Recensioni

The Walking Dead: Negan ha un nuovo nemico, la recensione dell’episodio 7.15

The Walking Dead

“Get on your knees”

Si conclude con questo ordine di sottomissione questo episodio che ha definitivamente chiuso i preparativi per la grande guerra tanto attesa dal primo episodio di questa settima stagione. Sottomissione è la parola che ricorre in questo mondo apocalittico, dove la morte la fa da padrona e dove i sopravvissuti si sono dovuti sottomettere a questa inspiegabile causa che li ha condannati a vagare in cerca di una soluzione. E in questo gioco dove i potenti sono i più spietati, i più deboli non possono fare altro che chinare il capo e sottomettersi a un gioco che non possono comandare, finendo per tradire amicizie e fiducie per vendere la loro a quello che sembra un rifugio più sicuro.

Dwight è solo l’ultimo della lista, l’ultimo pedone che decide di cambiare fazione, scrollandosi di dosso il nome di quel boss che gli ha sfigurato la faccia e ha dormito con la sua donna per molti anni. Forse è solo la paura quella che tiene unito il gruppo dei Salvatori e Negan sa bene come fomentarla e tenerla in vita non rinunciando a uccidere uno dei suoi per un comportamento non in linea con il suo pensiero. Ed è questa aura di potere, questa mania di controllo che hanno affascinato Eugene, vittima di questa brutale bellezza che ha Negan e che lo ha convinto che anche lui, per codardia o per rispetto, è Negan.

Eugene che ha deciso definitivamente da che parte stare e che, a parer mio, subirà un crollo destabilizzante se la battaglia dovesse pendere dalla parte di Rick e delle altre comunità. Che sia la fine di un personaggio che non ha mai avuto un grande peso nel telefilm e che ha deluso prima Abraham e poi i suoi amici vendendosi a proprio quello che ha tolto la vita agli stessi?

Dall’altro lato della medaglia (o dello scantinato) troviamo Sasha, che prova di tutto pur di sacrificare la sua vita per uccidere Negan, non piegandosi al suo “fascino” e alle sue offerte, sapendo benissimo che lo stesso la userà contro i suoi amici come scudo o come arma, inconsapevole che dietro la sua finta fedeltà, si cela una lama affilata pronta solo per essere impugnata e usata contro Negan. Se di armi stiamo parlando, non possiamo non spendere due parole sul vano tentativo della comunità di donne che si vede improvvisamente invasa dal gruppo di Rick e tradita da Tara che aveva promesso loro di non parlare mai del loro ricco arsenale d’armi. Tara, combattuta per molto tempo ma costretta all’ultimo a rivelare a Rick della loro esistenza, non si sente colpevole del suo gesto e anzi, esce di scena mandando a fanculo la comunità, consapevole che quelle armi servono più a lei che a loro.

Sottomesso è anche Gregory, sempre più vittima del potere sprigionato da Maggie e dall’alcool che gli offusca la mente e che lo spingono addirittura a pensare di uccidere la ragazza incinta, lontani dalla comunità di hilltop e da occhi indiscreti. Ma Gregory non ha nemmeno le palle per uccidere un Vagante, e questa debolezza ormai agli occhi si tramuta in rabbia e odio portandolo ad andare a chiedere aiuto a Simon, rivelandogli il pericolo che si cela tra le mura della sua comunità. Si chiude così questa penultima puntata che di sicuro non è servita a molto per i fini della trama, ma che ha aggiunto l’ultimo pezzo mancante e forse il più importante per la riuscita di un successo nella guerra contro Negan; il recupero di altre armi.

L’assalto alla comunità delle donne che ha occupato la maggior parte della puntata è stata senza colpi di scena, e la breve resistenza di Natalia non è scoppiata in un atto di suicidio/omicidio verso se stessa e Tara, lasciando la comunità e anche noi a bocca aperta. Se non fosse stato per quella tanto attesa scena e la sottomissione di Dwight, la puntata si sarebbe potuta benissimo saltare, lasciando più tempo alla vera azione e ai colpi di scena che sappiamo già si celeranno dietro l’ultima puntata. Armi in pugno, alleati a fianco, c’è solo da vedere quale delle due fazioni inizierà queste danze di morte, stupendoci magari e rabbrividendo quando le inaspettate vittime cadranno in quella che sembra la battaglia finale.

Questa settima stagione di The Walking Dead si è aperta con un gesto di sottomissione verso Rick e la comunità, incapaci di reagire davanti alla cruda e fredda morte dei loro amici sotto la mazza di Negan. Sarà proprio quest’ultimo a chinare il capo aspettando la ferrosa mazza e chiudendo definitamente questa finestra di sottomissione?

Stay tuned.

Per restare sempre aggiornati su The Walking Dead, con foto, news, interviste e curiosità, vi consigliamo di passare per The Walking Dead Italia e per The Walking Dead ITA e per vedere sempre prima gli episodi di The Walking Dead seguite la pagina Facebook di Angels & Demons – Italian Subtitles  e ricordatevi di mettere like alla nostra pagina Facebook per tutte le novità su tv e cinema

Comments
To Top