fbpx
24

24 – Redemption

Jack Bauer è tornato! Copy that? Non so dove siate rimasti con le avventure del caro vecchio Jack nè quale messa on air abbiate modo di seguire, ma io sto guardando la settima stagione e le (dis)avventure del nostro agente federare grazie a FX – canale satellitare del pacchetto Sky – e non sto più nella pelle!

In questo speciale di due ore, il nostro amato protagonista ritorna a vestire i panni dell’eroe e del “bad ass” Jack ma nell’immaginaria nazione africana del Sangala. Sono passati circa tre anni dalla fine della season 6. Jack ha dovuto lasciare gli Stati Uniti per cercare di dare un senso alla sua vita, dopo gli ultimi scioccanti eventi; la scorsa stagione ci aveva infatti lasciati con il ritorno in America di Jack, l’aiuto che l’ex agente aveva potuto dare al CTU contro la nuova minaccia terroristica e l’addio forzato ad Audrey, tolta dalle grinfie dei cinesi.

In Sangala, Jack aiuta un vecchio amico, Carl Benton interpretato da Robert Carlyle, che dirige una scuola per bambini. Ben presto scopriamo però che Jack sta cercando parallelamente di evitare – da ben un anno – di rispondere all’ingiunzione di tornare negli Stati Uniti. Quando Carl ne viene a conoscenza, l’uomo cerca in tutti i modi di convincere Jack a recarsi all’ambasciata americana, temendo sia ripercussioni sul suo operato in Africa sia problemi in Jack stesso a causa della continua fuga. Nel frattempo i ribelli del paese stanno cercando di reclutare i bambini africani per trasformarli in spietati piccoli soldati. Quando un gruppo di ragazzi viene ucciso e i ribelli si recano alla scuola di Carl per rapirne altri, l’uomo chiede aiuto a Jack.

La maggior parte delle due ore sono incentrate sulla presentazione dei nuovi personaggi che faranno da protagonisti nella season 7, primo su tutti il nuovo Presidente americano che, per la prima volta in sette stagioni, è una donna: Allison Taylor, interpretata da Cherry Jones.  Per il resto “24 Redemption” è tutto torture, inseguimenti, sparatorie, esplosioni… La solita storia e il solito supereroe: Jack Bauer che sacrifica, come sempre, se stesso per salvare persone innocenti. Un film che, a mio avviso, aiuta a far calare il telespettatore nel “mood” della nuova stagione ma che ha ragione di esistere solamente sul piccolo schermo.

Comments
To Top