Interviste

The Mentalist: Josie Loren parla dell’episodio 7.10 Nothing Gold Can Stay

Nell’episodio numero dieci di questa ultima stagione di The Mentalist, “Nothing Gold Can Stay” (attenzione, spoiler in arrivo se non siete al passo), la scioccante quanto imprevedibile morte di Michelle Vega (interpretata da Josie Loren) ha spiazzato tutti: sebbene nel corso di queste sette stagioni siamo stati abituati a vedere tante persone morire, si tratta forse della prima volta che un membro del team principale viene ucciso così inaspettatamente. A soli tre episodi dal termine dell’intera serie, quale sarà la reazione del resto della squadra? Patrick Jane (Simon Baker) ha davvero deciso di chiuderla qui con la lotta al crimine?

the mentalistAll’indomani del tragico episodio, TvGuide.com ha intervistato la bravissima Josie Loren per saperne di più sull’uscita di scena del suo personaggio dopo soltanto dieci episodi; ecco alcuni spunti interessanti:

Intervistatore: Josie, in che modo hai scoperto che Vega sarebbe morta?

Josie Loren: ‘Tom, il nostro produttore, mi ha chiamato il giorno prima dell’inizio delle riprese e mi ha spiegato tutto quello che sarebbe accaduto al mio personaggio. Mi ha anche chiesto di non dire niente a nessuno. Quindi tutti gli altri non lo hanno saputo per molto, molto tempo. E’ stato molto difficile per me manteneree il silenzio, perchè lo sapevo fin dall’inizio quello che sarebbe successo.’

[I]: Cosa hai provato quando ti hanno dato questa notizia?

[J]: ‘Credo che la storyline del personaggio sia stata ottima. E’ vero che mi sarebbe piaciuto tanto fare i tredici episodi, perchè sia il cast che lo staff sono speciali ed è stata una grande esperienza per me, ma mi è piaciuta la storia di Vega e tutto quello che ha fatto per questo show.’

[I]: Quanto ha influenzato il tuo modo di recitare il personaggio sapendo che sarebbe morto? Avresti fatto qualcosa in modo differente se non avessi saputo ciò?

LEGGI ANCHE: Quale personaggio sei di The Mentalist?

[J]: ‘E’ strano, non ho mai visto la questione da questo punto di vista. Ma non credo che avrei fatto nulla in modo diverso. Michelle Vega è’ così ligia al dovere e alle regole, eppure con tanto cuore e tanta passione: avrei reso il personaggio in questo modo in ogni caso, sia se fosse morta sia se fosse sopravvissuta.’

josie loren[I]: Quanto è stato difficile girare la scena?

[J]: ‘E’ difficile da descrivere. Quel giorno è stato davvero lungo, quasi quindici ore di riprese ed è stata l’ultimissima scena che ho girato, mentre gli altri sono andati avanti a lavorare anche dopo. Ma per tutto quel giorno, ero triste perchè sapevo che sarebbe stato il mio ultimo. In genere invece sul set sono solare, rido, parlo con tutti. Non avevo mai girato una scena di morte, ma mi trovavo già nell’umore adatto: non mi aspettavo di riuscire a trasmettere quella tristezza anche a Vega, alla stessa Michelle che è un personaggio con cui sono cresciuta e ho imparato ad apprezzare. Sarebbe morta quel giorno e non ci sarebbe più stata nessun’altra Michelle Vega. Che cosa triste. Per quanto riguarda il girare la scena, non mi sono mai mossa da terra per quasi un’ora, mi hanno messa lì e là sono rimasta fino alla scena successiva.’

LEGGI ANCHE: The Mentalist: Recensione dell’episodio 7.12/ 7.13

[I]: E’ stato bello vedere il contrasto tra Vega e Jane in questa stagione. Il veterano e la novellina.

[J]: ‘Si, è divertente perchè è una situazione molto simile a quello che è successo sul set. Sono entrata in un telefilm dove questi ragazzi si conoscono ormai da sette anni, quindi non è stato facile neppure per me. Non ho nemmeno visto tutte le puntate della serie, prima di entrarci. Ovviamente per fare il provino ho guardato alcuni episodi per capire quello che mi aspettava, per studiare il tono e i personaggi.’

Anche Tom Szentgyorgy, produttore esecutivo della serie, ha rilasciato alcune dichiarazioni circa il prosieguo della stagione: ‘Siamo a un punto di svolta. Da un certo punto di vista, dal momento che abbiamo eliminato Red John nella sesta stagione siamo riusciti a impostare la settima non soltanto dal punto di vista di un uomo che cerca vendetta per la morte di sua moglie e sua figlia, ma anche e soprattutto un uomo che ha subito un grande trauma e sta combattendo molto duramente per riuscire ad essere veramente felice. Questi ultimi episodi rimanenti sono l’ultimo passo. Questa morte fa da catalizzatore per questo ultimo passo. Quale sia questo passo, non lo dirò. Dovrete vedere.’

Comments
To Top