fbpx
American Horror Story

American Horror Story Hotel: Recensione dell’episodio 5.10 – She Gets Revenge

American Horror Story Hotel

Il tempo é ormai agli sgoccioli per American Horror Story Hotel. Con soltanto due episodi che ci separano dalla fine della quinta stagione, la serie targata Ryan Murphy non avrá piú molte possibilitá di riabilitarsi e di restituire al racconto il vigore che aveva cinque anni all’esordio, quando propose non solo qualcosa di innovativo, ma anche materiale di altissimo livello. La crisi di American Horror Story si era giá percepita nelle ultime due stagione e Hotel non ha fatto altro che confermarla e portarla all’apice. Questa stagione é stata finora caotica, inconsistente ed incapace di creare dei personaggi capaci di conquistare il pubblico ad un livello piú profondo, fatta eccezione per Liz Taylor che é la luce di questa annata, perché, nonostante tutti gli aspetti negativi che si possano riscontrare, gli autori della serie riescono sempre a tirare fuori delle carte che tengono gli spettatori incollati  agli schermi.

“She Gets Revenge” rappresenta in qualche modo lo specchio dell’intera stagione: un barlume di luce in una stanza buia. É soltanto un’accumulazione di storie, poco interessanti, o semplicemente sviluppate male: troppa carne al fuoco che finisce per bruciarsi, lasciando tutti a stomaco vuoto. Anche questo episodio non è da meno. Un misto di idee promettenti, momenti divertenti ed una serie di storie e personaggi ingombranti e non necessari. E a soli due episodi dalla fine invece di tirare le somme e di chiudere alcune delle storie si continua ad aggiungere.

Iniziamo con Alex e John. Dopo aver scoperto che John non é altri che il killer dei Dieci Comandamenti (e mi chiedo se qualcuno diahs voi non lo avesse previsto, perché a me é sembrata una mossa abbastanza scontata), Alex non potrebbe formare coppia migliore se non con la moglie, entrambi in gara per il premio di peggiori genitori dell’anno. La riconciliazione va di pari passo con la caccia ai bambini vampiro, storia che era stata introdotta e completamente abbandonata per poi essere ripresa a diversi episodi di distanza con dei buchi enormi nel mezzo. Proprio questa é una delle storie superflue delle quali la stagione avrebbe potuto tranquillamente fare a meno, perché non ha fatto altro che creare caos e distrarre lo spettatore, ma mi chiedo se la cospicua presenza di splatter e sesso non fosse proprio una distrazione, per distogliere l’attenzione dal fatto che gli autori hanno in realtá poco da dire.

La banda di vampiri, il cui problema poteva essere risolto uccidendoli, viene portata all’Hotel Cortez, ma sembra proprio che a nessuno importi di loro, nonostante gli autori ci abbiano provato cercando di presentarli come dei veri personaggi, fallendo miserabilmente. I piccoli vampiri non sono altro che un espediente per dare a Ramona il suo personale gruppo di seguaci o semplicemente un pranzo, perché effettivamente non sappiamo esattamente come funzioni il virus e se i vampiri possono cibarsi di sangue infetto o se questo sia un altro buco nella sceneggiatura.

ahsSorvolando sulle parti dell’episodio dedicate alla Contessa ed al suo piano, che sprizzano noia da tutti i pori, passiamo direttamente alla luce di questo episodio che, come é successo piú volte ormai in questa stagione, riguarda Liz Taylor. In questa occasione la vediamo intenta insieme d Iris a pianificare il suo suicidio, ma prima le due devono chiudere le questioni in sospeso nella loro vita per non rischiare di restare intrappolate all’Hotel Cortez e per Liz questo significa fare chiarezza nel rapporto con suo figlio Dauglas.

Quello che lei non si sarebbe aspettata, peró, é la comprensione del ragazzo, che la spingerá a scegliere la vita. Denis O’Hare regala sempre delle prestazioni straordinarie ed inoltre il suo Lz Taylor è la dimostrazione che nel momento in cui si crea un rapporto di empatia tra lo spettatore ed il personaggio, i difetti di coerenza e di trama passano quasi in secondo piano, perché c’è qualcosa di più profondo della mera logica. Ed il fatto che abbiano scelto di legare la storia di Liz a quella di Iris é una scelta molto intelligente perché entrambe rappresentano un po’ gli underdog di questa stagione e per quanto la vendetta debba essere di Ramona, sembra proprio che alla fine siano proprio loro ad averla con una scena in chiusura che ha innalzato il livello dell’intero episodio non solo per il fascino dell’immagine delle due donne, ormai in etá avanzata, che iniziano a sparare all’impazzata sulla fonte delle loro sofferenze, ma perché questo potrebbe significare la morte della Contessa e di Donovan che sono ormai ridondanti.

She Gets Revenge é sostanzialmente un winter finale al quale seguiranno soltanto due episodi, ma la matassa che é questa stagione sembra lontana dallo sciogliersi. La Contessa probabilmente non scomparirá per magia come spero, ma se anche dovesse morire ritornerá sotto forma di fantasma come tutti gli altri; Ramona recluterá i bambini con molta probabilitá (o li mangerá), Liz e Iris contro ogni mia speranza non si impossesseranno dell’hotel Cortez. Resta, peró, il caos di una stagione che sarebbe stata un completo disastro se non fosse stato per quei piccoli barlumi di luce che gli autori ci regalano di tanto in tanto.

Per tanti approfondimenti, news, foto e indiscrezioni su American Horror Story passate su questa interessantissima pagina American Horror Story ITALIA e per vedere sempre prima gli episodi seguite la pagina Facebook di Angels & Demons – Italian Subtitlese ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema

5.10 - She Gets Revenge
  • Deludente
Sending
User Review
2.36 (11 votes)
Comments
To Top