0Altre serie tv

1600 Penn: recensione dell’episodio 1.01 – Putting Out Fire

1600 Penn è una nuova divertente comedy che vede come protagonista la famiglia del Presidente degli Stati Uniti. Qui qualcuno potrebbe già avere i brividi di terrore. Ci sono stati diversi tentativi in passato e il risultato è sempre stato piuttosto deludente. Specialmente perché si trattava di sit-com.

1600penn-101-03Ma 1600 Penn riesce a mio avviso dove gli altri hanno fallito. Intanto, è una comedy con production values molto alti. Un cast niente male, a partire dalla star del musical “Book of Mormon” Josh Gad che è anche produttore e autore della serie, passando per Jenna Elfman (Dharma in Dharma e Greg) nel ruolo della matrigna con cui il padre/Presidente si è risposato. Presidente interpretato da Bill Pullman (già President nel film Indipendence Day). La figlia maggiore invece è interpretata da Martha MacIsaac.

Le storie sono quelle delle vicende da First Family con le caratteristiche di una famiglia disfunzionale. La figlia maggiore, che ha un rapporto difficile con la matrigna, scopre di essere incinta. Il figlio maggiore Skip è un imbranato totale ma dotato di quella “scintilla” umana in grado di risolvere spesso le situazioni di relazioni tra le persone. La figlia piccola di 13 anni è probabilmente lesbica e il figlio piccolo è un genio di intelligenza.

1600penn-101-05Quello che mi piace dello stile di questa serie, è che tutti i presupposti “seri” tipici delle storie con il Presidente degli Stati Uniti, sono rispettate. Servizi Segreti, Situation Room, Oval Room, incontri formali, eccetera eccetera. Non viene tutto ridotto alle solite interazioni familiari con qualche toccatina di presidenzialismo qua e là. No. Sembra di guardare i retroscena di West Wing, o di una delle tante storie presidenziali del cinema statunitense.

La serie non è priva di difetti. Qualcuno potrebbe trovarla banale e con personaggi esagerati, soprattutto per il personaggio di Skip, al limite della demenza. Personalmente invece lo trovo deliziosamente folle e soprattutto bravissimo nel suo modo di recitare lo sfigato, tratti che si porta dietro un po’ ovunque (era così il suo Elder Cunningham in Book of Mormon, così come i ruoli cameo in altre serie, come in New Girl) ma che sono sicuramente un suo punto fortissimo.

Il mio consiglio è di dare una possibilità a 1600 Penn, perché non è cheap, non è stupida e non è scontata. Bensì è intelligente, curata e a mio avviso con il giusto tasso di follia.

Comments
To Top