare: si tratta comunque di una parte fondamentale dell’episodio da discutere in maniera razionale, com’è giusto che sia.

Gli spunti più interessanti, a mio modo di vedere, sono stati quelli non approfonditi. Certo, è innegabile che fosse il momento dello scontro-chiarimento tra Oliver e Felicity, ma forse intessere una cornice che richiamasse così chiaramente l’amore, ripescando tra l’altro un personaggio come Cupid di cui nessuno sentiva la nostalgia, è stato un po’ troppo, leggi evitabile. Rispetto allo scorso episodio, sarebbe stato abbastanza assurdo far fare un passo indietro a Felicity riguardo alla rottura. Lo è già stato vederla di nuovo in piedi sulle sue gambe, ma questo è un altro discorso: a volte sembra che gli autori facciano certe scelte senza pensare alle conseguenze, e quando vedono che i risultati sono disastrosi provano a riparare il danno nel modo più stupido possibile. Comunque, il tempo davvero ha trovato un buffo modo per sistemare le cose proprio come erano andate nella linea temporale abortita dal viaggio nel tempo di Barry vista nell’episodio crossover. Felicity non può restare con un uomo che le ha mentito: Oliver non le ha raccontato del arrow 4.16 broken hearts stephen amell emily bett rickardsbambino anche per proteggerlo, questo è vero, ma ciò che ha deluso maggiormente la ragazza è stato il fatto che lui non l’ha ritenuta degna della verità, un qualcosa che si dona spontaneamente alla donna che si ama e con cui si vuole spendere il resto della propria vita. Da qui Felicity ne ha approfittato per portare il discorso su un altro piano: sei cambiato, Oliver, è innegabile, ma sei e resterai un vigilante che rischia la vita ogni notte nel bel mezzo di una città oscura, che continuerà a mentire e a manipolare le persone pur di arrivare alla vittoria. E questo non cambierà. Quindi il matrimonio farsa inscenato solo per adescare la rossa Cupid non porta a nessun ripensamento, e non c’è nessun lieto fine (per ora… Felicity ha comunque ammesso di provare ancora qualcosa). Addirittura il team Arrow dovrà fare a meno di una risorsa che finora è stata la colonna portante della squadra. Meglio non mischiare l’amore col lavoro.

Quando parlo di spunti interessanti non approfonditi mi riferisco all’eterno conflitto irrisolto tra i vigilanti e la legge, che in questo episodio è stato vagamente accennato nel corso della vicenda giudiziaria che ha portato Damien Darhk alla carcerazione in attesa del giudizio definitivo. Non credo che lo stesso Darhk attenderà di sapere se il processo lo porterà a una condanna o a una assoluzione, evaderà molto prima. In ogni caso è stato interessante vedere come per una volta i nostri personaggi abbiano indossato le loro giacche migliori in tribunale, piuttosto che i costumi in pelle da super eroi per combattere nel nome della legge. Molto spesso i vigilanti si sostiuiscono ad essa, chi per assecondare un bisogno di diventare la legge quando quest’ultima fallisce, chi invece per imporre le proprie regole oltre i confini tra giustizia e vendetta. arrow 4.16 broken hearts stephen amellQuesta volta due cose che in genere coesistono ma si scontrano, come appunto i vigilanti e la legge, hanno lavorato fianco a fianco. È una mossa matura da parte dei super eroi capitanati da un Green Arrow che fino a quattro anni fa non avrebbe esistato ad ammazzare Darhk ed essere convinto, allo stesso tempo, di aver operato per il bene di tutti. Ora è facilmente ipotizzabile che la contromossa di Damien sarà abbastanza tremenda da portare qualcuno dei personaggi a noi più cari dritto in una tomba (e anche in questo episodio il capitano Lance si è giocato al meglio le sue carte per vincere quella bara) e che quei istinti oscuri di Oliver verranno riportati a galla. Staremo a vedere se Arrow riuscirà a sorprenderci oppure se stiamo andando verso un finale di stagione banale e prevedibile.

In attesa del prossimo episodio e delle prossime recensioni ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema.

4.16 – Broken Hearts
  • Cupid, so stupid
Sending
User Review
2.75 (4 votes)
Comments
To Top