Once Upon a Time

Once Upon a Time: Recensione dell’ episodio 5.19 – Sisters

Once Upon a Time

Evvai, mancano “solo” quattro puntate! Bhe, forse non è così che dovrei cominciare una recensione di Once Upon a Time, ma certe cose te le tirano proprio fuori visto quello che ti propinano. Infatti, anche in questo episodio si riscontrano gli ormai soliti, tanti ed enormi difetti che non sto più ad elencare.
Bisogna ammettere, però, che questa diciannovesima puntata ha qualcosa di salvabile: sotto alcuni (minimissimi) aspetti è apprezzabile l’approfondimento e la chiusura della storia famigliare di Cora, Regina e Zelena, fosse anche solo per la speranza di non vedere più sta madre snaturata e la possibilità di chiudere questa storyline che si è trascinata ormai troppo a lungo. Settimana dedicata alle due sorelle quindi, anche se si potrebbe parlare anche di fratelli. Il focus, infatti, è principalmente su Regina e Zelena, ma viene lasciato un piccolo spazio anche all’inutile diatriba tra James e David. Inoltre, un altro piccolo minutaggio è dedicato ad un ennesimo ritorno: Peter Pan. Ma andiamo con ordine.

Once Upon a TimeRegina, non sapendo più che pesci pigliare per far ragionare Zelena sul suo rapporto con Ade, manda Hook a salvare Cora, convinta che la madre sia l’unica speranza rimasta. Il salvataggio avviene un pò troppo velocemente e facilmente come succede sempre ultimamente in Once Upon a Time (della serie: “leviamoci sta parte insulsa rapidamente di torno, tanto non frega a nessuno se avevamo detto che le prigioni di Ade sono inespugnabili”) e così Regina e Cora si riuniscono in un amorevole quadretto famigliare. Vanno subito all’attacco di Zelena facendo leva sul suo bisogno d’amore materno e provando a rifilarle una pozione che fa perdere la memoria. Ma la Wicked Witch ne ha subite troppe da parte di sua madre per poterle credere e non cade nel tranello. Ed è qui che si apre, finalmente, la possibilità per loro tre di riappacificarsi. Cora dice che il suo amore per loro è comunque sincero anche se malato e capisce che sono loro il suo conto in sospeso: mostra alle sue figlie un breve spaccato del loro passato in cui erano inseparabili, ma che lei ha fatto loro dimenticare.

Vengono così superate le diffidenze di Regina e la rabbia di Zelena e le due si avvicinano mentre Cora può passare oltre. Anche una cattiva come lei può redimersi e allo stesso tempo lo può fare Zelena che ora ha il benestare di Regina per poter provare a “cambiare” Ade. Questa parte, come detto, non mi è dispiaciuta perchè, oltre a chiudere, si spera definitivamente, questa faida famigliare, non è neanche costruita male dal punto di vista dei passaggi logici e delle emozioni che stanno dietro alle scelte dei personaggi, anche se a noi spettatori arriva poco pathos ed è troppo rapida nell’evolversi dello stato d’animo di Once Upon a TimeZelena e di Cora. La presa di coscienza da parte delle tre donne ci sta tutta, come anche l’arrivo ad un epilogo del litigio a questo punto della storia, proprio negli Inferi dove Cora ha la possibilità di trovare una vera redenzione sapendo che le sue figlie ora sono veramente sorelle.

Con il resto dell’episodio ricadiamo nelle brutture. Lo scontro tra James e David (sempre a causa delle scelte della madre) con il primo che si finge il secondo in combutta con Crudelia per giungere ai loro scopi è costruita da cani (c’è poca logica sia in ciò che avviene sia nei comportamenti dei personaggi) come anche la lotta tra i due fratelli con conseguente tuffo di James nel fiume delle anime in pena. Via un altro! Evidentemente costavano troppo gli effetti specili per replicare Josh Dallas. Comunque, a due sorelle a cui fila tutto liscio ci sono due fratelli il cui breve incontro finisce male.

Inoltre, tra gli elementi infelici, c’è Tremotino a cui non basta il sonno profondo della moglie per prendere la retta via visto che per salvare il suo futuro figlio sceglie decisamente il male e mette in gioco un’altra pedina, Peter Pan. Almeno si può dire che rimane sempre in linea con il personaggio e non diventa buono come successo con gli altri cattivi. D’altra parte, però, sembra non interessarsi per nulla agli interessi di Belle perchè in accoppiata col suo perfido padre può fare davvero del male. Una via di mezzo non c’è?

Once Upon a TimeInsomma, un altro episodio in cui, nonostante la piccola scintilla positiva, gli aspetti negativi vincono sempre a mani basse. Mi chiedo davvero quanto arriverà il momento del “the end” per Once Upon a Time, visto che arrivati a questo punto non c’è quasi più nulla di accettabile. Proprio per questo mi spaventa il brand che fa fare un sacco di soldi al network: decideranno mai di rinunciare a tutta quella grana anche se la qualità è un miraggio?

In attesa del prossimo episodio e delle prossime recensioni venite a trovarci sulla nostra pagina Facebook e metteteci un like per leggere tante novità su tv, cinema e molto altro ancora!

5.19 - Sisters
  • Scintilla in mezzo al guano
Sending
User Review
4.33 (3 votes)
Comments
To Top