fbpx
Marvel's agent of S.H.I.E.L.D.

Agents of SHIELD: Recensione degli episodi 3.06 Among us hide… e 3.07 Chaos Theory

Non c’è niente da dire, Agents of SHIELD è la miglior serie di fantascienza in circolazione. Punto.

Ma visto che faccio questo mestiere, qualcosa in più bisogna pure dirla. Chi si sarebbe aspettato di arrivare qui dopo quella prima metà di stagione della prima serie? Qualche Whedoniano della prima ora a dire il vero c’era (e ne avevamo uno pure in redazione che continuava a ripetercelo) ma il tempo non ha fatto che portare ogni stagione SHIELD ad essere migliore del periodo precedente, tanto che questo inizio di terza annata è stupefacente, come ritmo, come tematiche, come costruzione corale della storia, come gestione dei tempi scenici e come empatia che si è creata tra personaggi e il purtroppo risicato fandome.

shield 306cAndiamo con ordine: due aspetti sono fortemente interconnessi, il ritmo e la gestione dei tempi scenici.  In questi due episodi vediamo essere portate avanti alcune trame, alcune con più minutaggio e altre con meno,tra cui la caccia a Ward e all’Hydra, la ricerca di Lash e la collaborazione dello SHIELD con l’ATCU. In secondo piano, dopo l’episodio quasi “monografico” le vicende di Fitz, Simmons e del portale. Tantissima carne al fuoco in due episodi e succede davvero di tutto con un ritmo assolutamente indiavolato: trame che potrebbero durare archi di episodi lunghi che nascono, crescono e arrivano a conclusione in poco, ma senza sembrare gestite con faciloneria, anzi,con tempi stupefacenti ma che si percepiscono naturali e soprattutto non sembrano troppe come storyline perché il passaggio da una all’altra non è brusco, ma la congiunzione tra tutte le storie è data dai personaggi che ne entrano ed escono in continuazione con un intrecciarsi della trama e un interscambiabilità tra una storyline e l’altra che però non risultano affatto appesantire il tutto. Vediamo May, Daisy, Coulson, balzare da una trama all’altra con dialoghi veloci e scene d’azione ben costruite, con inversioni di rotta (di aerei) e meet-up improvvisati e con sorprese.

shield 307bQuello che rimane un po’ più in sottofondo, come dicevamo prima, in questi due episodi, è la storia del Portale e del Pianeta, un po’ perché non può competere come progressi con le altre storyline, un po’ perché ha avuto molta centralità prima e sicuramente ne riacquisterà in seguito, e qui sottolineiamo quello che dicevamo prima essere strettamente incrociato al ritmo, ossia la gestione del tempo scenico, perché ogni storia riesce a essere destinataria di un tempo a lei dedicato sufficiente e mai stucchevole, l’alternarsi delle scene, come in ogni romanzo in cui lo scrittore sa fare il suo dovere, produce nello spettatore un senso di abbandono quando si passa da una sottotrama alla successiva con un pressante desiderio di saperne di più e tornare il prima possibile a quella storyline, e fa si che al passaggio successivo il sentimento sia lo stesso anche per la seconda trama da cui si salta fuori.

Le tematiche affrontate sono le più svariate in questo inizio stagione e se il leitmotif rimane lo scontro tra agenzie segrete che è, per quanto ben fatto, il più “normale” come stralcio, tutto ciò che ci ruota intorno è estremamente stimolante, che sia riferito a questo “stargate” che porta verso mondi lontani o che si tratti di questa pandemia che trasforma inconsapevoli umani in inhumans. shield 307cQuest’ultimo, con buona pace della caccia al giovane Von Strucker, è il tema principale di questi due episodi, con le due agenzie, SHIELD e ATCU, che incarnano, col tramite di Coulson e la Price, le reazioni del genere umano a questa epidemia, il desiderio di aiutare e la paura, il voler educare ed essere ottimisti e il voler “rinchiudere”, anche se in stasi,  ed essere cinici. Daisy è la linea di congiunzione, più con i fatti che con le parole, quella che riesce a far avvicinare le due agenzie su un vedere più simile… o almeno così sembra, fino a quei secondi post sigla (lo stinger in termini tecnici) del settimo episodio in cui le carte vengono nuovamente ribaltate e l’ottica cambia vorticosamente.

Anche perché, e qui arriviamo all’ultimo dei punti elencati in apertura, l’empatia creata tra personaggi e pubblico, era stato tutto stravolto già in questi due episodi, quando la caccia al giovane von Strucker, sacrificato in nome di altri giochi loschi, porta a scoprire l’inaspettato, la vera natura di Lash, la vera natura di Andrew. shield 306bMai ci saremmo aspettati questa svolta e mai ci saremmo aspettati questa rapida gestione della cosa, ma devo dire che l’interpretazione di Blair Underwood e Ming-Na Wen, nel luogo nel quale lui la tiene prigioniera, è meravigliosa, per l’intensità dei sentimenti che mettono in campo, per quanto riescono a comunicare non solo con le parole ma soprattutto con la mimica e la gestualità, con il deliro che con atroce sofferenza il Dr. Garner pronuncia e il rassegnato dolore col quale May ascolta. Tutto questo dramma si svolge all’interno di una scena corale in cui molti dei fili dipanati nei precedenti episodi, compreso quello di Lincoln, si riannodano ma che non toglie mai la centralità al rapporto Andrew-Melinda e al sofferto sacrificio finale.

SHIELD insomma continua ad intrattenerci, a stupirci e a emozionarci. La miglior serie di fantascienza in circolazione. Punto.

Per restare sempre aggiornati su Agents of SHIELD, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per Agents of SHIELD Italia e per Marvel’s Agents of S.H.I.E.L.D. Italiae ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema

Entusiasmante
  • 3.06 Among us hide...
  • 3.07 Chaos Theory
4
Sending
User Review
4.78 (9 votes)
Comments
To Top