All Eyes On

Ben Barnes: Film, carriera e curiosità sull’attore di The Punisher

ben barnes carriera westworld

Divinamente affascinante, dannatamente irresistibile. Ci sono più di cento ragioni per non confondere Ben Barnes con il suo gemello-di-madre-diversa francese, Gaspard Ulliel. Benchè entrambi abbiano l’aspetto di divinità greche e doti recitative invidiabili.

In effetti entrambi sono il volto di un profumo – Bern Barnes per Uomo di Salvatore Ferragamo e Gaspard Ulliel per Bleu de Chanel – ma soltanto uno è stato Logan in Westworld. Soltanto uno è Billy Russo nella serie tv Marvel targata Netflix The Punisher. Come ha fatto il giovane attore (con i suoi 37 anni portati benissimo) ad arrivare, nel giro di due anni, a due ruoli tanto importanti? Ebbene, scopriamolo.

Attore britannico, ma non di una famiglia d’arte

ben barnes carriera caspian

Carriera e curiosità su Ben Barnes

Ben Barnes nasce a Londra il 20 agosto 1981, segno zodiacale Leone. Nasce da due genitori normalissimi, consulente matrimoniale lei e psicologo lui. Sua madre proviene dal Sud Africa mentre suo padre è british fino al midollo. Entrambi hanno incoraggiato il figlio nel perseguire le sue inclinazioni recitative, nonostante un’iniziale titubanza.

LEGGI ANCHE: The Punisher – quando l’antieroe vince la sfida Netflix. Recensione prima stagione

Da piccolo ha fatto parte del National Music Youth Theatre, al fianco di Jude Law e Jamie Bell, iniziando così la propria carriera sul palcoscenico teatrale. La sua prima apparizione sul grande schermo, invece, risale al 2007 in Stardust, in cui interpretò la versione più giovane del padre del protagonista. Quest’ultimo era interpretato da Charlie Cox (prossimamente Daredevil nella serie omonima di Netflix). Il ruolo che tuttavia gli guadagnò la fama internazionale fu quello del Principe Caspian nel secondo e terzo film delle Cronache di Narnia. Ben Barnes, pressochè sconosciuto, riuscì a conquistare i cuori del pubblico e di (buona parte) della critica in una prova complessa ma non impossibile.

Come spesso capita, tuttavia, il ruolo di Caspian non fu il trampolino di lancio dell’attore.  Nel 2009 Oliver Parker lo scelse per interpretare Dorian Gray nella pellicola omonima. Ad oggi, quest’ultima costituisce probabilmente la sua performance più nota sul grande schermo. Il film non fu il successo sperato, benchè l’interpretazione di Ben Barnes, accanto ad un Colin Firth in ottima forma, furono le cose che maggiormente si salvarono di quell’adattamento. Un adattamento del tutto incoerente con la storia di Oscar Wilde.

Il grande schermo, tra film minori e comedy

ben barnes carriera dorian gray

Carriera e curiosità su Ben Barnes

Dopo qualche anno di quasi totale inattività, la carriera di Ben Barnes ebben un’impiccata insperata. L’attore fece la sua ricomparsa sul grande schermo nel thriller The Words, accanto a Zoe Saldana, Bradley Cooper e Jeremy Irons. L’anno successivo prese parte alla commedia The Big Wedding, con un cast stellare ma poco altro. Una trama acquosa, una storia incapace di intrattenere, stroncato da critica e pubblico con incassi vergognosi.

Ciò che apparve evidente tuttavia, soprattutto dopo quest’ultima pellicola, fu l’incapacità di Ben Barnes di distaccarsi dal genere che l’aveva reso famoso. Il principe Caspian o la dannazione dell’eterna gioventù non reggevano il confronto con la banalità di un fidanzatino alle prese con l’organizzazione di un matrimonio e le conseguenti faide familiari. Non a caso il ruolo del baronetto inglese, accanto a Kristin Scott Thomas e Jessica Biel, nel film Un matrimonio all’inglese gli calzava a pennello. Di certo la commedia più riuscita (decisamente l’unica, se vogliamo essere sinceri) della sua carriera.

Non che non abbia cercato di distaccarsi dal genere comico negli anni successivi, sia chiaro. È stato il protagonista del fantasy di Joseph Delaney, il Settimo Figlio. Un flop colossale con un incasso davvero misero, considerati il 95 milioni spesi per la realizzazione e un incasso di appena 114 milioni di dollari.

La maturità lavorativa sul piccolo schermo

ben barnes carriera westworld logan

Credits: HBO

Il 2014 ha rappresentato un punto fermo per la carriera di Ben Barnes, che ha detto addio al grande schermo per “trasferirsi” sulla cable tv. Prima HBO e poi Netflix.

Nel 2014 ha presto parte alla miniserie di tre puntate Sons of Liberty. Dal 2016 interpreta il ruolo di Logan nella serie tv Westworld e dal 2017 è Billy Russo nello spin-off di Daredevil targato Netflix, The Punishercon Deborah Ann Woll e Jon Bernthal. Quello che il piccolo schermo ha concesso a Ben Barnes è stata la capacità e la possibilità di distinguersi come prima non era riuscito a fare. Se infatti alcune pellicole sono state poco lusinghiere, le serie tv gli hanno concesso il palcoscenico più adatto ad esprimere il suo “io” artistico.

Insieme al resto del cast di The Punisher, è stato nominato ai SAG Awards del 2017.

LEGGI ANCHE: Le Cronache di Narnia – La saga diventerà una serie tv per Netflix

Vita privata e futuri progetti della carriera di Ben Barnes

Oltre ad essere un attore, Ben Barnes è anche un ottimo nuotatore e giocatore di biliardo, oltre ad essere un pianista e un bassista piuttosto capace. Dopo le riprese di Narnia è rimasto in ottimi rapporti con il resto del cast, soprattutto con Anna Popplewell, che su instagram ha definito come “una delle mie migliori amiche al mondo”.

L’attore non ha mai dato motivo di particolare scandalo nè ha avuto (nell’occhio dei paparazzi) troppe relazioni con colleghe o attrici famose. Resta tuttavia nota la sua relazione con la collega Tamsin Egerton (Camelot), che ha frequentato dal 2009 al 2010. Ha un account Instagram, Facebook e Twitter su cui posta regolarmente, sia momenti della sua vita privata che di quella lavorativa. Tra i suoi prossimi progetti c’è la serie tv Gold Digger della BBC One con Julia Ormond e Jemima Rooper.

Se avete ancora curiosità sulla carriera di Ben Barnes, o più semplicemente sull’attore, potete sempre dare un’occhiata alle 10 curiosità su di lui. Per il resto? Good luck!

Comments
To Top