fbpx
12 Monkeys

12 Monkeys: Recensione dell’episodio 1.06 – The Red Forest

Dopo cinque episodi che hanno avuto in un certo qual modo una struttura abbastanza ordinata e lineare tra flashback e viaggi avanti e indietro nel tempo, 12 Monkeys decide di cambiare le carte in tavola inserendo in modo attivo nella narrazione anche Aaron Marker e soprattutto rivelandoci un importante elemento ai fini della trama generale: Cassie è centrale nella determinazione dell’origine  del virus.
12Monkey_106-4Il ritorno di Cole del 2043 è traumatico, The West VII sono in carica ancora ma il tutto è meno spaventoso di quanto potrebbe sembrare a prima vista. A capo dei West VII c’è Ramse e non Deacon come Cole si era aspettato in un primo momento e Ramse è “good man in any reality” quindi grazie alla collaborazione della Joan di quella linea temporale, Cole viene rispedito indietro con l’obiettivo di salvare la vita a Cassie per evitare di cambiare il futuro in modo irrimediabile. Nel 2043 alternativo, infatti, le cose sembrano andare molto peggio; gente ammassata e affamata nei corridoi, strutture fatiscenti e soprattutto nessun progetto per fermare il virus.
12Monkey_106-2Cole però sfrutta lo stesso questa situazione e apprende altre importanti informazioni da quella versione alternativa di Jones (sento odore di Fringe!): il virus si è diffuso nel 2015 come parte dell’Operation Troy. Altra informazione è quella riguardante il danno irreparabile che i continui viaggi nel tempo stanno portando al fisico di Cole e qui si apre una considerazione: quanto può durare una serie con questa struttura e con questi indizi narrativi? Al di là degli ascolti sin dall’inizio poco convincenti, potrebbe anche essere stata ideata per concludersi naturalmente in due stagioni e se così fosse non penso che nessuno si lamenterebbe, ci sono degli elementi della trama che a mio avviso posso restare convincenti sono se sfruttati per raccontare delle storie brevi.
The Red Forest ci offre, come dicevo un sodalizio tra Aaron e Cole (i fans di Nikita avranno apprezzato la reunion) che finalmente iniziano a collaborare per salvare la vita a Cassie.
Le scene del tentato salvataggio, quando Cole viene ferito da Aaron e assiste al rapimento di Cassie sono ben fatte come lo sono anche quelle riguardanti il viaggio psicotico in cui è indotta Cassie.
12Monkey_106-3La foresta rossa del titolo è proprio quella che vediamo dopo che Cassie viene drogata; è stata drogata perché venisse ammorbidita prima di un interrogatorio con il “Testimone”? Oppure il Testimone che lei vede esiste in un’altra realtà e la droga che le è stata somministrata è qualcosa di simile a quello che Cole usa per viaggiare? Oppure la Red Forest altro non è che la Wormwood Forest, la foresta rossa di Chernobyl? Insomma, su questa parte di storyline si aprono mille interrogativi come quelli sull’Operation troy che Aaron ha già sentito nominare.
La forza di 12 Monkeys è quella di non cercare di apparire diversa da ciò che è realmente: una serie di puro intrattenimento.
Gli elementi chiave del genere, il ritmo e la velocità nella risoluzione di alcuni snodi narrativi centrali, che altre serie avrebbero impiegato archi di episodi lunghi a svolgere, rappresentano la vera forza della serie che pur mostrando qualche sbrodolatura qui e lì soprattutto per quanto riguarda i viaggi nel tempo: la teoria di riferimento non c’è, bensì gli sceneggiatori hanno scelto di attingere a tutto quelli venuto prima della serie generando quindi a volte confusione e qualche faciloneria di troppo.
Nonostante ciò, come dicevo, 12 Monkeys tiene lo spettatore ben concentrato durante lo svolgimento dell’episodio e l’aggiunta delle conseguenze che i viaggi stanno portando al corpo di Cole accresce l’elemento drammatico alla sua storia che non fa altro che portare lo spettatore a empatizzare con le vicende dei protagonisti.   The Red Forest è in linea con gli altri episodi precedenti con rivelazioni che se ben gestiste potrebbe aprire interessanti sviluppi per il futuro. Bisogna dirlo però, la fuga di Cassandra sotto gli occhi di tutti che caracolla correndo (anche molto piano) ma nessuno riesce ad acciuffare è sicuramente il WTF dell’episodio ma a 12 Monkeys perdoniamo anche questo per ora.

Per tutte le informazioni e novità su 12 Mokeys vi consigliamo di passare per Mi nutro di serie tv

Comments
To Top