fbpx
Recensioni Serie TvSerie Tv

A Gifted Man – 1.08 In Case of Missed Communication e 1.09 In Case of Abnormal Rhythm

Anche in A Gifted Man nei giorni scorsi si è festeggiato il Thanksgiving, ma in un modo alquanto particolare; nell’ottavo episodio della prima stagione e in occasione di questa importante festività americana, Kate e Zeke hanno dovuto affrontare il desiderio di un paziente di morire perchè privo di ragioni per le quali vivere. Alla Clinica Sanando infatti viene portato Dennis, un uomo con seri problemi di respirazione. Prossimo al collasso, i due dottori decidono di intubarlo senza sapere che il paziente è un DNR (do not resuscitate), ha deciso cioè di rinunciare alle cure e all’intubazione in caso di problemi di salute. A causa di questo errore e del fatto che il paziente al risveglio potrebbe far causa ai dottori che l’hanno tenuto in vita contrariamente alle sue volontà, nessun ospedale è intenzionato a ricoverare l’uomo e a tenerlo in vita con il respiratore artificiale. Rimane dunque in carico ai due dottori della Clinica Sanando mantenere in vita il paziente aiutandolo nella respirazione e capire parallelamente cosa abbia innescato il collasso.

Al risveglio dell’uomo, Zeke riesce a convincere Dennis a non lasciare la Clinica in quanto la figlia è stata avvisata e sta per arrivare. In realtà la figlia non era stata contattata e per salvare l’uomo, Zeke decide di andare a cercarla per convincerla a recarsi alla Clinica per parlare con suo padre e fargli capire che la morte non è la soluzione ai suoi problemi. A fine giornata, Dennis fa pace con sua figlia e capisce finalmente l’errore che stava per compiere. Parallelamente Zeke torna a casa da sua madre, gravemente ammalata ma contento della volontà della donna di combattere la malattia per rimanere in vita il più a lungo possibile. Prima di tornare a casa Christina, la sorella di Michael Holt, regala al dottore un dolce per festeggiare il Thanksgiving. Un gesto dolcissimo che probabilmente ci preannuncia una possibile love story tra questi due personaggi.

Intanto alla Clinica Holt si presenta Lenny Jr, il figlio di Rita di ritorno dall’Afghanistan in seguito a una leggera ferita sul campo di battaglia. Rita è chiaramente al settimo cielo per il ritorno di suo figlio, ma pochi minuti dopo il ragazzo viene coinvolto in un incidente stradale. La caduta dalla moto provoca a Lenny una frattura alla colonna vertebrale e una seria compressione del midollo spinale. Il ragazzo viene subito portato con urgenza alla Holt Neuro e Michael decide di curare immediatamente il paziente, ordinando un’immagine a risonanza magnetica (MRI). Gli esami mostrano una complicazione che avrebbe potuto uccidere Lenny se Michael avesse iniziato l’operazione, rendendo l’intervento di chirurgia ancora più complicato. Temendo per la vita del ragazzo, Michael chiede a Rita e a suo marito le volontà del figlio nel caso in cui venisse richiesto l’intervento di macchinari artificiali per mantenerlo in vita. Rita riferisce a Michael di fare il possibile per salvare suo figlio, ma il marito confessa in seguito al dottore le reali volontà di suo figlio: nel caso ci fossero stati dei problemi, prima di partire per l’Afghanistan Lenny aveva scritto la sue volontà ovvero di non accanirsi nelle cure ed evitare la respirazione artificiale. Michael rimane così esterrefatto dal comportamento di Rita, lei dovrebbe capire meglio di chiunque altro le volontà del paziente e le problematiche legali nel caso in cui ci si accanisse su un paziente contro le sue volontà. Ma la disperazione nel vedere il proprio figlio in gravi condizioni ha portato Rita a dimenticare il corretto comportamento e a tentare il tutto pur di salvare Lenny. L’intervento comunque va a buon fine e Michael salva la vita al giovane ragazzo, come promesso a Rita.

Questo episodio pone in primo piano il tema dell’accanimento terapeutico e della possibilità per i pazienti di scegliere il proprio futuro, se sottomettersi cioè alla volontà del destino o combattere sino in fondo sfruttando anche le ultime tecnologie pur di non morire.

Ma “In Case of Missed Communication” rimane in mente anche per l’ottima performance di Margo Martindale, strepitosa in tutta la puntata come sempre ma davvero brava a interpretare una madre disperata davanti alla possibile morte del figlio. La sua rabbia e la sua disperazione hanno toccato veramente il cuore del telespettatore, rendendo questa puntata straordinaria, grazie anche al tanto amato lieto fine.

A Gifted Man – 1.09 In Case of Abnormal Rhythm

Una giovane ragazza collassa durante i preparativi del suo matrimonio e la madre, ex paziente di Michael, decide di portarla alla Clinica Holt per accertamenti. Durante i vari esami a stare male è in realtà la madre della ragazza che inspiegabilmente inizia ad avere problemi al petto. Dopo alcuni esami, Michael scopre un danno al cuore che deve essere operato con urgenza, un problema sorto a causa dell’abuso di alcol della donna. Lapaziente però non vuole allontanarsi da sua figlia e soprattutto è decisa a chiedere scusa alla ragazza per aver ceduto all’alcol nonostante le promesse fatte in passato. Per questo la donna decide di posticipare l’intervento e lasciare la Clinica ma, pochi istanti dopo, ha un nuovo attacco e viene ricoverata d’urgenza alla Clinica Holt. Nonostante le difficoltà, l’operazione va comunque a buon fine e madre e figlia riescono a fare pace.

Nel frattempo alla Clinica Sanando, un’insegnante (Julia interpretata da Megan Ketch) sopraggiunge con numerosi disturbi neurologici. In un primo momento, Kate e Michael pensano possa essere meningite e per questo mettono in quarantena la Clinica. Dopo alcuni accertamenti, Michael scopre alcuni morsi su una gamba della donna che confessa di aver fatto campeggio all’aperto nei giorni precedenti insieme al suo fidanzato. Quel morso potrebbe esser stato causato da un topo e per questo Michael chiede a Rita di analizzare alla Holt Neuro i test della donna che risulta purtroppo positiva alla rabbia. La condizione della donna però è disperata e non c’è più tempo neanche per una cura sperimentale scoperta da Michael dopo svariate telefonate tramite colleghi e studiosi. La donna muore così in ambulanza sotto gli occhi del fidanzato, divenuto pochi secondi prima marito grazie a una cerimonia lampo presieduta da Anton.

Devo ammettere che ero convinta dell’happy ending anche in questo eopisodio, dunque vedere la donna morire sotto gli occhi del marito è stato davvero toccante, come del resto la disperazione di Michael nel salvare a tutti i costi la donna.

Mara D.

Founder e Admin di Telefilm-Central.org. Amante delle serie tv, del cinema e dell'universo Internet :-)

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio