fbpx
Recensioni Serie Tv

Arrow: Recensione dell’episodio 1.12 – Vertigo

Arrow ha ormai trovato la sua dimensione. Nel bene o nel male, la storia continua e lo show è riuscito a costruirsi un suo universo a sé stante e convincente. Tra flashbacks, villian della settimana e drama in casa Queen, le puntate procedono linearmente e conquistano l’attenzione dello spettatore.

Questa settimana poi abbiamo una guest star d’eccezione, Seth Gabel da Fringe , nel ruolo di The Count, un drug dealer del Vertigo, la droga che ha assunta da Thea le ha causato un incidente d’auto e un processo in tribunale.

arrow-vertigo112Oliver deve gestire la situazione in due diversi modi: uno familiare affrontando e discutendo con la sorella, l’altro come vigilante, cercando informazione sul pusher che sta causando così tanti problemi.  Thea riesce ad uscire di prigione grazie a Laurel e il padre, e scopre la verità su Mr Queen Senior: non era l’uomo che diceva di essere, e in passato aveva tradito la madre.

Nei flashback, intanto continuano a svelarci nuovi parti della storia. Oliver dopo aver scoperto che chi l’aveva salvato ora è passato dalla parte del nemico, è costretto ad affrontarlo in un duello all’ultimo sangue. Ma non sa che quest’ultimo in realtà  lo sta in realtà proteggendo, fingendo di ucciderlo di fronte ai loro nemici.  A fine puntata scopriamo che gli ha nascosto addosso una mappa da seguire al suo risveglio.

L’episodio si conclude con Oliver che inietta la dose di Vertigo a The count, che viene portato via in preda alle allucinazioni e al dolore fisico.

Quello che sto apprezzando di questo show, oltre al fatto che riesce a creare una trama avvincente e intricata al punto giusto, è come stanno gestendo il protagonista. Non ce lo stanno mostrando invincibile.  Forte, sicuro di sè ed eroe si, ma indistruttibile no. E così per l’ennesima volta è il suo braccio destro a salvarlo, dopo che The Count gli inietta una dose massiccia di droga.

Altro elemento che apprezzo molto è il suo lato oscuro, che a volte si mostra e si inserisce nella caratterizzazione del personaggio come la vendetta verso il villian interpretato da Seth Gabel di questo episodio.

Poi metteteci che a fine puntata c’è sempre la rivelazione che rimescola le carte in tavola,e io non posso che dare la mia benedizione alla serie.  Unica nota negativa: date un pò di spessore, o almeno di ricorrenza ai nemici presentati. Avete contattato Gabel, tenetevelo per quattro, cinque puntate. La trama orizzontale ne uscirebbe positivamente arricchita.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button