666 Park Avenue

666 Park Avenue: Recensione dell’episodio 1.11 – Sins of the Fathers

E’ la prima volta che ho l’onore (ma forse sarebbe più corretto dire l’onere!) di recensire 666 Park Avenue. Devo ammettere con sincerità che ho iniziato a guardare questa serie quando era già cominciata da 2-3 episodi perché avevo letto qualche commento abbastanza positivo ed incuriosito e soprattutto per la presenza di Terry O’Quinn che volevo rivedere. Dopo le prime puntate in cui sembrava che la trama si sviluppasse in modo interessante ed eravamo ancora presi dal conoscere ambientazione e personaggi, il tutto è diventato molto meno attraente: alcune situazioni le ho trovato senza senso e incomprensibili (e non perché siamo in un telefilm che tratta di soprannaturale!), mentre i personaggi hanno poco spessore e non trasmettono più di tanto. Oltretutto, dopo aver visto questo episodio e quello scorso, ho capito ancora di più perché negli USA la messa in onda delle ultime 4 puntate è stata rimandata all’estate (ricordo che queste stanno andando in onda in Spagna). In più mi chiedo una cosa già dall’inizio: ma perché Jane scende sempre nello scantinato scalza? Ti prego, vesti quei poveri piedini!

666 park avenue_111-02Venendo all’episod… ZZZZzzzZZzzzz…. RONF RONF… ah no scusate, non stavo dormendo, eh! Dicevo, ho trovato che questo episodio sia esattamente l’opposto del precedente: se nel 1.10 succedevano tantissime cose, qui non succede praticamente nulla. Tutto ciò che accade si riassume in breve. La segreta segretissima figlia dei due malefici, Laurel, suggerisce che Henry, per farsi ben volere dalla gente, salga sul pulpito di una chiesa a parlare dei suoi valori, ma non come politico, bensì come uomo – eroe – salvatore di una persona. Ovviamente Gavin ha conoscenze anche tra i cardinali e chiama uno di loro per far sì che Henry possa tenere il suo discorso in una precisa chiesa scelta da Laurel. Quest’ultima ha degli scopi nascosti nel suggerire proprio questa chiesa: sa che uno dei preti guarda i volti delle persone e vede la loro vera natura. Ci viene mostrato che quest’uomo praticamente vede gente con facce da mostri ovunque, tranne in quel boccalone di Henry che quindi cerca di mettere in guardia su ciò che Gavin realmente è. Ma questo continua a non afferrare… Comunque, Laurel ha un grimorio in cui è scritto che solo una persona del clero può uccidere “il dragone” e deve farlo con un pugnale sporco di sangue di re e pensa che un uomo di fede non potrebbe mai compiere un omicidio, ma uno che vede chi sono veramente le persone sì. Quindi procura al prete l’arma. Lui all’inizio è molto indeciso, ma poi sceglie di provare ad uccidere il diavolo. Non c’è666 park avenue_111-03 bisogno che io dica che non ci riesce e Gavin capisce subito che è colpa della figlia. Quindi lui e Olivia portano Laurel (che ha tentato di uccidere anche sua madre) dove c’è il mosaico e la “obbligano” (le virgolette sono doverose visto che lei non tenta in alcun modo di sottrarsi alla sua sorte) a scendere le scale mentre il pavimento si richiude dietro di lei. Qui trovo una cosa interessante: non ci è mai stato detto quanto Olivia sappia del marito e io ho sempre pensato sapesse poco, invece quest’ultima scena dimostra che lei sa di più di quello che io credevo.

Nel frattempo, un ringiovanito Harlan (che si fa chiamare Corey) va ad occupare l’appartamento di piccione-Maris: lui qui sta ricreando il mosaico presente nello scantinato utilizzando il sangue di ragazze che seduce e poi uccide, dicendo che stavolta deve fare le cose per bene (questa mi sembra l’unica cosa rilevante per la trama della puntata). Quali saranno le sue intenzioni? Jane, tra una litigata con Henry ed una sua proposta di matrimonio, ha a che fare con Harlan diverse volte visto che è un vicino poco educato e oltre ad aver già capito chi è, ovviamente sa che sta facendo qualcosa di losco! Ma non è finita qui. C’è anche spazio per la noiosissima coppia mal assortita e il loro terzo incomodo: Louise discute con Brian (ma anche un po’ con Alexis) e poco dopo vede i due che si baciano. Disperata ma intenzionata a farla finita con le pillole, 666 park avenue_111-04decide di buttarle tutte, ma più lei le elimina, più loro si moltiplicano! Aiuto! Così lei ricade nella dipendenza e si butta tra le braccia di quell’uomo tanto Don Giovanni incontrato nell’hotel. Harlan ti prego, dicci che lei è assolutamente necessaria per completare il mosaico! Così almeno una ce la togliamo dai piedi!

E’ così che termina anche questo inutile episodio. Siamo a due puntate dalla fine e tutto ciò che accade non dà il sentore di stare per giungere ad una conclusione, soprattutto con puntate come questa in cui la noia fa da padrona. Spero veramente che si possa arrivare ad un finale in cui si chiudono la maggior parte delle vicende, ma a questo punto ne dubito un po’.

Comments
To Top