American Horror Story

American Horror Story – Hotel: Recensione dell’episodio 5.01 – Checking in

In una recente intervista all’Independent, Dustin Hoffman ha dichiarato che “la televisione non è mai stata meglio di così, mentre il cinema è ai suoi livelli più bassi degli ultimi cinquant’anni”. Il ricco e prestigioso curriculum del settantottenne attore americano è motivo più che sufficiente per prendere sul serio questa sua affermazione e interrogarsi sul perché di questa epoca d’oro del piccolo schermo. Stando al pluripremiato divo di Hollywood (definizione persino riduttiva), il motivo principale di questo sorpasso è dovuto alla ininterrotta migrazione dei migliori sceneggiatori verso il genere serie tv che ti permette di avere più tempo per narrare una storia lasciandola evolvere e caratterizzando meglio i suoi protagonisti.

Se questo è indubbiamente vero per una serie che si dipana su più stagioni, meno evidente è per quelle che si definiscono serie antologiche dove tutto si consuma nell’arco più o meno lungo di una sola annata. In questo caso, tuttavia, ciò che fidelizza il pubblico non sono né le vicende narrate né i personaggi amati, ma il ricorrere di tematiche simili. A guadagnarsi, quindi, la fiducia del pubblico è quindi lo sceneggiatore ed è lui che deve riuscire a garantire lo standard di stagione in stagione.

AmericanHorrorStory5x01IrisRyan Murphy e Brad Falchuck hanno questo compito per American Horror Story, giunto alla sua quinta edizione. Dopo aver esplorato alcuni loci iconici del genere horror nelle passate stagioni (la casa infestata in Murder House, l’istituto psichiatrico in Asylum, la congrega di streghe in Coven, il circo in Freaks Show), i due autori decidono di ambientare questo nuovo capitolo in un altro luogo ben noto agli appassionati: un hotel.

Il Bates Motel di Pyscho e l’Overlook Hotel di Shining sono solo i più illustri antecedenti ed è in particolare al secondo di questi che l’hotel Cortez sembra ispirarsi. Non nella struttura o nell’ambientazione perché l’albergo che farà impazzire Jack Torrance è una costruzione moderna chiusa nel periodo invernale, mentre l’hotel Cortez di Murphy e Falchuck è un anacronistico edificio anni 20 nel centro di una solare Los Angeles, ma sono piuttosto gli interni solitari, i rumori indecifrati, le inquadrature che corrono in corridoi interminabili. Soprattutto i bambini che appaiono e scompaiono dal nulla e il personale inquietante (una portiera tutt’altro che cortese, una cameriera che si vanta di saper togliere ogni macchia di sangue, un inserviente maschio vestito da una brutta copia di una parodia di Liz Taylor) sono fin troppo evidenti omaggi al film di Kubrick. Se da un lato era quasi inevitabile che ciò accadesse, la quasi ricercata similitudine aggiunge una patina di già visto che toglie a questa premiere ogni possibilità di sorprendere.

AmericanHorrorStory5x01ContessConsapevoli di questa perniciosa assenza, Murphy e Falchuck scelgono di puntare non sull’inatteso, ma sull’eccesso. Pochi dei personaggi e delle situazioni che riempiono i minuti di questa premiere sono innovativi, ma è il modo in cui sono presentati che li spinge tanto vicini ai limiti dell’estremo (superati i quali si rischia di scadere nella parodia trash) da illuminarli con una luce sinistra che è disturbante nel modo giusto. Non è la prima volta, infatti, che compaiono sullo schermo un serial killer che realizza tableaux vivants per punire i peccatori (perché questo sono secondo il suo insindacabile giudizio i due amanti inchiodati sul letto) né che uno psicopatico sodomizza le sue vittime con un dildo trapano (sempre se non si tratti della stessa persona, ma appare improbabile).

Entrambe le idee erano, infatti, già presenti in Seven, ma il film del 1995 diretto da David Fincher si era limitato a raccontare le gesta degli assassini, mentre qui le loro azioni sono mostrate con dovizia di particolari ed anche troppo a lungo con il chiaro intento di scioccare non per quello che si dice ma per come lo si dice. Allo stesso modo, belli e dannati con la passione per il sangue da bere spillandolo direttamente da arterie recise o dopo averlo drenato e ripulito non debuttano nel panorama seriale in questa premiere, ma è inedito il dedicare tanto minutaggio ad una orgia preparata con cura e conclusa senza risparmiare sul rosso vivo. Analogo discorso si potrebbe fare anche per la presenza di bambini dalle sembianze angeliche e i gusti inquietanti, ma diversa dal solito canovaccio è l’aver adornato la loro stanza con videogiochi ed addobbi che rimandano ad una ludoteca degli anni ottanta. Scelte rischiose perché possono attirare verso la serie critiche per il troppo indugiare in un superfluo eccesso usato per mascherare lacune di ingegno, ma che riescono comunque a insaporire una pietanza che poteva risultare imperdonabilmente insipida.

AmericanHorrorStory5x01SallyLa premiere di Hotel era tanto attesa non solo dagli aficionados di American Horror Story, ma anche dai fan della più importante new entry del cast, quella Lady Gaga chiamata a sostituire Jessica Lange che ha abbandonato la creatura che le aveva dato una seconda giovinezza televisiva. Non sorprende, quindi, che molto spazio sia riservato alla popstar neo attrice (escludendo i piccoli ruoli in Machete Kills e Sin City e qualche apparizione interpretando sé stessa) e, sorprendentemente, la cantante newyorchese se la cava piuttosto bene complice un personaggio che è stato chiaramente disegnato per lei al punto che alcune scene assomigliano quasi a suoi videoclip (e anche la scelta delle musiche aiuta questa similitudine).

Conseguenza di questo focalizzarsi su di lei è il relativamente poco tempo concesso ai volti noti Kathy Bates (forse ingabbiata in un personaggio troppo simile ai suoi precedenti) e Sarah Paulson (al debutto in un ruolo da cattiva) che sembrano quasi guest star di uno spettacolo non loro, mentre altri membri del cast delle passate stagioni mancano ancora.

Checking in (titolo obbligatorio trattandosi di un hotel) è dedicato principalmente a presentare i luoghi e i personaggi più che ad abbozzare le storie (perché sembrano essercene più di una ed ancora non è chiaro se e come si intrecceranno né quali tra i protagonisti sono umani più o meno deviati e quali esseri soprannaturali) che qui si svolgeranno. Per ora domina il rosso, colore che ha il pregio di attirare l’attenzione, ma anche il difetto di essere usato per sottolineare gli errori gravi. Saranno i prossimi episodi a dirci cosa sta indicando adesso.

Per tanti approfondimenti, news, foto e indiscrezioni su American Horror Story passate su questa interessantissima pagina American Horror Story ITALIA e per vedere sempre prima gli episodi seguite la pagina Facebook di Angels & Demons – Italian Subtitlese ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema

5.01 – Checking in
  • Introduttivo con eccesso
Sending
User Review
4.39 (31 votes)
Comments
To Top